Canada, Nuova Scozia, Ontario, Québec, Top

Canada orientale: 10 parchi da non perdere

I parchi del Canada orientale sono, di norma, la ragione principale per cui un viaggiatore sceglie di visitare questo straordinario paese. Il Canada, in effetti, è un territorio interessante anche per altre cose, dalle grandi metropoli cosmopolite alla moltitudine di laghi balneabili, passando magari per qualche spiaggia di sabbia bianca di cui in pochi forse conoscono l’esistenza. Che la meravigliosa natura incontaminata sia la regina indiscussa di tutto il territorio canadese è comunque cosa nota a tutti ed è per questo che questa volta vorrei proporvi una piccola guida alle aree protette più interessanti da visitare nella parte orientale del paese. Ecco dunque i 10 parchi del Canada orientale da non perdere, secondo me.

Parchi del Canada orientale.

Informazioni pratiche.

Canada Parks Pass. Prima di entrare nel dettaglio dei parchi del Canada orientale parliamo velocemente di costi e di risparmio. Se il vostro itinerario nel Canada orientale prevede la visita a diversi parchi nazionali vi consiglio di acquistare il pass annuale, ad un costo di circa 140$ per nucleo familiare fino a 7 persone (o a 57$ a persona). Attenzione però perché il pass include solo i parchi nazionali. Come vedremo, vi sono diverse aree protette che non rientrano in questo circuito in quanto amministrate dalle singole Province. Fatevi due conti prima di partire. In ogni caso il Canada Park Pass è acquistabile online sul sito ufficiale oppure direttamente in loco, in un qualsiasi parco.

canada orientale parchi
Il pass per i parchi canadesi

Quando andare. Non c’è una stagione migliore di altre per visitare i parchi del Canada orientale perché ogni periodo regala emozioni e colori diversi. L’estate è ovviamente la stagione in cui i visitatori sono molti di più, complice la bella stagione che rende quasi sempre possibile le attività all’aria aperta come l’escursionismo, il nuoto, la canoa, il campeggio. In estate i parchi hanno anche orari di apertura più ampi. L’autunno però è il momento perfetto per vedere i parchi del Canada orientale vestirsi a festa. Avete mai sentito parlare del foliage, quando boschi e foreste si coprono di mille sfumature diverse? Io credo sinceramente che non esista spettacolo altrettanto meraviglioso.

L’inverno rende tutto più complicato, complici anche le poche ore di luce, ma gli appassionati di sport invernali non converranno. Detto in altre parole, ogni stagione è buona per visitare i parchi del Canada orientale, dovete solo decidere in base a ciò che volete fare.

10 parchi del Canada orientale da non perdere.

Algonquin Provincial Park (Ontario).

Tra tutti i parchi del Canada orientale, l’Algonquin è quello che forse rappresenta meglio di tutti ciò che è il Canada, nell’immaginario collettivo: laghi, boschi di grandi aceri multicolori ed enormi pareti rocciose. Immaginatevi lo spettacolo di questo parco in autunno, nel pieno del foliage. Qualcosa di davvero indimenticabile. Il parco si trova oltretutto in una zona di transizione tra boschi di latifoglie e foreste di conifere, dunque entrambi gli ambienti sono presenti all’interno dell’area protetta.

L’Algonquin Provincial Park è il paradiso degli escursionisti, con i suoi innumerevoli percorsi panoramici, di diversa lunghezza e difficoltà. Tre sono i modi migliori per conoscere questo parco: a piedi, in bici o in canoa. Biciclette e canoe possono essere affittate in loco. Il centro visitatori sarà il vostro punto di riferimento per tutto, dalle mappe all’acquisto di souvenir. Se avete dubbi di qualsiasi genere il personale qualificato sarà a vostra disposizione per aiutarvi anche nella scelta del percorso più adatto a voi.

Il Logging Museum è la seconda attrazione da non perdere (dopo la strepitosa natura del parco, ovviamente), per conoscere storia, cultura ed evoluzione della zona. E se sempre di esposizioni vogliamo parlare, l’Algonquin Art Center propone un’ampia selezione di opere realizzate da artisti locali che ritraggono le meraviglie naturali del parco. Un pit-stop direi quasi obbligato prima di immergersi nella natura più incontaminata.

