Canada orientale: itinerario di viaggio con bambini

mauricie canada

Un viaggio nel Canada orientale può rivelarsi un’esperienza indimenticabile anche per i piccoli viaggiatori: natura incontaminata e grandi spazi aperti, animali curiosi, clima mite e piacevole (in estate), voli diretti dall’Italia e servizi ad hoc anche per i più piccini. Questi i motivi principali (ma ve ne sono molti altri e li scopriremo presto insieme) per cui vi consiglio il Canada orientale per un viaggio con bambini, anche piccoli. In questo blog post vi propongo il nostro itinerario di tre settimane, con qualche consiglio utile per l’organizzazione del viaggio.

Le provincie dell’Ontario e del Québec sono state la nostra prima destinazione intercontinentale in tre. Nostro figlio, al momento della partenza, aveva un anno appena compiuto. Questo mio blog post dedicato al Canada orientale con bambini comincia proprio dai motivi che ci hanno spinti verso questa scelta.

Canada orientale con bambini

canada orientale con bambini
Canada orientale con bambini: il nostro itinerario

Voli dall’Italia

Il primo motivo per cui il Canada orientale si rivela una meta perfetta anche per i piccoli viaggiatori sono i voli diretti con l’Italia. Vi sono collegamenti diretti da Venezia, Milano e Roma per le città di Toronto e Montréal. Partire con un volo diretto, invece che sorbirsi uno scalo di qualche ora interrompendo quindi il tragitto a metà, è già una gran cosa! Le compagnie aeree cui far riferimento sono Air Canada, Lufthansa, Air Transat. Con un può di pazienza e giocando d’anticipo si possono trovare biglietti a meno di 500€ a persona, anche per i mesi estivi.

Se vi spaventa intraprendere un viaggio così lungo (8-9 ore) provate a dare una letta a questo piccolo manuale di sopravvivenza per viaggiare in aereo con bambini piccoli.

I bambini che viaggiano verso il Canada orientale con una di queste compagnie non pagano fino al compimento di 2 anni, sempre che ovviamente non occupino un posto a sedere e viaggino in braccio ai genitori. Quanti bagagli si possono portare a bordo? La politica della maggior parte delle compagnie aeree è cambiata già a partire dal 2018. Anche per i voli intercontinentali il bagaglio in stiva è diventato facoltativo, per imbarcarlo sarà quindi necessario pagare un surplus, almeno per chi acquista un biglietto con la cosiddetta classe “economy basic”.

I bambini che viaggiano verso il Canada saranno soggetti alla stessa politica del bagaglio applicata ai genitori, quindi se non avete acquistato il bagaglio in stiva nemmeno vostro figlio ne avrà diritto. Eccezione fatta per il passeggino, che è sempre incluso nella franchigia bagaglio dei bambini, e talvolta anche un seggiolino auto, che però per un viaggio in Canada non vi servirà (tra poco vi spiego il perché).

Nel bagaglio a mano di un bambino sarà consentito portare latte, bevande e pappe in quantità superiore rispetto a quelle normalmente previste per i liquidi. Attenzione però perché al vostro arrivo in Canada dovrete dichiarare gli alimenti che trasportate. Cibi freschi e prodotti caseari non sono ammessi. A me hanno infatti buttato via il latte, seppur ancora sigillato nella confezione originaria. Quello in polvere invece è concesso.

Bambini e jet lag

Il Canada orientale si trova a 6 ore in meno rispetto il fuso orario dell’Italia. Sono quasi sicura che una delle preoccupazioni maggiori sia quella relativa proprio al jet lag. Così come per gli adulti, anche per i bambini la questione del fuso orario può essere molto, ma molto soggettiva. Non so darvi una risposta certa in tal senso.

Mio figlio non ha mai avuto problemi di questo tipo. Durante questo nostro primo viaggio canadese non ha minimamente risentito il jet lag, adattandosi fin dal primo giorno al nuovo orario, dormendo tutta la notte e facendo pisolini pomeridiani (in auto o nel passeggino, ovviamente sta a voi organizzare la giornata in modo da farli riposare il necessario).

A differenza della sottoscritta che impiega sempre tre giorni prima di adattarsi!

Quando andare

Se vi interessano dettagli specifici sul clima canadese vi consiglio di dare un’occhiata al mio post su quando andare in Canada, ma dato che qui si parla di un itinerario specifico per bambini il mio suggerimento è quello di scegliere l’estate. In questa stagione il Canada orientale gode di un clima assai piacevole: fa caldo praticamente ovunque (ma non troppo da patire l’afa), i laghi sono balneabili ed è possibile godere al meglio di parchi e playground.

