Come viaggiare low cost: 10 trucchi per partire senza spendere una fortuna.

viaggiare low cost

Viaggiare low cost è il sogno di tutti, diciamo la verità. Girare il mondo, scoprire luoghi e culture diverse, divertirsi, rilassarsi su una spiaggia paradisiaca. Possibilmente senza spendere una fortuna. Alzi la mano chi non l’ha mai sognato almeno una volta nella vita! Viaggiare, si sa, è un grande privilegio ma, al contrario di quanto in molti possano pensare, lo si può fare anche in economia, senza spendere cifre esagerate. Ci vuole solo un po’ di organizzazione e, possibilmente, un po’ di spirito di adattamento. Come fare per viaggiare low cost? Ecco il mio Vademecum con i migliori trucchi per risparmiare e partire senza spendere una fortuna.

Quando parlo dei miei viaggi le reazioni dei miei interlocutori si dividono solitamente in tre categorie. La prima: quelli che restano estasiati dal racconto e fanno mille domande. La seconda: quelli che mi guardano sorridendo ma in realtà stanno pensando che sono pazza e che loro non lo farebbero mai. La terza: quella dei “beati voi che potete permettervelo”. A questo terzo gruppo appartengono di solito persone che 1) non hanno troppi peli sulla lingua e 2) con tutta probabilità viaggiano molto poco.

Con questo non voglio certo dire che girare il mondo non costi niente, anzi. I viaggiatori seriali come la sottoscritta lo sanno benissimo quanti sacrifici servano per organizzare certe trasferte, però bisogna ammettere che le persone poco avvezze agli spostamenti spesso sovrastimano i costi e non sanno che esistono mille accorgimenti diversi che permettono di risparmiare, anche molto, su viaggi che magari stanno sognando da anni. Questa è una guida pensata proprio per loro, perché viaggiare low cost è assolutamente possibile! Questi sono ormai da anni i miei trucchi per risparmiare.

Come viaggiare low cost

10 trucchi per partire senza spendere una fortuna

Assegnare le priorità

Prima di una qualunque prenotazione, prima ancora di tirare fuori la carta di credito dal vostro portafogli, il primo trucco per viaggiare low cost è quello di darvi delle priorità. Come prima cosa dovrete capire ciò che per voi è più importante, per poi magari sacrificare qualche altro aspetto del viaggio meno significativo. Sarebbe un vero peccato rinunciare a partire solo perché le pretese sono troppo alte, non credete? Sognate le Maldive ma i resort all inclusive sono fuori budget? Sappiate che si può trascorrere una vacanza da sogno anche in guest house!

Volete vivere l’emozione di trascorrere una notte in un hotel di lusso? Fatelo in una città europea servita da voli low cost! Oppure ancora, sognate un viaggio dall’altra parte del mondo che richiede un lungo soggiorno? Sappiate che oggi giorno gli ostelli possono essere anche assai confortevoli e che quasi sempre hanno una cucina comune a disposizione degli ospiti!

In altre parole, è importantissimo essere realisti fin sa subito, fissate un budget e cercate di capire a quali aspetti del viaggio dare la priorità, in base soprattutto a queste tre variabili: tempo a disposizione, distanza e stagione.

Valutare il periodo

Io sono l’ultima a poter parlare di flessibilità, dato che da anni ormai posso viaggiare sempre e solo in periodi da bollino nero (agosto, Natale, Pasqua e in generale tutte le feste di calendario), ma è forse proprio per questo motivo che ho imparato tanti trucchi per viaggiare low cost! Per chi invece ha la possibilità di avere ferie in altri periodi dell’anno….beh approfittatene!

Viaggiare in alta stagione significa spendere anche il doppio rispetto a partire per lo stesso viaggio in altri momenti. A volte anche un paio di settimane possono fare la differenza (provate a fare una simulazione con partenza il 15 di luglio ed una per il 1 agosto e ve ne accorgerete!). La destinazione in questo senso ha poca importanza perché partire in alta stagione risulterà sempre più costoso.

Anche se, volendo essere obbiettivi, non tutte le mete sono gettonate allo stesso modo perciò un consiglio che vorrei darvi, se proprio non avete alternativa che partire in altissima stagione, è che potrete sempre cercare qualche destinazione meno conosciuta ma che potrebbe rivelarsi altrettanto interessante e, perché no, persino sorprendente! Ancora una volta la flessibilità si rivela uno dei trucchi migliori per viaggiare low cost!

come organizzare viaggio fai da te
Valutare il periodo di partenza è il primo trucco per viaggiare low cost

Prenotare in anticipo

Agosto o marzo, Parigi o Vilnius poco importa, nella stragrande maggioranza dei casi prenotare in largo anticipo si rivela un altro, infallibile trucco per viaggiare low cost. Sì, è vero che esistono anche i pacchetti last minute ma per mia esperienza non sono mai convenienti come la prenotazione anticipata. Questo per due, anzi tre motivi. Il primo è, banalmente, che la tariffa non è mai ugualmente conveniente. Il secondo è che la formula last minute va bene più che altro per i pacchetti all inclusive, volo+hotel, per trascorrere l’intera vacanza in una sola destinazione.

