Osservare le balene a Tadoussac (Québec): mini guida di viaggio.

Tadoussac è una delle località più frequentate dai viaggiatori che si recano nella provincia di Québec, nel Canada orientale. Il motivo di tanto interesse è dato principalmente dalla presenza delle balene che a Tadoussac transitano numerose, in particolare nel periodo estivo. Tadoussac è sicuramente la località più rinomata della zona del fiordo di Saguenay, tanto è vero che molti turisti si fermano soltanto qui senza esplorare troppo la zona circostante. Questa è la mia guida di viaggio a Todoussac, con alcuni consigli utili per vedere le balene ed esplorare il territorio circostante.

A Tadoussac si va per vedere le balene, questo è certo. Se è pur vero che i grandi cetacei non si possono vedere altrove, quantomeno in zona, mi piacerebbe sottolineare il fatto che anche tutto il territorio circostante merita di essere visitato. Durante il mio primo viaggio in Canada orientale ho avuto il piacere di attraversare buona parte del fiordo di Saguenay, partendo proprio da Tadoussac sino ad arrivare a Saguenay, per poi tornare indietro dal versante opposto. È stata un’esperienza entusiasmante, i panorami che ho visto in queste zone non temono veramente confronti.

tadoussac balene

Il fiordo di Saguenay visto dal traghetto che porta a Tadoussac

OSSERVARE LE BALENE A TODOUSSAC

MINI GUIDA DI VIAGGIO

TADOUSSAC: LA CITTADINA

La cittadina di Tadoussac è situata in una posizione molto particolare, nel Canada orientale, dove il fiume Saguenay confluisce nel mastodontico San Lorenzo. Le acque dolci e fresche del primo si mescolano alle più calde e salate del secondo, creando le condizioni ottimali per la vita del krill. Non serve essere biologi marini esperti per capire che Tadoussac è quindi un luogo molto frequentato dalle balene. Il whale whatching è infatti l’attività principale di chi viene da queste parti.

Come arrivare in questa cittadina così tanto rinomata per i turisti? Tadoussac si trova a poco più di 200 chilometri dalla città di Québec. Il mio consiglio è quello di non fare tutto un dritto ma di fermarvi lungo la strada perché ci sono un sacco di cose belle da vedere. A cominciare dalla regione di Charlevoix, dichiarata Riserva della Biosfera dall’Unesco, con uno degli itinerari gastronomici (Route des Saveurs) più interessanti del Canada orientale, il Parc des Grands Jardins, La Malbaire.

Noi ci siamo fermati per visitare Île-aux-Coudres, una graziosa isoletta raggiungibile in traghetto dal paesaggio aspro ma molto suggestivo. L’ideale per una gita di un paio d’ore (o di più, se volete girarla in bicicletta). Da Baie Sainte-Catherine partono i traghetti gratuiti per Tadoussac, che sono operativi 24 ore al giorno. La traversata dura circa una decina di minuti ed il panorama è davvero bellissimo.

Tadoussac è un paese piccino e non vi sono luoghi di particolare interesse storico e culturale, ma è comunque un luogo assai suggestivo e paesaggisticamente molto bello. La maggior parte dei visitatori viene qui quasi esclusivamente per vedere le balene. Il centro è costituito da un molto, da alcuni ristoranti e qualche negozio di artigianato locale. Molto carina la passeggiata sul molto al tramonto.

Tadoussac può vantare la chiesa in legno più antica del Nord America, una curiosità che scommetto non sapevate!

Segnalo inoltre il Centro di Interpretazione dei Mammiferi Marini che propone diverse mostre multimediali per imparare a conoscere i meravigliosi cetacei. Da Tadoussac partono alcuni sentieri escursionistici di diversa lunghezza da cui è comunque possibile avvistare le balene, specie in alcuni punti panoramici ben segnalati (presso l’ufficio turistico sono disponibili le cartine). Il Pointe de l’Islet è probabilmente il percorso più bello, affacciato direttamente sul S.Lorenzo ed immerso totalmente verde. È possibile attraversarlo tramite il sentiero oppure avventurarsi direttamente sulle scogliere (postazione ideale per l’avvistamento delle balene).