Per quanto riguarda le attività, all’Algonquin Provincial Park avrete solo l’imbarazzo della scelta per impiegare il vostro tempo: escursionismo, canottaggio, biciletta, nuoto, pesca e un sacco di sport invernali per chi visita il parco in stagione. I cosiddetti “sentieri interpretativi” sono tra i percorsi più apprezzati dai visitatori. Si tratta di sentieri studiati ad hoc per far conoscere tutti i diversi aspetti naturalistici del parco e che sono corredati da guide cartacee per permettere all’escursionista una maggiore comprensione del territorio. I sentieri interpretativi sono ben 18.

Se invece vogliamo parlare un po’ di fauna, queste sono alcune specie animali che potreste incontrare da queste parti: cervi, marmotte, lupi, orsi, tartarughe, rane rospi, salamandre oltre ad una serie pressoché infinita di uccelli.

Dove alloggiare all’Algonquin Provincial Park? Bisogna dire che tra le attività preferite dai visitatori c’è il campeggio. In altre parole, il modo migliore per inserirsi nel meraviglioso contesto naturale del parco. Le aree campeggio sono tantissime, alcune raggiungibili in auto, altre solamente a piedi. In alcuni casi avrete servizi di base come acqua ed elettricità, altre volte no. Le tariffe sono variabili. In alternativa all’interno del parco vi sono tre lodge diversi e le yurta, le tradizionali tende di forma ottagonale montate su pavimento di legno. Sono riscaldate ma non vi sono bagni al loro interno e dovrete comunque portarvi la biancheria da letto.

Questo parco del Canada orientale è situato in posizione strategica. Diciamo che si inserisce piuttosto bene nel triangolo Toronto-Ottawa-Montreal. Il parco si trova a circa 270km dalla prima, a 250km dalla seconda, a 440 dalla terza. Io ci sono arrivata dalla zona di Muskoka Lakes, da Huntsville, per la precisione. L’accesso giornaliero costa 17$ a veicolo ma se intendete pernottare all’interno del parco la tariffa sale ed è commisurata al tipo di alloggio desiderato. Per maggiori informazioni potete visitare il sito ufficiale.

canada orientale parchi
Parchi del Canada orientale: Algonquin Provincial Park

Bruce Peninsula National Park (Ontario).

La penisola di Bruce si discosta un po’ dai tradizionali itinerari tra i parchi del Canada orientale, perché un po’ dislocata. Io vi assicuro che la deviazione vale il viaggio. Il Bruce Peninsula National Park si affaccia sulle meravigliose acque della Georgian Bay, nella parte meridionale del Lake Huron. Il profilo è disegnato da scogliere frastagliate coperte di verde (o di rosso, giallo e arancione se ci passate in autunno) e i panorami tolgono il fiato. Pensate che le rocce in dolomia hanno oltre 400 milioni di anni e i cedri che crescono da queste parti superano gli 800 anni.

Fate attenzione agli orsi bruni perché ne potreste incontrare qualcuno (tutte le disposizioni di sicurezza sono sempre ben descritte negli opuscoli di tutti i parchi).

Il bouldering (ovvero l’arrampicata su massi) è l’attività preferita da chi viene da queste parti, direi anzi uno dei parchi migliori del Canada orientale per praticare questo sport. Attenzione però perché le pareti rocciose più adatte sono piuttosto isolate e nei dintorni non troverete molti servizi.

Anche in questo caso avrete diverse possibilità di alloggio. Vi sono due aree per campeggio libero lungo le rive della Georgian Bay (Stormhaven e High Dump) attrezzate con piattaforme in legno per il posizionamento delle tende e bagni con compostaggio. La prenotazione è caldamente raccomandata. C’è anche il Cyprus Lake campground, che può ospitare camper e roulottes, ma non vi sono servizi igienici. Nei mesi estivi sono disponibili anche le yurte, le tradizionali e confortevoli tende ideali per un’esperienza naturalistica con un po’ più di confort. È richiesta la prenotazione, per maggiori informazioni questo è il sito ufficiale del parco.

canada orientale cosa vedere
Veduta da un faro nel Bruce Peninsula NP

La Mauricie National Park (Québec).

Questo meraviglioso parco, tra i più visitati del Canada orientale, è situato in una posizione invidiabile, per due aspetti diversi. In primo luogo si trova a circa metà strada tra le città di Montreal e Québec, cosa che lo rende tappa quasi obbligata in un qualsiasi itinerario di viaggio in queste zone. In secondo luogo, il parco nazionale La Mauricie è situato a ridosso dei Laurentides, tra i rilievi più antichi del Canada che conferiscono all’area un ambiente unico nel suo genere.