Il fattore climatico è stata una delle ragioni principali per cui abbiamo deciso di andare nel Canada orientale con un bambino ancora piccolo. Portate comunque una felpa e/o una giacca perché un paio d’ore di pioggia possono bastare per rinfrescare la temperatura anche di dieci gradi.

Noleggiare un’auto in Canada orientale con bambini

Un viaggio in Canada orientale significa, almeno per me, un itinerario on the road. Il noleggio di una macchina è condizione necessaria per muoversi in totale autonomia e raggiungere anche le zone meno turistiche, con la massima libertà. Con i bambini l’auto è comunque da preferire rispetto ai mezzi pubblici, gli spostamenti sono spesso lunghi ed è importante poter pianificare le soste in base alle proprie necessità.

Il tipo di auto sarete voi a deciderlo, in base ovviamente alle vostre esigenze. Noi abbiamo optato per una piccola, di categoria economy. In tre ci siamo stati benissimo.

Quello che invece dovreste sapere prima di partire è che il vostro seggiolino auto, quello che adoperate normalmente in Italia, in Canada non sarà utilizzabile, perché omologato alla normativa europea. Le opzioni a questo punto sono due: noleggiarne uno insieme all’auto oppure comprarne uno in loco. Questa seconda opzione è normalmente la più economica. Potrete anche pensare di ordinarne uno su Amazon Canada e farvelo recapitare direttamente in hotel al vostro arrivo. Certo poi non potrete riutilizzarlo in Italia, per lo stesso motivo.

Assicurazione sanitaria per bambini in Canada

Il Canada può vantare uno dei migliori sistemi sanitari pubblici migliori al mondo che, ahinoi, è però riservato solo ai cittadini o residenti. Noi viaggiatori italiani possiamo ovviamente beneficiarne ma non gratuitamente. Per questo è importantissimo stipulare una buona assicurazione di viaggio, che preveda una copertura per le spese sanitarie illimitata, responsabilità civile e magari anche l’annullamento. La maggior parte delle compagnie propone pacchetti famiglia assai convenienti.

Portate con voi medicinali di prima necessità, come la tachipirina, ma in Canada i farmaci generici di questo tipo si trovano al supermercato.

Mangiare in Canada

Questo è un aspetto secondo me più marginale, ma immagino che molti genitori si stiano chiedendo “Cosa può mangiare un bambino nel Canada orientale?”. La buona notizia, almeno per il portafogli, è che il 95% dei ristoranti prevede un kids menù, studiato appositamente per la clientela under 12. Di solito i menù per i bambini includono un piatto unico in porzione più piccola (hamburger, pollo, pasta, pizza, pesce) con un contorno, una bevanda e, talvolta, anche un dessert. A prezzi piccolissimi, 5-7$.

Per il resto, i supermercati canadesi sono forniti di tutto quanto siamo abituati a consumare anche in Italia: pappe pronte, omogenizzati, frutta fresca (a volte per i bambini è consentito prendere gratuitamente una banana o una mela, ho adorato questa cosa!), yogurt, succhi di frutta e tutto il resto.

Quali sono i piatti tipici del paese? Vi lascio la guida completa su cosa mangiare in Canada!

manitoulin ontario
Il nostro alloggio baby-friendly a Manitoulin Island

Alloggi baby-friendly

Un’ultima considerazione pratica prima di partire con il nostro itinerario nel Canada orientale con bambino a seguito. Gli alloggi da queste parti sono davvero a misura di bambino. Gli hotel/motel, anche quelli non particolarmente costosi, offrono doppio letto matrimoniale e la possibilità di installare gratuitamente un lettino da campeggio per bambini (consiglio comunque di verificare questa cosa prima di prenotare). Le camere sono dotate di bollitore e spesso si trovano anche frigorifero e microonde.

Nel Canada orientale vi sono poi tantissimi lodge che offrono, a prezzi di poco superiori, alloggi dotati camere separate, cucina attrezzata, terrazza e barbecue. Se preferite preparare i pasti in autonomia queste sono forse le soluzioni migliori, anche perché quasi sempre immerse in contesti naturalistici bellissimi.

