Barcellona: guida al Parc Guell di Gaudi

Il Parc Guell, capolavoro indiscusso del genio Gaudi, è uno dei luoghi di Barcellona che preferisco. I motivi sono tanti, primo fra tutti il fatto che sia praticamente un museo a cielo aperto. Il Parc Guell di Gaudi non è un parco come tutti gli altri. Il Parc Guell è un’opera d’arte. È vero che si tratta di una delle maggiori attrazioni turistiche della città ma tanta notorietà (ed affluenza) non toglie nulla alla bellezza di questo parco. In questo articolo vorrei proporvi una piccola guida al Parc Guell di Gaudi, raccontarvi un po’ cosa c’è da vedere, perché mi piace tanto andarci e qualche informazione pratica (come arrivare, orari di apertura e biglietti).

Comincio spiegandovi perché il Parc Guell di Gaudi mi piace tanto. In primo luogo è stata la prima attrazione turistica che ho visto a Bercellona. Prima ancora che alla Sagrada Familia mia sorella mi ha portata qui, ed è stato un successo. Sono poi tornata al Parc Guell di Gaudi tante altre volte per accompagnare qualcuno che ancora non lo conosceva e ci torno ancora una volta ogni tanto, giusto per rinfrescarmi la memoria. Non ci vado ogni volta che mi trovo a Barcellona semplicemente perché l’ingresso è a pagamento. Mi piace perché è un parco unico nel suo genere, perché adoro le ceramiche variopinte che Gaudi adoperò praticamente ovunque e perché la vista che si gode da qui è impareggiabile. Ecco dunque la mia piccola guida al Parc Guell di Gaudi di Barcellona.

BARCELLONA: GUIDA AL PARC GUELL DI GAUDI

STORIA. Come ogni opera d’arte che si rispetti, è bene conoscere un po’ di storia prima di ammirarla in tutto il suo splendore. Il Parc Guell fu costruito tra il 1900 e il 1914 dal genio ormai universalmente riconosciuto di Antoni Gaudi. Il parco fu commissionato da Eusebi Guell, uno degli imprenditori più influenti dell’epoca, per uno scopo che inizialmente era davvero lungimirante: la costruzione di un imponente complesso residenziale costituito da alloggi di lusso. Tale progetto non fu però mai portato a termine, tant’è che la città di Barcellona divenne proprietaria del parco solo pochi anni dopo la sua costruzione. Il Parc Guell divenne quindi un luogo di pubblico accesso. Il Parc Guell di Gaudì trova sede sul Monte Carmelo ed è per questo che offre ai suoi visitatori una vista panoramica davvero unica, oltre naturalmente alle opere architettoniche realizzate dal genio artistico di Gaudi. Il Parc Guell viene considerato come uno dei massimi capolavori dell’architetto catalano e un soggiorno nella splendida città di Barcellona non può prescindere, a mio parere, da una visita a questo parco.

LA SCALINATA. L’ingresso al Parc Guell di Gaudi è situato sul lato di Carrer d’Olot. La scelta non è casuale ovviamente perché da qui si può ammirare la celebre scalinata che conduce al parco, interamente adornata da splendide ceramiche variopinte, tratto distintivo del genio artistico di Gaudi. Già dalla scalinata riuscirete a vedere l’imponente Hypostyle Room, la grande stanza sorretta da torri che è diventata uno dei simboli maggiormente riconoscibili non solo del parco, ma dell’intera città di Barcellona. Subito di fianco la scalinata si trova la Casa del Guarda, un tempo residenza del custode, il cui tetto è anch’esso decorato con le preziose ceramiche tanto amate da Gaudi. Lo stile inconfondibile dell’architetto catalano è immediatamente riconoscibile anche in questa costruzione.

La scalinata in realtà è divisa in due sezioni al centro delle quali regna sovrana la gigantesca salamandra, interamente rivestita di ceramiche multicolori, divenuta ormai uno dei maggiori simboli della città di Barcellona. Vi sfido ad entrare in un negozio di souvenir senza trovarne una miniatura, in almeno 10 varianti diverse. Ai lati della scalinata potrete osservare i muri anch’essi riccamente decorati dall’ormai tipico mosaico di ceramica. Tutta la scalinata è oggettivamente un capolavoro, il problema è che, come avrete già immaginato, è sempre molto affollata e riuscire a fotografarla senza almeno qualche turista in posa sarà un’impresa assai ardua. Poco male, godetevela per quello che in realtà è: un incredibile capolavoro di architettura.

parc guell barcellona
Ecco cosa intendo quando dico che la scalinata del Parc Guell è sempre molto affollata!
parc guell barcellona
La casa del Guarda

HYPOSTYLE ROOM. La sala Hipostila è indubbiamente il luogo più visitato del Parc Guell e di certo anche il più suggestivo. In questa sala il genio creativo di Gaudi si esprime penso nel modo più grande. In origine questo enorme atrio doveva servire per il mercato per quello che avrebbe dovuto essere il centro residenziale più lussuoso di Barcellona. Situata dopo la sommità della scalinata principale, questa enorme sala è sorretta da 86 torri di ispirazione dorica, alcune delle quali inclinate in maniera tale da far sembrare il tutto una sinuosa spirale, in un gioco di movimenti veramente impressionate. Trovarsi nel mezzo è qualcosa di davvero particolare, quasi surreale. Il soffitto è ancora una volta caratterizzato dalla presenza delle ceramiche, tanto care a Gaudi. Uno spettacolo, se devo essere sincera.

parc guell barcellona
Le ceramiche della sala hipostila
parc guell barcellona
Le torri doriche della sala hipostila
parc guell barcellona
Il dettaglio del profilo della terrazza