Nella parte più settentrionale del parco si può trovare la foresta di conifere, mentre più a sud prendono posto le latifoglie. I laghi sono tantissimi, oltre 150, La Mauricie è infatti il parco ideale per dedicarsi alla canoa o al kayak.

L’escursionismo è ancora una volta l’attività predominante. Fiore all’occhiello del parco è Le Sentier Laurentien, un percorso lungo 75 km da percorre, naturalmente, in più giorni campeggiando nel cuore del parco. Il sentiero va prenotato in anticipo dato che non accettano più di 40 visitatori per volta ed è richiesto il pagamento di una tassa di 45$. Ne vale la pena, dicono. Pare sia uno dei sentieri escursionistici più suggestivi di tutto il Canada orientale.

Dove alloggiare? Come già anticipato, nel parco La Mauricie è possibile dedicarsi al campeggio libero (previa autorizzazione) oppure pernottare in apposite piazzole dotate di allacciamento elettrico. All’interno del parco c’è anche un ostello con tariffe assai vantaggiose oppure alcuni bungalow dotati di tutti i confort. Fate la spesa prima di entrare nel parco però, altrimenti non avrete di che mangiare!

L’ingresso al parco Nazionale La Mauricie costa $ 7.80 per gli adulti, $ 15.70 per le famiglie (bambini e ragazzi sotto i 17 anni entrano gratis, come in tutti gli altri parchi nazionali del Canada). Ancora una volta vi lascio il link del sito.

parchi canada orientale quebec
Parchi del Canada orientale: La Mauricie

Thousand Island National Park (Ontario).

Il parco nazionale delle mille isole è un luogo un po’ diverso da quello che potreste aspettarvi di trovare nel Canada orientale. Situata a circa metà strada tra Toronto e Montreal questa insolita area protetta include una quantità non ben definita di isole tutte dislocate nel fiume San Lorenzo, confine naturale tra Canada e Stati Uniti.

La cosa curiosa è proprio che alcuni residenti della zona sono americani mentre altri canadesi. Al di là di questo, questo insolito parco situato nel Canada orientale va visitato con una crociera, attraversando il fiume alla scoperta dei tanti, piccoli tesori nascosti della zona. La nebbia spesso molto fitta rende il paesaggio davvero suggestivo.

Il Boldt Castle è la costruzione di maggior interesse del parco. Si tratta di un imponente castello costruito nel XIX secolo e corredato di torri e mura difensive. È possibile visitarlo anche all’interno ma dovrete portare con voi il passaporto, essendo già territorio americano.

Oltre alla crociera potete percorrere la Thousand Islands Parkway, un bellissimo percorso panoramico lungo oltre 35 km da cui è possibile ammirare il San Lorenzo in tutta la sua grandezza. Fermatevi a Gananoque per un’ottima birra artigianale (nell’omonima birreria) e a Kingston, per ammirare i caratteristici edifici in stile vittoriano.

Non si paga un vero e proprio ingresso per accedere al Thousand Islands National Park. La crociera include già l’accesso al parco. Troverete in loco tantissime agenzie che propongono diverse uscite giornaliere, inclusa quella serale con cena annessa. I principali centri dove cercare alloggio sono, appunto, Gananoque e Kingston ma tutta la Thousand Islands Parkway è disseminata di hotel, lodge e campeggi. Questo è il sito internet del parco.

canada orientale cosa vedere
Il Boldt Castle, nelle Thousand Island

Killarney Provincial Park (Ontario).

Per raggiungere questo parco dobbiamo necessariamente allontanarci dalle più classiche rotte turistiche, ma in una lista con i 10 parchi del Canada orientale da non perdere non si può non inserire il Killarnery Provincial Park. Situato nella parte settentrionale della Georgian Bay, la cui costa sfoggia spettacolari rocce in granito rosa, è il luogo ideale per isolarsi dal mondo intero ed immergersi profondamente nella natura più incontaminata.

Gli appassionati di escursionismo troveranno qui uno dei percorsi più suggestivi del Canada orientale, sebbene non sia adatto proprio a tutti. Si chiama La Cloche Silhouette Trail, è lungo 80 km e richiede anche una settimana di tempo per percorrerlo tutto. Solo per i veri appassionati del genere direi (ma chissà che esperienza meravigliosa). Ovviamente non è l’unico sentiero presente nel parco, ve ne sono molti altri di diversa lunghezza e difficoltà.