Canada orientale con bambini: itinerario di 3 settimane

Giorno 1 Venezia – Toronto

Il nostro primo viaggio canadese comincia con un comodo volo diretto per Toronto da Venezia. Arriviamo in serata e alloggiamo in un hotel vicino l’aeroporto, il Monte Carlo Inn Airport Suites, perfetto per chi arriva tardi la sera. Ritiriamo subito la macchina per essere già operativi il mattino seguente.

Piccola osservazione. A chi desidera visitare il Canada orientale con bambini piccolini, consiglio un volo con arrivo nel tardo pomeriggio/sera. È il modo migliore per vincere subito il fuso orario. Si arriva, si fa una doccia e si va a dormire. Il mattino dopo si è già più o meno operativi, anche se con un po’ di stanchezza.

Giorno 2 Bruce Peninsula

Il nostro obbiettivo è quello di muoverci in direzione Manituolin Island, ma in un’unica giornata ci risulta difficile organizzare l’intero trasferimento anche con il traghetto. Ci fermiamo quindi a dormire nei pressi di Wiarton, alloggiamo al Waterview on The Bay, un motel abbastanza economico con camere basiche, ma con un meraviglioso spazio esterno, con spiaggia privata sul lago. Ci godiamo un pomeriggio di relax sulle rive della Georgian Bay.

La Bruce Peninsula meriterebbe forse più tempo rispetto al poco che gli abbiamo dedicato noi. L’omonimo parco nazionale si inserisce in un contesto naturalistico davvero unico, con le sue coste in dolomia che si affacciano direttamente sulle sponde del Lake Huron.

Se vi interessano in modo particolari i parchi, vi lascio la mia guida dedicata alle aree protette del Canada orientale.

bruce canada orientale
Bruce Peninsula, Ontario

Giorni 3-4-5 Manitoulin Island

Manitoulin Island è il posto perfetto per chi cerca silenzio, natura e tranquillità e desidera spingersi un po’ al di fuori dei classici itinerari nel Canada orientale. Per arrivarci occorre prendere un traghetto da Tobermory, nell’estremità settentrionale della Bruce Peninsula. È consigliabile prenotare in anticipo sul sito Ontario Ferries, dove potrete controllare gli orari di partenza e verificare i prezzi. I traghetti sono operativi da maggio a settembre.

Alloggiamo al Red Lodge Resort in una casetta in legno bellissima e confortevole, con terrazza panoramica sul lago, parco esterno e spiaggia privata. Assolutamente consigliato, un piccolo paradiso!

Rimaniamo a Manitoulin Island per tre giorni. Ci prendiamo il giusto tempo per esplorare l’isola con calma. Per i bambini è un luogo davvero bello, ci sono molti trail da percorrere, alcuni dei quali adatti anche per il passeggino, spiagge e cascate. L’acqua è freddina, per i più piccoli portate un costume termico. Per maggiori informazioni vi rimando alla mia guida su cosa fare e vedere a Manitoulin Island.

manitoulin spiaggia
Noi e il nostro bambino a Manitoulin Island, Canada orientale

Giorni 6-7 Muskoka Lakes

Lasciamo Manitoulin via terra, passando per Little Current. Ci fermiamo nella regione di Muskoka per due giorni, dormendo nei pressi di Huntsville, presso il Knights Inn, un motel classico, pulito, con microonde e frigorifero. Questa zona è davvero bellissima, molto amata dagli abitanti di Toronto che vengono da queste parti per concedersi un po’ di pace e natura incontaminata. Se cercate qualcosa di diverso rispetto ai tradizionali itinerari nel Canada orientale, questa è un’altra regione da vedere.

Per maggiori informazioni vi rimando alla mia guida su Muskoka Lakes.

muskoka lakes canada
Passeggiando a Muskoka Lakes, Ontario

Giorno 8 Ottawa in giornata

Il piano originale era quello di trascorrere la giornata all’Algonquin Provincial Park, ma piove a dirotto quindi “ripieghiamo” su Ottawa, che visitiamo sotto l’ombrello. Ottawa è la capitale del Canada e una città che sicuramente vale la pena vedere. Ecco la guida completa su Cosa vedere ad Ottawa.

