Una giornata al Fico di Bologna, parco divertimenti gourmet per tutta la famiglia.

Ne avrete sentito parlare tutti, il 15 novembre 2017 ha aperto i battenti il Fico, la grande esposizione permanente dedicata al mercato agroalimentare voluta da Oscar Farinetti, patron di Eataly, e creata in collaborazione con il Comune di Bologna, l’Università ed altre aziende private come, ad esempio, la Coop. Il Fico di Bologna è un vero e proprio parco dei divertimenti gourmet, che non solo delizia il palato con ben 45 diverse proposte di ristorazione, ma nutre la mente insegnandoci processi di produzione eco-sostenibili. Il Fico di Bologna è una vera e propria esperienza gastronomica a 360°. Ci ho fatto un giro anch’io, a pochi giorni dall’inaugurazione. Vi racconto com’è andata.

Io sono una che i centri commerciali li detesta. Non mi piacciono i luoghi al chiuso molto affollati, non mi piace il caldo eccessivo, non mi piace la calca. Certo paragonare il Fico di Bologna ad un centro commerciale è quasi un azzardo, ma come metodo organizzativo siamo lì. Mi trovavo a Bologna per altri motivi, così ho deciso di fare un salto nel parco divertimenti agroalimentare più grande d’Italia, fresco fresco di inaugurazione (ci sono andata a 4 giorni dall’apertura). Ecco dunque la mia prima impressione e qualche opinione a caldo sul Fico di Bologna.

Una giornata al Fico di Bologna.

fico bologna
Fico di Bologna – Mappa 
fico bologna
Una delle bici per muoversi all’interno del complesso

Il Fico di Bologna vince in partenza. Tutto al suo interno (ma anche all’esterno) parla di ecosostenibilità, dai processi produttivi al funzionamento del mercato stesso. Tanto per farvi un esempio, potete girovagare all’interno del Fico a bordo di una bicicletta dotata di cestini e borsa termica, approfittando delle apposite piste ciclabili. Anche se, a dirla tutta, si può girare tranquillamente a piedi. Già perché il Fico di Bologna è grande, ma non grandissimo. Si tratta di un’area espositiva permanente che ospita al suo interno oltre 2000 aziende agroalimentari provenienti da tutta Italia, presenti al Fico non solo per esporre e vendere i loro prodotti, ma anche per raccontarli.

La formazione è infatti esperienza regina al Fico di Bologna. Laboratori e attività pratiche sono al centro di tutto e sono perfette per chiunque del cibo voglia conoscere non solo il gusto, ma anche storia e processo produttivo. Non a caso il Fico si propone come destinazione ideale per le scolaresche di tutto il paese.

Il Fico di Bologna mi accoglie con un quintale di mele, letteralmente. L’ingresso principale è adornato da centinaia di frutti succosi e colorati che ben raccontano ed anticipano il filo conduttore di tutta questa grande idea agroalimentare. I cartelli parlano chiaro, le mele non si possono raccogliere. Faccio il possibile per farlo capire anche a mio figlio che ha 2 anni ed ha appena digerito la colazione. Entro, sono le 10:30 del mattino e subito vengo avvolta da un piacevole aroma di mortadella misto pane appena sfornato. L’inizio non poteva andare meglio di così.

fico bologna
L’ingresso del Fico di Bologna, con mele fresche! 
fico bologna
Lo spazio esterno dedicato agli animali

Comincio subito con un giro all’esterno, dove trovano la loro sede diurna diversi animali da cortile: maiali, mucche e vitelli, pecore, asini, cavalli, papere e galline. I bambini appaiono entusiasti anche se, a dire il vero, a me la cosa non sembra gran che. Gli animali sono fermi in recinti neanche troppo grandi e non ci si può avvicinare. Sembra più un’esposizione (vi sono cartelli informativi sulle razze ad ogni cancello) che non un’esperienza ricreativa. Termino il percorso e torno all’interno.