Al Killarney Provincial Park si va anche per ammirare gli oltre 50 laghi presenti in zona, alcuni dei quali sono talmente limpidi da ricordare più i nostri paesaggi alpini. Non è un caso che questo parco del Canada orientale sia uno dei siti migliori al mondo per le escursioni in kayak. Altre attività da fare nel parco sono la biciletta, la pesca, la canoa e il bird-whatching (sono più di 100 le specie di uccelli presenti in zona). E tenete gli occhi bene aperti perché lungo i vostri percorsi vi potrebbe capitare di incontrare alci, cervi od orsi bruni.

L’ingresso al parco costa 11$ dollari a veicolo. All’interno troverete diverse aree per il campeggio libero a prezzi diversi. Vi sono anche yurte e cottage per un pernottamento più confortevole. Per maggiori informazioni e per la prenotazione degli alloggi vi rimando ancora una volta al sito ufficiale del parco.

canada orientale parchi
Veduta nel Killarnery NP (Fonte: Flickr)

Forillon National Parc (Québec).

Per visitare questo parco occorre spostarsi agli antipodi del Canada orientale, precisamente nell’aspra e selvaggia penisola della Gaspésie. Il parco nazionale Forillon ne costituisce l’estremità più orientale ed è l’esempio perfetto di come la natura possa essere meravigliosa e potente. Scogliere a picco sull’oceano, boschi e piccole insenature che si fanno spazio, timide, tra le rocce calcaree.

Il Forillon National Park è uno dei parchi più selvaggi di tutto il Canada orientale. Gli appassionati di escursionismo qui avranno di che meravigliarsi. Il percorso Bout du Monde è un sentiero lungo circa 8 km che vi regalerà panorami mozzafiato sull’oceano e che, se siete fortunati, vi permetterà di vedere qualche balena saltellare placida tra le onde. Luglio e agosto sono i mesi migliori per l’avvistamento, ma anche per visitare il parco in generale dato che nel resto dell’anno la zona è semi-deserta.

Il Cap Bon Ami è un luogo che vi farà quasi sentire fuori dal mondo ma è proprio da qui che avrete maggiori possibilità di vedere i maestosi cetacei. Il whale watching è in effetti una delle attività preferite da chi viene da queste parti. Vi sono due centri visitatori nel parco, dove potrete reperire mappe e tutte le informazioni di cui avete bisogno, anche per le crociere whale-whatching. Vengono organizzate anche uscite in kayak per ammirare la bellezza delle scogliere non solo dalla terraferma.

Dove alloggiare? All’interno del parco Forillon vi sono ben tre campeggi, di cui solo uno dotato di servizi igienici con acqua calda. Vi consiglio di prenotare perché in estate è difficile trovare posti liberi sul momento. In alternativa c’è un ostello, dotato anche di camere doppie. Vi rimando ancora una volta al portale del parco.

Forillon National Park of Canada 1
Forillon National Park

Parc National de la Gaspésie (Québec).

Rimaniamo all’interno della stessa penisola ma cambiamo totalmente paesaggio. Qui ci troviamo nel cuore dei Monti Appalacchi, in quello che forse è il parco montano più importante del Canada orientale. All’interno del parco nazionale della Gaspésie trovano infatti sede alcuni tra i rilievi più alti del Quebéc. Tra cime innevate e laghi ghiacciati qui il paesaggio ricorda quasi di più il nostro arco alpino che non il Nord America.

Gli appassionati di alpinismo qui troveranno pane per i loro denti, il Monte Jacques Cartier con i suoi 1268 metri è la seconda cima più alta della provincia e può essere scalato con un’escursione di circa 4 ore. I sentieri escursionistici sono molteplici ed offrono panorami che tolgono il fiato. Alci e caribù potrebbero essere i vostri timidi compagni di viaggio. Non spaventateli.

Come già accennato, la penisola della Gaspésie è zona molto poco popolosa, specie nei mesi invernali. Tenete presente che oltre alla scarsità di servizi, molti sentieri potrebbero essere chiusi fino a primavera inoltrata a causa della neve. Il mio consiglio è quello di organizzare la vostra visita in questo meraviglioso parco del Canada orientale in estate.

