Da Dublino a Galway: il monastero di Clonmacnoise.

Che Dublino sia la meta principale dei viaggiatori che si recano in Irlanda non vi sono dubbi. La vivace capitale irlandese è infatti la destinazione prediletta per chi desidera assaporare, anche in pochi giorni, la cultura e le tradizioni della terra di smeraldo. La verità è che l’Irlanda non è solo Dublino, parliamo infatti di una terra talmente ricca di tutto (natura, cultura, storia, piatti tipici e birre eccellenti) che fermarsi alla sola capitale è davvero un peccato. Il monastero di Clonmacnoise è forse un esempio perfetto di quanto l’Irlanda possa offrire in termini di storia e tradizioni. Situato a circa metà strada tra Dublino e Galway è un sito di indubbio interesse storico che merita di essere inserito in un itinerario di viaggio più ampio. Andiamo quindi alla scoperta del monastero di Clonmacnoise.

Se avete già dato un’occhiata al mio itinerario di viaggio in Irlanda avrete già capito che il monastero di Clonmacnoise è stato uno dei tanti luoghi di interesse che ho avuto l’opportunità di visitare. Viaggiando da Dublino a Galway (un passaggio quasi obbligato per chi desidera visitare l’Irlanda nella sua interezza, o quasi) una sosta in questo bellissimo sito monastico è quasi obbligata. Non solo per la comodità geografica, quanto piuttosto per l’indubbia valenza storica di questo antico sito paleocristiano. Cominciamo dunque questa piccola guida di viaggio con un po’ di storia.

Clonmacnoise map
Il monastero di Clonmacnoise, tra Dublino e Galway

DA DUBLINO A GALWAY: IL MONASTERO DI CLONMACNOISE

STORIA. La costruzione del sito monastico di Clonmacnoise risale al 548 per opera di San Ciarán, allo scopo di fondare una vera e propria comunità ecclesiastica. Lo sviluppo iniziale non fu propriamente folgorante ma già a partire dal VII secolo la piccola comunità cominciò a crescere. Il principale punto di forza che contribuì a rendere il monastero un luogo di elevata importanza fu la posizione. Clonmacnoise si trova infatti tra lo Shannon e la Esker Riada, uno dei maggiori punti di incontro per gli scambi commerciali dell’epoca. Il sito monastico divenne in poco tempo il principale riferimento per gli eruditi del paese, attirando anche l’interesse di diversi monaci provenienti da tutta Europa che si stabilirono definitivamente a Clonmacnoise per approfondire i loro studi religiosi. La storia di Clonmacnoise non fu però sempre così felice. A partire dal XII secolo la piccola ma fiorente comunità monastica subì una serie infinita di attacchi, sia da parte dei vichinghi che degli stessi irlandesi. Intorno alla metà del XVI secolo vi fu l’ultimo, definitivo, saccheggio, ad opera degli inglesi, che segnò definitivamente la fine della vita del monastero.

LE CROCI. Le testimonianze più tangibili di quella che fu la storia di Clonmacnoise e tuttora visibili sono le innumerevoli croci celtiche, che sono oltretutto uno dei tanti simboli della terra di smeraldo e che tutti ci aspettiamo di vedere da qualche parte. La più importante tra queste è la “Croce delle Scritture” (Cross of the Scriptures), in arenaria, alta ben 4 metri (sarà difficile non notarla). Tutta la superficie è minuziosamente decorata con scene tratte dalla Bibbia e le incisioni sono tutt’oggi ben visibili. Si tratta infatti di una delle croci celtiche meglio conservate d’Irlanda. L’originale è custodita all’interno del museo mentre all’esterno è stata costruita una riproduzione. Anche la Croce del Sud è degna di particolare interesse per i preziosi bassorilievi e per la rappresentazione della crocefissione.