LA TERRAZZA. La grande terrazza posta sopra la sala Hipostila, chiamata anche Plaza de la Naturaleza, è un altro punto di largo interesse all’interno del Parc Guell, che come ormai avrete potuto capire è uno dei luoghi più visitati di tutta Barcellona. La particolarità è che tutto il perimetro è delimitato una panchina che riproduce le sembianze di un serpente marino, le cui onde riprendono il gioco di movimento della grande sala sottostante. Naturalmente qui ci si può sedere e godere dello splendido panorama. Da qui si può vedere (e fotografare) la Sagrada Familia in tutta la sua interezza. Dalla grande terrazza panoramica parte poi un piccolo sentiero fra gli alberi, un po’ in salita, che porta al punto più alto del Parc Guell, una specie di piccolo cocuzzolo ben segnalato da una croce in pietra e da cui poterete vedere Barcellona in tutta la sua vastità. Questo è il luogo che preferisco, benché purtroppo sia sempre molto affollato, io stessa non ho una foto in cui non compaia almeno un’altra persona! Ecco se viaggiate con bambini piccoli sappiate che non potrete arrivarci con il passeggino.

INFORMAZIONI PRATICHE. Vediamo ora qualche informazione pratica, utile a chi desidera visitare il parco. Dove si trova il Parc Guell? Come arrivarci? La metro, secondo me, è sempre il mezzo migliore per muoversi a Barcellona. Per il Parc Guell prendete la linea verde L3 e scendete a Vallcarca o Lesseps. Il prezzo del biglietto per accedere al Parc Guell è di 8€ (7 se lo comprate online sul sito ufficiale), i bambini sotto i 6 anni entrano gratis mentre una riduzione è prevista per i bambini più grandi e per gli over 65. Il parco è aperto in inverno fino alle 18:30, fino alle 21:30 da maggio ad agosto e fino alle 20:30 nei mesi di settembre e ottobre.

La mia piccola guida al Parc Guell di Gaudi finisce qui. Barcellona è una città dalle infinite possibilità. E quando dico infinite intendo proprio dire che, volendo, c’è sempre qualcosa che ancora non si è visto, anche dopo tanti anni che la si frequenta. Il Parc Guell comunque è una di quelle attrazioni da vedere obbligatoriamente durante una prima visita al capoluogo catalano perciò, se avete in previsione un viaggio a Barcellona, non dimenticate di inserirlo nella vostra tabella di marcia. Dopo la visita, se siete stanchi, potrete sempre rifrescarvi con un succo di frutta fresca al mercato della Boqueria oppure gustare uno dei tanti piatti tipici di Barcellona!

parc guell barcellona
La magnifica vista dal punto panoramico

13 thoughts on “Barcellona: guida al Parc Guell di Gaudi

  1. Il Parc Guell è senza dubbio quello che preferisco di Barcellona. E’ una città indubbiamente interessantissima, ma che non mi ha mai presa del tutto. Tranne il parco, sono sicura che un pezzettino del mio cuore è rimasto su quella terrazza

    Mi piace

  2. Anche per me il Parck Guell è uno dei posti più spettacolari di Barcellona. Non ridere ma sai che salendo la scalinata faceva talmente caldo e c’era così tanta gente che non ho visto le decorazioni? Che vergogna! Ma mi sentivo morire per l’aria rovente e per la gente che spintonava 😉

    Mi piace

  3. Barcellona è una città molto affascinante. Dopo la Sagrada famiglia Questo parco è una delle cose che mi ha affascinato di più. Ovunque ti giri ci sono dei capolavori e l’atmosfera mi è sembrata magica

    Mi piace

  4. Una delle cose che mi pento di non aver visto a Barcellona, mannaggia a me. In realtà non sono nemmeno entrata a Casa Battlo’ e Casa Mila’ (le avrò scritte bene? Boh), ma il Parc Guell m’è rimasto proprio sul groppone.

    Ps. A me la scala non dispiace anche con la gente sopra! Ha un suo fascino anche così 😉

    Mi piace

  5. Una delle cose da vedere assolutamente a Barcellona le cose che più mi sono piaciute sono la sala ipostila e la terrazza 🙂 Pure io avevo trovato la scalinata molto affollata ma ero riuscita a fare qualche foto con poca gente! All’epoca non si pagava ancora l’ingresso.

    Mi piace

  6. Forse te lo avevo già detto, ma Barcellona è una delle mie città preferite e ora ti dico anche che Parc Guell è uno dei miei posti preferiti in città, l’altro è Plaza de Espana con la sua maestosa fontana!!! Gaudì era un vero genio e nel suo parco ha espresso la sua arte nel migliore dei modi, a mio avviso! La cosa che preferisco fare li è sedermi sulla terrazza e guardare Barcellona dall’alto!!!

    Liked by 1 persona

      1. Io l’ho visto a settembre tanti tanti anni fa! Musica dei Queen e spettacolo della fontana con giochi d’acqua e luci! Avevo 17 anni…ho pianto ❤️

        Mi piace

  7. Ci sono stata tanto (troppo) tempo fa in gita con la scuola! La scalinata anche a quel tempo era super affollata! 😉 in ogni caso come dici tu (entrata a pagamento o no) merita la visita! È un esplosione di colori e fantasia! E la vista dalla terrazza è il top! Vorrei tornare per portarci anche il mio ragazzo, non c’è mai stato e so che apprezzerebbe molto! Vedremo di farci una sosta al piu presto! 😉

    Mi piace

  8. Il Parc Guell per me, è il posto più bello che ho avuto la possibilità di visitare a Barcellona alcuni anni fa.
    Noi l’abbiamo percorso, dall’alto verso il basso (evitando così la salita).
    Tutti quei colori e mosaici sono stupendi. Bellissimo articolo e fotografie 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...