Al parco nazionale della Gaspésie avrete ben tre possibilità di alloggio. La prima è il classico campeggio, vi sono infatti diverse aree con piazzole sia per camper che per tende. I bungalow sono la soluzione più confortevole: spaziose casette in legno perfettamente inserite nel contesto naturale e dotate di tutti i confort. Infine, potrete alloggiare nelle tende permanenti, strutture più rustiche ma altrettanto comode. Per maggiori informazioni vi invito a visitare il sito ufficiale del parco.

canada orientale parchi
Parchi del Canada orientale: Gaspésie

Parc National du Fjord-du-Saguenay (Québec).

Il fiordo di Saguenay è a mio avviso una delle zone più suggestive del Canada orientale, sicuramente uno dei 10 parchi nazionali da vedere. Il placido e fresco fiume Saguenay, che nasce dal lago Saint-Jean, scorre attraverso un’area lunga circa 200km per poi sfociare nel mastodontico e caldo San Lorenzo. Le particolari condizioni climatiche e la temperatura dell’acqua rendono questa zona ricca di krill, motivo per cui questa è una delle zone migliori di tutto il Canada orientale per il whale-watching (per maggiori informazioni vi rimando al mio articolo sull’avvistamento balene a Tadoussac).

Il parco nazionale di Saguenay si estende su entrambe le sponde del fiordo e comprende oltre 100km di sentieri escursionistici di diversa lunghezza e difficoltà che regalano panorami davvero splendidi. Il fiordo è qualcosa di veramente indimenticabile, queste scogliere verdi smeraldo che si tuffano nell’acqua sono spettacolari. Il fiordo può essere attraversato anche in barca, con una delle tante crociere proposte dalle agenzie della zona. Oppure potete circumnavigarlo in auto, fermandovi nei punti panoramici più suggestivi. Consiglio una sosta a Sainte-Rose-des-Ventes, un paesino minuscolo arroccato sul fiordo da cui si gode un panorama unico.

Se siete appassionati di pesca questo è uno dei migliori parchi del Canada orientale per sperimentare un’uscita in barca insieme a veri professionisti. Le gite giornaliere vengono organizzate in particolare dal versante meridionale del fiordo. A Tadoussac (tappa quasi obbligata per chi viene da queste parti) troverete una miriade di agenzie che organizzano queste uscite, oltre naturalmente alle crociere per l’avvistamento balene.

Infine, segnalo agli appassionati di arrampicata che nel parco di Saguenay, nella zona della baia èternité, trova sede una spettacolare via ferrata che conta ben tre percorsi differenti. La via ferrata è percorribile solo con una guida esperta ed è riservata a gruppi di massimo 8 persone. Andrebbe prenotata possibilmente in anticipo. Potete prenotarla sul sito ufficiale del parco, le tariffe partono dai 46$.

Per quanto riguarda gli alloggi avrete davvero solo l’imbarazzo della scelta. L’intera zona del fiordo è disseminata di campeggi, motel, resort e cottage. La concentrazione maggiore è a Tadoussac e a Saguenay, ma anche lungo le sponde del fiordo si trovano diverse opzioni. Fate la spesa in città, per essere sicuri di non rimanere senza provviste. Questo il portale del parco.

canada orientale cosa vedere
Le rive del fiordo di Saguenay, Québec

Parc national de la Jacques-Cartier (Québec).

Un itinerario di viaggio tra i parchi del Canada orientale non può non includere anche il meraviglioso parco Jacques-Cartier. In primo luogo perché è situato a soli 30 minuti di auto dalla città di Québec, il che lo rende meta ideale anche per escursioni in giornata partendo proprio dal capoluogo della provincia. Oltre a questo, i panorami che troverete qui non hanno eguali in tutta la zona. Grandi altipiani montuosi si alternano a valli scoscese, in mezzo scorre il fiume Jacques Cartier, che in alcuni tratti sa essere anche piuttosto movimentato.

In questa zona la fitta vegetazione boschiva alterna betulle, grandi aceri e abeti rossi. Qui il foliage è semplicemente spettacolare. Come negli altri grandi parchi del Canada orientale, anche al Jacques-Cartier è possibile dedicarsi alle attività più disparate. Prima fra tutte, ovviamente, l’escursionismo. Prendete una mappa al centro visitatori e scegliete i percorsi che più di adattano alle vostre esigenze, oppure prendete parte ad un percorso guidato (solo in lingua francese). Molti di questi sono pensati anche per i bambini, ma si effettuano solo nella stagione estiva.