Clonmacnoise
Croci celtiche a Clonmacnoise

IL MUSEO. Il museo è naturalmente il fiore all’occhiello del sito monastico di Clonmacnoise. Situato subito dopo l’ingresso principale, è costituito da tre capanne dal tetto conico che rappresentano un’ottima riproduzione delle prime abitazioni costruite nella zona. Il primo consiglio è quello di assistere alla proiezione della storia del monastero, il video è davvero molto interessante, dura una ventina di minuti e gli orari vi saranno comunicati all’ingresso, c’è anche la versione in italiano. Come già anticipato, all’interno dell’esposizione troverete gli originali delle croci celtiche più importanti del monastero,  oltre ad una serie di oggetti di uso quotidiano rinvenuti nel corso di diverse opere di scavo. Il museo ospita anche un’ampia collezione di lapidi funerarie le cui incisioni sono ancora oggi ben leggibili. Sicuramente molto interessante, la visita vi impegnerà per circa 30-45 minuti.

LE CHIESE. L’intero sito monastico è disseminato di piccole Chiese, denominate più precisamente “Templi”, costruite in tempi diversi. La più importante è naturalmente la Cattedrale, immediatamente visibile subito dopo le mura. Essa costituisce in effetti la costruzione più imponente di Clonmacnoise, dall’ampio portale in stile gotico riccamente decorato di sculture. La Cattedrale fu costruita all’inizio del X secolo ma subì nel corso del tempo numerosi restauri e ricostruzioni. Nel Tempio di Ciarán si ritiene possa essere sepolto l’omonimo fondatore del monastero, al cui interno è rimasta un’antica macina in pietra usata all’epoca per la preparazione di medicinali. L’unico edificio con il tetto e dunque immediatamente riconoscibile è il Temple Connor che ancora oggi viene utilizzato dagli adepti alla Chiesa di Irlanda per alcune celebrazioni stagionali.

Clonmacnoise
La Cattedrale di Clonmacnoise
Clonmacnoise
Il Temple Connor, l’unico con il tetto e tuttora utilizzato

PERCHÉ ANDARCI. Il monastero di Clonmacnoise non è semplicemente un sito archeologico di indubbia valenza storica ma rappresenta tutto ciò che nell’immaginario collettivo è l’Irlanda. Il sito monastico è un museo a cielo aperto, ricco di testimonianze e cimeli che raccontano al meglio un’importante pagina della storia d’Irlanda, quella religiosa. Tutto questo è inserito in uno scenario naturalistico davvero bellissimo: colline verdissime a perdita d’occhio. Quando pensate all’Irlanda cosa vi viene in mente se non prati color smeraldo a perdita d’occhio? Il monastero di Clonmacnoise è essenzialmente questo e devo proprio dire che trascorrere una mattinata in questi luoghi è stata un’esperienza bellissima. Inoltre la particolare posizione privilegiata permette una visita in giornata sia da Dublino (130 km) che da Galway (80km), o di fermarvi senza troppe deviazioni se vi state muovendo da una città all’altra (come è stato nel mio caso). Con tutta sincerità devo dire che è stata una delle tappe più belle del mio viaggio in Irlanda.

ORARI DI APERTURA. Il monastero di Clonmacnoise è aperto al pubblico tutto l’anno, ma l’orario subisce alcune variazioni in base alle stagioni. Da novembre a marzo è aperto dalle 10:00 alle 17:30, da marzo a maggio dalle 10:00 alle 18:00, da giugno ad agosto dalle 9:00 alle 18:30, settembre ed ottobre di nuovo dalle 10:00 alle 18:00. L’ingresso costa 8€ per gli adulti, con riduzioni previste per gruppi, famiglie e bambini. C’è anche la possibilità di visite guidate.

Con queste ultime informazioni pratiche concludo la mia piccola guida al monastero di Clonmacnoise, bellissimo sito archeologico tra Dublino e Galway. Non mi stancherò mai di ripetere che l’Irlanda è un paese così bello che merita di essere visto nella sua interezza!

7 thoughts on “Da Dublino a Galway: il monastero di Clonmacnoise.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...