Il terzo è che con un last minute non avrete mai la stessa varietà di destinazioni, strutture, servizi che avrete prenotando molto in anticipo. Provate a prenotare un hotel nel Banff National Park, Canada, con una settimana di preavviso! Non troverete nulla, forse nemmeno le piazzole per il campeggio saranno libere (faccio il primo esempio che mi viene in mente!).

Quando cominciare a prenotare per viaggiare low cost? Se intendete partire in agosto allora vi consiglio di dare una letta al mio post “Quando prenotare un volo per agosto”. Ad ogni modo su questa questione se ne sono dette davvero di ogni, algoritmi matematici inclusi. Non esiste a mio avviso una scienza esatta ma il mio consiglio è sempre e comunque quello di muovervi prima possibile.

Se sognate un viaggio fuori Europa cominciate pure anche con 8-10 mesi di anticipo, o comunque cercate di non superare i 6 mesi di anticipo, specie se intendete partire in alta stagione. Non è solo una questione di voli comunque, anche gli alloggi si esauriscono presto, specie se si tratta di mete assai gettonate (non pensate solo a noi italiani, certe destinazioni fanno gola a viaggiatori di ogni parte del mondo!) e anche le tariffe per il noleggio auto tendono ad aumentare nel tempo.

viaggiare gratis blog
Cominciare ad organizzare in anticipo è indispensabile per viaggiare low cost

Considerare tutte le spese

Tenete sempre presente che il costo di un viaggio non si esaurisce solo con la prenotazione del volo e di un hotel. Vi sono moltissimi altri costi accessori che vanno messi in conto, preferibilmente ancor prima di cominciare a prenotare, quantomeno a grandi linee. Un esempio? Trovare un volo low cost per Oslo non è poi così difficile, ma la Norvegia è carissima per tutto il resto e il biglietto aereo è solo una minima spesa.

Cercate quindi di capire quanto possa costarvi mangiare al ristorante, fare la spese, visitare un museo o prendere un autobus. Giusto per avere un’idea.

Monitorare costantemente

Io sono una che quando si fissa con una meta è capace di controllare i voli tutti i giorni, più volte al giorno. Per molti sono una pazza, ma vi garantisco che questo metodo funziona. Solo così sono riuscita a scovare tariffe davvero convenienti, durata anche solo mezza giornata. Le compagnie aeree propongono spesso offerte pazzesche, ma si tratta quasi sempre ti tariffe riservate per pochissimi posti e che difficilmente vengono riproposte. Specie se parliamo di voli a lungo raggio.

Bisogna avere la fortuna di beccarle al volo e non si può pretendere che questo accada se si controlla solo una volta ogni tanto, quando ci viene in mente. Perciò, un altro trucco per viaggiare low cost è quello di installare una qualsiasi app per monitorare i voli (io uso skyscanner), memorizzare la ricerca (a dire il vero lo fa in automatico proprio skyscanner) e controllare spesso, anche più volte al giorno. Armatevi di santa pazienza e vedrete che prima o poi troverete l’offerta che state cercando!

app per organizzare viaggi
Con la app di Skyscanner puoi monitorare i voli in qualsiasi momento (Credits Skyscanner app)

Prenotare in alloggi low cost

Un altro consiglio per viaggiare low cost che vorrei darvi è quello di non avanzare troppe pretese sull’alloggio. Io sono una che dà priorità alla meta e che in hotel ci sta veramente poco quindi mi basta che sia pulito e dotato di servizi essenziali. L’appartamento si rivela spesso la soluzione con il miglior rapporto qualità/prezzo. Non è detto che costi di meno rispetto ad un albergo, anzi, quasi sempre le tariffe si equivalgono. La differenza è che l’appartamento vi darà qualche vantaggio in più: uno spazio maggiore a disposizione (se siete una famiglia o un gruppo di amici sicuramente conviene, rispetto al prenotare due o più stanze in hotel) e la possibilità di preparare i pasti in autonomia.