Anche in questo caso avrete diverse possibilità di alloggio: campeggio libero, yurte, casette rustiche ma confortevoli, cottage di design dotati di ogni confort. Per info e prenotazioni vi rimando come sempre al sito del parco.

canada orientale parchi
Il parco Jacques-Cartier in pieno autunno (fonte: Flickr)

Cape Breton Highland National Park (Nova Scotia).

Concludo la mia lista dei 10 parchi del Canada orientale da non perdere con una meravigliosa perla nascosta, sapendo già che la maggior parte di voi lettori non riuscirà a vederla (forse, o forse no…). Per visitare questa prodezza della natura occorre infatti andare in Nuova Scozia, una delle tre provincie marittime del Canada, non proprio la prima meta che viene in mente ad un viaggiatore italiano. Ma non posso non citare il Cape Breton Highland National Park. Il parco del Canada orientale che mi ha proprio rubato il cuore.

Scogliere verdi smeraldo che si tuffano a capofitto nel blu intenso dell’oceano, balene che saltellano placide tra le onde, silenzio, strade semi-deserte, fari. Questo è uno dei luoghi più suggestivi che abbia visto. Da Meat Cove, il punto più a nord della Nuova Scozia, si gode di un panorama davvero indescrivibile. Il Cabot Trail è un percorso ad anello che attraversa l’intero parco e che viene universalmente riconosciuto come una delle strade panoramiche più belle al mondo.

All’interno del parco vi sono 26 percorsi escursionistici, dalla semplice passeggiata panoramica al percorso di arrampicata. Il centro visitatori di Cheticamp vi fornirà una mappa dettagliata di tutto il parco. I più coraggiosi (o per meglio dire, i più allenati) possono affrontare il Cabot Trail anche in bicicletta, siate preparati però perché il dislivello in alcuni punti è notevole.

L’ingresso al parco nazionale di Cape Breton costa $ 7.80 per adulto. All’interno dell’area vi sono diversi campeggi con piazzole sia per tende che per camper. Da queste parti vanno molto i cottage, che si rivelano spesso la soluzione più pratica per alloggiare in zona. Ancora una volta vi rimando al sito ufficiale del parco.

Nuova Scozia cosa vedere
Parchi del Canada orientale: Cape Breton NP, Nova Scotia

22 thoughts on “Canada orientale: 10 parchi da non perdere

  1. Mi hai appena dato 10 validi motivi per andare in Canada! E complimentissimi per le foto..sono meravigliose!! 😍😍😍

  2. davvero incantevoli questi posti, il sogno di qualunque viaggiatore, immagini davvero fantastiche quelle che hai scelto. Ho scoperto solo ora il tuo blog e visto che parli di viaggi ti seguirò volentieri. Io ho un blog fotografico dove descrivo con brevi didascalie i miei viaggi a puntate, se ti fa piacere seguimi. 😉

  3. Che meraviglia! Un articolo denso di informazioni su quella che per me è una meta davvero tanto sognata. Solo a vedere le foto mi viene voglia di indossare gli scarponcini da trekking e partire.

  4. Quanta voglia mi hai dato!! Il Canada è un piccolo desiderio ! Per i parchi soprattutto come hai descritto molto bene! Periodo migliore? Inverno mi hanno detto troppo troppo troppo freddo! Vero anche che quello è un altro fascino!

  5. non potevo non leggere il tuo articolo sul Canada orientale! bellissimo!! la passione per quella terra ci accomuna. ci sei stata anche tu l’anno scorso in occasione del 150esimo anniversario? non avevo considerato con attenzione la parte est ma vedo che la natura impera anche qui!! devo pianificare anche questo lato!! grazie!

  6. Pensa che il Canada è un paese che mi attira incredibilmente ma che finisco sempre per dimenticare tra le varie mete di viaggio.
    Comunque questi parchi sono davvero meravigliosi e vedere le tue foto me lo farà ricordare per le prossime vacanze!
    Complimenti per l’articolo e anche per il viaggio 🙂

  7. Ho letto tutto d’un fiato il tuo racconto! Quest’anno pensavamo proprio al Canada orientale per una prossima meta con il nostro piccolino. Amiamo i parchi, la natura, gli animali e stare all’aria aperta… le tue foto mi hanno già trasportata in questi luoghi da sogno. Complimenti per l’articolo!

  8. Del Canada abbiamo visitato solo il Quèbec, perché i nostri amici vivono lì.
    Ci è rimasta però sempre la voglia di tornare per visitare anche le altre zone!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *