British Columbia, Canada

Vancouver: cosa vedere in due giorni

La città di Vancouver è una tappa obbligata per chiunque decida di visitare il Canada occidentale. Metropoli vivace e multiculturale, è, di fatto, il centro urbano più importante della British Columbia, nonostante non sia la capitale. Dunque, cosa vedere a Vancouver in un lasso di tempo piuttosto ristretto come lo sono, ad esempio, due giorni? Vorrei proporvi una guida express, come sono abituata a fare, con i luoghi che secondo me vale la pena vedere in questa interessante città, anche se non avete molto tempo a disposizione.

Perché Vancouver e perché due giorni? La risposta è presto detta: a Vancouver ci arriverete per forza in aereo e quasi sicuramente non avrete molto tempo da dedicarle. La maggior parte dei viaggiatori preferisce infatti dirigersi subito verso i grandi parchi delle Rocky Mountains. Ma una sosta a Vancouver va comunque messa in conto.

Cosa vedere a Vancouver in due giorni dunque? Il quesito non trova, in verità, una risposta immediata. Visitare una grande metropoli in poco tempo rende inevitabile una selezione che va fatta, ovviamente, in base ai propri interessi ed alle proprie esigenze di viaggio. Personalmente ritengo che in nessun posto al mondo esistano luoghi che debbano essere visti ASSULUTAMENTE e per forza a discapito di altri. Certo, la Tour Eiffel è sempre la Tour Eiffel, ma a qualcuno potrebbe anche non interessare! Ecco perché questa guida sarà, ancora una volta, il frutto della mia personale esperienza di viaggiatrice e non una lista di imperativi da seguire alla lettera.

Articoli correlati

Canada occidentale: itinerario tra British Columbia e Alberta

Vancouver: cosa vedere in due giorni

Impressioni sulla città

Se state pensando ad un viaggio nel Canada occidentale non avrete molta scelta: volerete sulla città di Vancouver. A quel punto vale la pena mettere in conto un po’ di tempo per farci un giro. Bisogna ammettere che, di norma, non si sceglie il Canada in virtù delle sue città, quanto piuttosto per le sue meraviglie naturalistiche. Non è una considerazione sbagliata, a mio avviso, perché in generale le città nordamericane non eguagliano neanche lontanamente quelle europee in termini di storia, cultura ed architettura. Vancouver, in questo senso, non fa eccezione.

In molti mi hanno chiesto se Vancouver mi sia piaciuta o meno. La risposta è un diplomatico nì. Vancouver è una città indubbiamente interessante e, per certi aspetti, persino spettacolare, specie per una come me, abituata a vivere in un piccolo paese di montagna a cui i grattacieli fanno sempre un certo effetto. Vancouver ha dalla sua una cornice davvero stupefacente: l’oceano, le montagne, lo skyline. Una combinazione di fattori che in effetti la rendono direi unica nel suo genere, almeno per quella che è la mia modesta esperienza di viaggiatrice.

Vancouver offre anche una delle aree verdi urbane più grandi del pianeta, un’interessante offerta culturale e gastronomica (alcuni tra i migliori ristoranti del paese sono proprio qui), un downtown vivace e piacevole.

Vancouver resta però una città nordamericana e come tale va considerata. Non ci sono cattedrali da visitare, non c’è un centro storico da girare a piedi, perdendosi magari tra vicoli e botteghe di artigianato, non c’è una piazza dove sedersi a bere un caffè (cosa che comunque in generale sconsiglio di fare, quella di ordinare un caffè in Canada!). Ed è questo il motivo per cui vi suggerisco di non fermarvici troppo a lungo.

vancouver cosa vedere in 2 giorni
Lo skyline di Vancouver, visto da Stanley Park

Vancouver: cosa vedere in due giorni

Grandville Island

La mia guida su cosa vedere a Vancouver in due giorni comincia forse da un luogo insolito e un po’ dislocato rispetto al downtown. Grandville Island si trova a sud di Vancouver, sulla sponda opposta rispetto al centro città. Noi ci siamo passati in auto, perché arrivavamo dall’imbarco traghetti provenienti dall’Isola di Victoria ed è stata quindi la prima tappa del mio soggiorno a Vancouver. Personalmente è uno dei posti in città che più mi è piaciuto.