Segnalo alcune attività da fare ad Ottawa con i bambini:

  • Museo dell’agricoltura con dimostrazioni sulla preparazione del cibo

  • Museo dell’aviazione e dello spazio, c’è un’area giochi pazzesca e tour guidati pensati proprio per i bambini

  • Il cambio della guardia potrebbe affascinare i più grandicelli, si tiene ogni mattina nei mesi estivi sulla collina del Parlamento

  • Gatineau Park, a poca distanza dal centro

  • Byward Market, per una golosissima merenda a base di dolci artigianali

canada orientale con bambini
Canada orientale con bambini: il Parlamento di Ottawa

Giorni 9-10 Montréal

Arriviamo a Montréal in serata. La stanchezza e la pioggia incessante ci consentono solamente di comprare una cena al supermercato da scaldare al microonde e andare a dormire.

Il giorno successivo lo dedichiamo alla visita della città. Direi una tappa obbligata per qualsiasi itinerario di viaggio nel Canada orientale, anche con bambini a seguito. Non alloggiamo in città, ma in zona aeroporto, presso Le Chabrol Hotel&Suites, altro business hotel dotato di tutti i comfort con un prezzo accettabile. Scelta voluta per spendere meno, gli alberghi del centro sono molto più cari. Ci muoviamo in auto e con 10$ ci assicuriamo 12 ore di parcheggio.

Montréal è una città vivace e multiculturale, da vedere con più calma se vi interessano anche i musei. Questa è la mia guida su cosa vedere a Montréal in due giorni.

Ecco alcune attività da fare a Montréal con i bambini:

  • La zip line che sorvola il porto e il vicino parco divertimenti a corde Voiles en Voiles

  • Planetario Rio Tinto Alcan

  • Parco divertimenti La Ronde

  • Montreal Science Center, con attività ludico didattiche per bambini a partire dai 4 anni

  • Montreal Biodome, un mondo in miniatura in cui attraversare la foresta pluviale, le aree polari e il fiume San Lorenzo in miniatura. Ci sono oltre 4.000 animali

montreal cosa vedere in 2 giorni
Il downtown di Montreal

Giorni 11-12-13 Québec

Da Montréal alla città di Québec sono circa 250 chilometri, una trasferta assolutamente fattibile anche per i bambini. Ci fermiamo a Trois-Rivières per il pranzo e per una passeggiata lungo il San Lorenzo. Ci fermiamo a Québec tre giorni e vi assicuro che li valgono tutti. Alloggiamo presso Hotel Le Concorde, poco fuori le mura. Si tratta di un mega-hotel ad altissimo impatto ambientale con centinaia di camere, ma di fatto è una soluzione comoda ed economica.

Québec è indubbiamente la città più bella che abbiamo visitato durante questo nostro viaggio nel Canada est. Le mura, la cittadella, il centro storico e l’atmosfera unica di questa città sono gli elementi che la rendono una tappa davvero irrinunciabile. Per saperne di più, ecco la guida completa su cosa vedere a Québec City.

Queste le attività più divertenti da fare a Québec city con i bambini:

  • Prendere la funicolare per la città bassa

  • Il mercato di Vieux-Port, per una merenda a chilometro zero

  • L’acquario di Québec

  • Il centro ludico ricreativo RécréOFUN, a 10 km dal centro città

  • Percorrere le antiche mura a piedi (no passeggino)

quebec city centro
Passeggiando lungo Rue du Tresor, la via degli artisti di Québec City

Giorni 14-15-16 Tadoussac/Fiordo di Saguenay

Da Québec a Tadoussac sono circa tre ore di auto. Se volete spezzare il viaggio vi consiglio una sosta ad Ile aux Coudres, una piccola isola nel San Lorenzo che meriterebbe di essere girata con calma, in biciletta, come fanno in molti (le noleggiano in loco).

Ci fermiamo nella zona di Saguenay tre giorni. Tadoussac è l’avamposto perfetto per l’avvistamento balene. Un’esperienza che per i vostri bambini sarà indimenticabile, possono parteciparvi anche i più piccoli, ma solo a bordo delle imbarcazioni più grandi. Per i gommoni a motore (gli Zodiac) bisogna avere almeno sei anni. Per maggiori informazioni vi lascio il mio post sull’avvistamento balene a Tadoussac.