Tadoussac è una tappa quasi obbligata in un itinerario di viaggio nel Canada orientale ed è molto gettonata anche tra gli stessi Canadesi. Non è raro imbattersi in comitive di turisti che partecipano a viaggi organizzati. Per questo il mio consiglio è quello di prenotare un alloggio con un discreto anticipo!

tadoussac balene

La chiesa in legno di Tadoussac (Credits by Luc Baron, licenza Creative Commons)

CROCIERE PER AVVISTARE LE BALENE A TADOUSSAC

Abbiamo detto che le balene costituiscono il motivo principale per cui la maggior parte dei viaggiatori viene a Tadoussac. Come fare per vedere questi splendidi cetacei? Cominciamo col dire che il periodo più adatto per avvistare le balene a Tadoussac è quello che va da maggio a novembre,  benché la concentrazione maggiore si abbia nei mesi di agosto, settembre ed ottobre.

Il modo migliore (ed anche quello più gettonato) per dedicarsi al whale watching è con una crociera. A Tadoussac le crociere per l’avvistamento delle balene abbondano, avrete quindi solo l’imbarazzo della scelta, dal gommone veloce alla più classica imbarcazione fluviale da oltre 600 posti. Più l’imbarcazione sarà piccola e più avrete la possibilità di avvicinarvi ai cetacei. Le compagnie di navigazione sono diverse ed ovunque in città troverete depliant informativi al riguardo. Se volete guardare qualcosa online segnalo la AML e la Otis Excursions, la Croisieres Neptune.

Io non ho fatto alcuna crociera, sarò sincera. Il motivo era prettamente pratico: avremmo voluto partecipare a quella in gommone ma, per motivi di sicurezza (giustamente) non accettano a bordo bambini con meno di 6 anni. Il nostro bimbo, al momento del viaggio, ne aveva soltanto uno quindi era proprio impossibile. Partecipare ad un’escursione di questo tipo ovviamente non garantisce al 100% di vedere le balene, ma diciamo che è un evento assai probabile!

Utile da specificare è che a bordo può fare molto freddo e di solito ci si bagna un po’ (di più se si sceglie come imbarcazione il gommone) quindi vestitevi a strati e portate un impermeabile. Non dimenticate anche un paio di calzini di ricambio. Se intendete partecipare alle escursioni whale watching in gommone tenete presente che a bordo non potrete portare nulla o quasi. Niente zaini o borse, tanto per capirsi.

Le crociere non sono comunque l’unico modo per avvistare le balene, a Tadoussac ci sono tanti altri punti di osservazione.

VEDERE LE BALENE AL CAP DE BON-DÉSIR

Di tutti i punti panoramici di Tadoussac per osservare le balene, il Cap de Bon-Désir è quello più frequentato. Non a caso, dato che è il migliore. È qui che ho trascorso una mattinata intera ed è qui che ho avuto l’occasione di vedere alcune balene nuotare placide nelle acque del San Lorenzo. Si tratta di una terrazza panoramica naturale, costituita cioè da rocce piane erose dal vento da cui si può comodamente attendere il passaggio dei grandi cetacei.

Dovrete armarvi di pazienza però, questo non è uno zoo e le balene potrebbero anche non passare per ore. Se ne avete la possibilità, andateci al mattino o nel tardo pomeriggio. Cap de Bon-Désir è gestito dal circuito dei parchi nazionali del Canada e nel centro visitatori avrete la possibilità di prenotare una visita guidata. L’ingresso costa 7,80$ dollari con riduzioni previste per bambini e famiglie.

Cap de Bon Desir

Cap de Bon Desir