A Grandiville Island c’è un eccezionale mercato coperto che racchiude al suo interno ogni genere di prelibatezza. Carne, pesce, ortaggi, dolci, spezie qui troverete davvero di tutto. Io ho una passione smodata per i grandi mercati coperti e questo è uno dei più ricchi che abbia visto. Prendetevi il tempo necessario per osservare tutto con cura, vi farete una vera e propria cultura sul pesce, ed esempio! C’è un’area interamente dedicata alla ristorazione, dove troverete chioschi e bancarelle che preparano ogni genere di leccornia. Noi abbiamo optato per un classico burger con patatine (e blue cheese), molto molto buono, sebbene anche le zuppe ricoperte di pasta sfoglia sembrassero deliziose. Se il clima ve lo consente, sedetevi fuori, nei tavoli all’aperto.

Uno dei motivi per cui vale la pena recarsi a Grandville Island è proprio il meraviglioso panorama che si gode dall’esterno del mercato. Una veduta meravigliosa sullo skyline di Vancouver che, a mio avviso, non dovreste perdere!

vancouver cosa vedere in 2 giorni
Dolci in esposizione nel mercato di Grandville Island
vancouver cosa vedere in 2 giorni
Frutta fresca
vancouver cosa vedere in 2 giorni
Lo skyline di Vancouver visto da Grandville Island

Stanley Park

Ok, ho detto che questa non è una guida fatta di imperativi, però bisogna ammettere che un soggiorno a Vancouver non può prescindere da una visita allo Stanley Park, polmone verde della città, nonché il luogo oggettivamente più stimolante della zona. Nello Stanley Park potrete rimanere, volendo, anche una giornata intera ma se non avete abbastanza tempo vi consiglio di noleggiare una bicicletta (circa 35$ per 6 ore) e fare un giro più veloce. Il suo perimetro è lungo quasi 9 km, percorrete almeno un pezzo per ammirare le maestose montagne da un lato e lo skyline della città dall’altro. Un panorama come questo è davvero unico.

Cos’altro vedere nello Stanley Park di Vancouver? Il Lost Lagon è un bellissimo lago che sorge nei pressi dell’ingresso principale ed è la tappa ideale per una passeggiata rilassante o per fare un pic-nic. Lì vicino c’è la Stanley Park Nature House (ingresso gratuito) al cui interno vengono allestite interessanti esposizioni naturalistiche. Qui potrete persino prenotare una visita guidata al parco.

Se siete amanti delle spiagge cittadine ed avete voglia di fare una passeggiata sentendo il profumo dell’oceano, dirigetevi verso English Bay Beach, una lunghissima lingua di sabbia fine contornata da palme lussureggianti (in effetti sembra quasi di stare a Miami, piuttosto che in Canada!). Lì vicino, una delle opere d’arte più fotografate della città: statue in bronzo di dimensioni spropositate.

Se viaggiate con bambini sappiate che nello Stanley Park vi sono diverse attrazioni ideali anche per i più piccoli. A cominciare, ovviamente, dall’Acquario di Vancouver, al cui interno risiedono diverse migliaia di esemplari. Noi non lo abbiamo visto ma è indubbiamente un luogo che ai bambini piacerà moltissimo. Mio figlio si è molto divertito a bordo dello Stanley Park Train, un trenino d’epoca che riproduce il primo convoglio in servizio tra Montreal e Vancouver. A noi è piaciuto tanto perché attraversa alcuni piccoli villaggi ricostruiti in mezzo alla foresta pluviale. E poi si sa che i bambini impazziscono per i treni!

Se vi state quindi chiedendo che cosa vedere a Vancouver in due giorni, sappiate che lo Stanley Park è decisamente in cima alla lista!

vancouver cosa vedere in 2 giorni
Stanley Park
vancouver cosa vedere in 2 giorni
La mappa dello Stanley Park
Canada occidentale con bambini
A bordo del trenino d’epoca, Stanley Park, Vancouver

Science World

Quando non ho molto tempo per visitare una città tendo ad escludere i musei perché mi impegnano sempre per molte ore. Con le dovute eccezioni. Il Science World è una di queste. A dire il vero abbiamo deciso un po’ all’ultimo di andarci, o meglio, sapevamo che poteva essere interessante, ma lo abbiamo lasciato come riserva, sbagliando, lo ammetto! Ci siamo andati il mattino prima di rientrare in Italia perché era brutto tempo e non sapevamo cosa fare. È stata una bellissima sorpresa.

Se viaggiate con bambini (diciamo dai 3 anni in su) il Science World è una delle attrazioni che dovrete mettere in agenda nei vostri due giorni a Vancouver. È un museo della scienza e della tecnica totalmente interattivo, pensato in particolare per i bambini, che riuscirà davvero a stupirvi. Non è il solito museo statico che rischia di annoiare, al Science World le leggi della natura, il corpo umano e i principi della fisica sono spiegati attraverso installazioni multimediali, pannelli luminosi e dinamici, giochi di ogni tipo. Tantissime le riproduzioni di animali a grandezza naturale.

Noi abbiamo potuto fermarci per circa 3 ore e ci è davvero dispiaciuto dovercene andare. Il biglietto di ingresso costa 25$ per gli adulti, 20,25$ per anziani, studenti e giovani dai 13 ai 18 anni, 17$ per i bambini dai 3 ai 12 anni ed è gratuito per i piccoli visitatori sotto ai 3 anni.

vancouver cosa vedere in 2 giorni
Gioco didattico interattivo al Science World di Vancouver

Gastown

Gastown è indubbiamente la zona del downtown di Vancouver che mi è piaciuta di più e che quindi vi consiglio di vedere. Lontana dai grandi palazzoni del Commercial District, Gastown è un quartiere vivace ma molto bellino, con i suoi edifici in mattoni rossi che fanno tanto distretto post- industriale. In questa zona ci sono tanti locali e ristoranti, la sera è indubbiamente la zona più divertente dove trascorrere qualche ora e per godersi una buona cena.

A Gastown trova sede l’attrazione più fotografata di tutta Vancouver, provate ad indovinare di cosa si tratta. Un monumento? Una statua? Un campanile? No. Niente di tutto questo. Il punto di riferimento di tutti i turisti che si trovano a Vancouver è, udite udite, un orologio a vapore! Si tratta di un marchingegno assai curioso in verità: un orologio a torre che ogni 15 minuti, invece di suonare rintocchi solenni, spara nell’aria una spruzzata di vapore, che accompagna ad una melodia che ricorda il suono di un flauto dolce. Divertente, ma nulla di così eccezionale, a mio avviso, da giustificare le orde di turisti che attendono armati di macchina fotografica.

A pochi passi da Gastown c’è Chinatown, che custodisce al suo interno un giardino giapponese, pare, meraviglioso, ma che non ho avuto il tempo di visitare personalmente. Vi dico la verità, Chinatown a me non è piaciuta per niente, anzi, mi sono persino sentita poco al sicuro. È successo questo: stavamo passeggiando tra le vie del quartiere, già di per sé poco entusiasmanti, quando ci siamo ritrovarti, senza nemmeno rendercene conto, in mezzo al degrado totale. Prostitute, ubriachi e persone in evidente stato confusionale sparpagliate in ogni dove, spesso accasciate a terra in mezzo alla sporcizia. Ok, non è successo niente, ma ritrovarsi lì con un bambino di tre anni non è stato simpatico.

vancouver cosa vedere in 2 giorni
Cosa vedere a Vancouver: l’orologio a vapore di Gastown

Canada Place

Il Canada Place è un’altra attrazione da vedere a Vancouver. Anche se avete a disposizione solo due giorni è molto probabile che passerete di qua almeno una volta. Si tratta dell’edificio che più di ogni altro segna il profilo di Vancouver, con le sue vele bianche che svettano maestose di fronte ai grandi grattacieli del centro. Si tratta essenzialmente di un padiglione per congressi, ma di fianco c’è un bel pontile, spesso gremito di persone, dove poter passeggiare ammirando le montagne e l’oceano.

Il Canada Palace è anche il punto di approdo delle grandi navi da crociera quindi, se siete appassionati del genere, sappiate che qui ne potrete ammirare diverse. C’è anche un ristorante con vista sull’oceano (uno dei pochi che in città che può vantarsi di questo pregio), i prezzi non sono economici ma nemmeno impossibili.

vancouver cosa vedere in 2 giorni
Il molo nei pressi di Canada Place

Musei

Arrivati a questo punto, se avete seguito più o meno la lista di cose da vedere che vi ho suggerito, i vostri due giorni a Vancouver saranno già terminati. O almeno, io non ho avuto tempo per fare altro. Eppure non posso terminare questa guida senza un minimo accenno ai musei di Vancouver, sebbene io abbia visitato solo lo Science Word. Ebbene, il punto di riferimento in città per tutti gli appassionati di arte è la Vancouver Art Gallery. Non c’è un’esposizione permanente, si tratta piuttosto di un continuo alternarsi di mostre di arte contemporanea di artisti canadesi ed internazionali. Vi invito a consultare il sito ufficiale per conoscere l’esposizione del momento.

Il Museum of Vancouver è probabilmente quello che propone l’offerta più dinamica grazie ai numerosi eventi culturali che qui vengono organizzati per allietare le serate di locali e turisti, oltre naturalmente all’esposizione permanente interamente dedicata al movimento hippy che si sviluppò a Vancouver negli anni 60. Se invece siete appassionati di antropologia o più semplicemente avete voglia di scoprire la storia della città e l’evoluzione della sua popolazione, il vostro posto sarà il Museum of Anthropology, dove propongono ogni giorno visite guidate gratuite.

Un altro gioiellino di Vancouver è il Museo Marittimo che custodisce tra le sue mura un’infinità di modelli di navi. Un’esposizione che piacerà senz’altro anche ai viaggiatori più piccoli!

Come muoversi a Vancouver: trasporti pubblici

Sono quasi certa che per il vostro viaggio in British Columbia abbiate messo in conto di noleggiare una macchina, perciò vi dico che a Vancouver questa vi sarà del tutto inutile (la nostra è rimasta parcheggiata nel garage dell’hotel per due giorni). Se intendete fermarvi a Vancouver subito dopo il vostro arrivo dall’Italia e quindi all’inizio del vostro viaggio, potrete anche pensare di noleggiare l’auto al termine del vostro soggiorno, per risparmiare un po’.

In questo caso sappiate che esiste un treno diretto che collega l’aeroporto di Vancouver con il centro città (circa 15 km). Il biglietto costa 10 dollari e le corse sono piuttosto frequenti (una ogni 12-6 minuti a seconda dell’orario). Il servizio è attivo dalle 5:30 del mattino (6 il sabato, 7:30 la domenica) fino all’una di notte. Se arrivate dopo l’unica soluzione sarà il taxi. Da quanto ho appreso dalle informazioni pubblicate nella hall del mio albergo, una corsa per il centro città si aggira intorno ai 35$, più la mancia. Fate pure 40.

Vancouver può vantare una capillare rete di trasporti pubblici. Metro, autobus, filobus e perfino traghetti. Non avrete alcuna difficoltà a spostarvi da un capo all’altro della città. I trasporti pubblici a Vancouver non sono propriamente economici, una corsa (su qualsiasi mezzo perché il biglietto è unico) va dai 2.95$ della zona 1 ai 5.70$ della zona 3 e dura 90 minuti. Se pensate di usufruire spesso dei mezzi pubblici vi conviene senz’altro il biglietto giornaliero che costa 10.25$ ed è valido per tutte le zone. I bambini con meno di 5 anni viaggiano gratuitamente e sono previste riduzioni per giovani, studenti ed anziani.

Oppure, se intendete alloggiare in centro e camminare non vi spaventa, potrete muovervi tranquillamente a piedi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*Accetto il trattamento dei dati (obbligatorio)