Il fiordo di Saguenay è una zona incantevole, a prescindere dalle balene. Lungo le rive del fiordo si trovano villaggi davvero pittoreschi, incastonati in un panorama davvero unico. Noi alloggiamo allo Chalets sur le Fjord, nei pressi di L’Anse Saint Jean. L’hotel è bellissimo, con chalet superlativi, grandi e spaziosi, con vista fiordo. Si tratta in verità di una scelta “di ripiego”, avevamo prenotato un altro hotel (molto più economico) ma, causa errore di prenotazione, era già al completo. Il soggiorno alternativo ci è stato completamente rimborsato.

saguenay quebec
Veduta del fiordo di Saguenay

Giorno 17 Parc National de la Mauricie

Torniamo indietro dal fiordo di Saguenay e dedichiamo l’intera giornata successiva al Parco Nazionale La Mauricie, uno dei gioielli naturalistici del Québec, che piacerà moltissimo anche ai piccoli viaggiatori. Alcuni sentieri escursionistici sono accessibili con il passeggino, chiedete la mappa al centro visitatori.

Il parco ovviamente è enorme e non è possibile visitarlo in un solo giorno. Molti viaggiatori decidono di fermarsi all’interno per più tempo, campeggiando nel parco. Noi ci accontentiamo di qualche trail facile, che affrontiamo, appunto, con il passeggino. Ecco a voi la guida completa al Parc National de la Mauricie.

mauricie canada
Parco Nazionale La Mauricie, Canada orientale
canada orientale bambini
Nel parco La Mauricie percorrendo un sentiero con il passeggino

Giorni 18-19 Thousand Island National Park

Si tratta di un parco davvero particolare: oltre mille isole disseminate lungo il San Lorenzo, alcune delle quali ubicate in territorio statunitense. La cosa più bella da fare in questa zona, anche per i bambini, è una crociera lungo il fiume per vedere da vicino questo insolito arcipelago. La facciamo anche noi, prenotandola direttamente sul posto. L’escursione dura un paio d’ore ed è adatta anche ai più piccini.

Facciamo un giro anche a Gananoque, che consiglio per l’eccellente birrificio della città. Per maggiori informazioni, date un’occhiata alla guida del Thousand Island National Park.

Giorni 20-21 Toronto e Niagara Falls

Il nostro itinerario in Canada orientale con bimbo di un anno a seguito si conclude a Toronto, ovvero dal punto di partenza. Decidiamo di alloggiare a Oakville e di raggiungere il centro città in treno. Gli hotel nel downtown di Toronto sono davvero molto costosi, inoltre, da lì siamo anche molto più vicini per raggiungere le Cascate del Niagara il giorno successivo. Optiamo per il Sandman Hotel di Oakville. Il treno offre corse ogni 30 minuti, alcune delle quali vengono sostituite da autobus. La corsa costa intorno ai 12$ a persona (bambini gratis fino ai 12 anni).

Visitiamo Toronto in giornata, che non è moltissimo ma riusciamo comunque a fare un bel giro e vedere molte cose (questa la guida su cosa vedere a Toronto in un giorno).

Cosa fare a Toronto con i bambini?

  • Una giornata all’aperto alle Toronto Island

  • Visitare l’acquario e/o lo zoo

  • Centro scientifico dell’Ontario

  • Salire sulla CN Tower

Il secondo giorno è quello del rientro in Italia ma avendo il volo alle 22 ci siamo già organizzati per andare di buon mattino alle Cascate del Niagara, altra tappa imperdibile in un qualsiasi itinerario nel Canada orientale. Mi sono piaciute? Nì. Vi spiego perché in questo post dedicato a come visitare il lato canadese delle Cascate del Niagara in giornata.

Rientriamo in Italia con volo diretto da Toronto. Piccolo consiglio. Per chi viaggia con bambini i voli serali sono i migliori, a mio avviso. I bambini sono stanchi ed è più probabile che si addormentino. Mio figlio ha dormito dal decollo all’atterraggio!

toronto ontario
Il downtown di Toronto
niagara falls
Niagara Falls, ultima tappa del nostro viaggio in Canada orientale con bambino

28 Comments on “Canada orientale: itinerario di viaggio con bambini”

  1. Ciao Daniela 🙂
    Sai cosa manca a questo post? Una bella cartina con segnato il percorso!
    Non perchè sono pigrissima e non ho voglia di aprire viamichelin e farmela io, nono XD

  2. Sono rimasta rapita dalle foto!!! Credo che anche io punterei sulla natura e non sulle città! Quando penso al Canada penso a pace natura! Proprio come si vede dalle tue foto 😉
    Lucia

  3. Per me questo itineraro, che ho due bambini, è spettacolare! Chissà se un giorno tocchi anche a noi.. nel caso ti chiedo anche dove avete alloggiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*Accetto il trattamento dei dati (obbligatorio)