I grandi corridoi sono già molto affollati (è domenica), pertanto cerco di farmi spazio qua e là. Al Fico di Bologna si trova, oggettivamente, il meglio della gastronomia italiana. Salumi, formaggi, pasta fresca, carne, ortaggi e frutta, miele, dolci, vino, birra, pane, focacce, pizza. Tutto invoglia all’assaggio. Ma c’è di più, ogni espositore ha uno spazio dedicato alle dimostrazioni ed ai laboratori. I bambini, di qualsiasi età, sono estasiati e si guardano intorno con incredulità e stupore. Per loro vi sono anche diverse aree dedicate.

fico bologna
Panificazione

Il tutto unito alle 40 fabbriche che producono i loro prodotti direttamente in loco. Assisto alla panificazione in diretta. Uno spettacolo meraviglioso.

Si avvicina l’ora di pranzo. Arriva il momento di fare, letteralmente, i conti con l’aspetto meno entusiasmante del Fico di Bologna, i prezzi. Tutto, ahimè, costa tanto, ben oltre la media dei negozi e della ristorazione cui sono abituata. Mi spiegano il perché. Tutti i ristoratori che operano in loco devono utilizzare necessariamente materia prima venduta all’interno, al prezzo per il pubblico. Tanto per fare un esempio. Se cucini crespelle puoi farcirle solo e soltanto con crema alla nocciola venduta all’interno del Fico di Bologna, al prezzo cui la pagano anche i visitatori, che già è mediamente più alto del normale. Questo innesca un inevitabile circolo vizioso per cui tutto costa abbastanza. Questo, almeno, è ciò che mi hanno raccontato ma i risultati sono visibili su qualsiasi listino prezzi esposto in loco.

Per farvi capire, 25€ per una pizza margherita mignon, due tranci di focaccia farcita e due birre in bicchiere di plastica. Anche le esperienze didattiche sono a pagamento. Certo considerando che l’ingresso è gratuito, qualche rincaro è da mettere in conto per forza.

fico bologna
Focaccia e birre
fico bologna
Frutta di marzapane al Fico di Bologna
fico bologna
Pasta fresca

Costi a parte, l’esperienza al Fico di Bologna è stata per me decisamente positiva, nonostante la folla, nonostante il caldo un pochino esagerato. L’idea di fondo, quella cioè di avvicinare l’italiano medio ad un consumo alimentare più sostenibile e consapevole, mi è sembrata ben rappresentata ad ogni angolo della manifestazione. I laboratori interattivi sono oggettivamente una trovata geniale.

Resta da vedere se le famiglie avranno voglia e possibilità di spendere qualche Euro in più per il pranzo della domenica.

Fico di Bologna.

Come arrivare, parcheggio ed orari.

Termino con qualche informazione pratica. Il fico di Bologna è aperto tutti i giorni dalle 10 alle 24. Chi arriva in auto sappia che le prime 2 ore di parcheggio sono gratuite, poi il costo è di 1,50€ l’ora. Dalla stazione centrale di Bologna c’è una navetta diretta ogni 20 o 30 minuti (weekend/feriali) al costo di 7€ andata e ritorno. Per chi volesse invece arrivare a Bologna in aereo, esiste un’ulteriore navetta per arrivare in stazione centrale, il costo totale è di 16€ andata e ritorno.

 

9 pensieri riguardo “Una giornata al Fico di Bologna, parco divertimenti gourmet per tutta la famiglia.

  1. Sono d’accordo con te: l’idea di fondo mi pare molto bella e interessante! Il fatto che tutto il progetto si basi sull’ecosostenibilità, il fatto che le materie prime siano di qualità, l’entrata piena di mele😍😍😍😍😍 sul discorso animali, sono un po’ in disappunto, soprattutto se come dici tu sono tenuti in spazi ridotti e in balia di orde di gente…non apprezzo questo genere di iniziative con animali che finiscono per essere poco educative e penalizzanti per questi ultimi. in ogni caso a parte questo e i prezzi esorbitanti credo che sia qualcosa di diverso che vale la pena di provare!

    Mi piace

  2. tutto molto bello e interessante e credo fatto bene. Due cose negative: 1) non si capisce per quale motivo, ci sia un percorso obbligatorio. Avevo dimenticato una cosa in auto e per riprenderla ho dovuto percorrere in totale 600 metri, una cosa DEMENZIALE oltre che assurda, al rientro ho avuto la sensazione di essere SEQUESTRATO. È veramente terribile il non poter tornare sui propri passi. 2) Le persone anziane sappiano che il percorso obbligatorio minimo da fare a piedi è lunghissimo e non è consentito abbreviarlo.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...