Avere una cucina a disposizione può essere determinante per risparmiare sulla colazione (considerate che all’estero cappuccino e brioches non esistono e i prezzi per una colazione fuori possono essere anche piuttosto elevati) o comunque per risparmiare sui pasti.

Negli ultimi anni sto rivalutando anche gli ostelli, ormai molto frequentati da viaggiatori di tutte le età, comprese famiglie. Gli ostelli hanno quasi sempre anche camere private, si tratta di condividere il bagno che vi assicuro non è nulla di drammatico. Leggete prima le recensioni per capire il livello di pulizia.

E mi raccomando, quando prenotate un alloggio cercate sempre di sceglierne uno che sia annullabile gratuitamente. Verificate sempre le condizioni di cancellazione perché può capitare di cambiare idea!

canada occidentale itinerario
Il nostro ostello a Lake Louise, Canada. Bello e low cost

Fare la spesa al supermercato

Io adoro fare la spesa quando sono all’estero. Spesso si impara di più con un giro al supermercato piuttosto che in un museo! Scherzi a parte, non è proprio così, ma fare la spesa in un altro paese può rivelarsi davvero interessate e divertente, oltre che, ovviamente, economico. Il supermercato si rivela sempre una buona soluzione per risparmiare sui pasti. Anche se non avete a disposizione una cucina per preparare i pasti in autonomia, ormai quasi tutti i grandi supermercati sono dotati di un reparto gastronomia, dove acquistare pasti già pronti, a prezzi decisamente convenienti.

Panini, insalate, zuppe, pasta e riso freddi, ma anche piatti a base di carne, da scaldare con microonde a disposizione dei clienti. Io all’estero pranzo spesso così e me la cavo con pochi Euro.

Se poi avete un alloggio con cucina potrete ovviamente risparmiare ancora di più. Io sono una che quando è in viaggio ama moltissimo mangiare fuori, forse perché quando a sono a casa lo faccio di rado. Per me è un modo di godere ancor di più il luogo che sto visitando. Però mangiare fuori costa e se il viaggio dura parecchio qualche espediente bisogna trovarlo, specie se si viaggia con i figli. Mangiare fuori in tanti può rivelarsi davvero molto costoso!

Noleggiare auto con formula full-to-full

Un altro trucco per viaggiare low cost è quello di noleggiare solo auto che prevedano la formula full to full. In altre parole, la macchina si ritira col serbatoio pieno e si riconsegna nelle stesse condizioni. Come consente di risparmiare questa pratica? Semplice, se riconsegnate l’auto senza carburante o quasi vi sarà addebitato un importo forfettario, che non sarà mai il costo reale di un pieno di benzina, ma sarà più alto.

Oltretutto, riconsegnando l’auto con il pieno, sarete voi a decidere dove acquistare il carburante, usufruendo delle tariffe migliori. Un piccolo, seppur importante, accorgimento che vi farà risparmiare un po’!

come organizzare viaggio fai da te
Noleggiare un’auto con formula full to full è un altro trucco per viaggiare low cost

Valutare i pass turistici

Un altro trucco che io uso spesso per viaggiare low cost è quello di affidarmi ai pass turistici, ormai disponibili in moltissime città, specie se di grandi dimensioni. A cosa mi riferisco? Gli esempi più conosciuti sono i tradizionali city-pass, che troverete in qualsiasi grande città europea e non solo. Si tratta di biglietti cumulativi che includo, solitamente, trasporto pubblico illimitato ed ingressi ad attrazioni e musei (o sconti per gli stessi). Di solito hanno durata variabile. Il prezzo è decisamente conveniente ma se volete davvero risparmiare meglio sempre valutarne l’acquisto.

Sui siti internet di riferimento troverete informazioni dettagliate su cosa è incluso. I pass di questo tipo convengono solo se, ovviamente, avete intenzione di visitare molti musei o attrazioni e se intendete usufruire dei mezzi pubblici. Io di solito faccio proprio il calcolo di quanto mi costerebbero le singole cose da fare e vedere e poi valuto. Per alcuni sono esagerata, per me è semplicemente un modo come un altro per non sprecare denaro!

canada orientale parchi
Il pass per i parchi canadesi consente di risparmiare sulle singole entrate

Scaricare app di viaggio

L’ultimo trucco per viaggiare low cost che ho imparato ad applicare negli ultimi anni, da quando cioè la tecnologia ha avuto il sopravvento praticamente su tutto, è quello di scovare ed installare qualche app di viaggio che possa aiutarmi nell’organizzazione. Ce ne sono tantissime ormai, dalle più note app per valutare qualsiasi tipo di servizio turistico, alle mappe, passando per i consigli dei local. Alcune sono davvero indispensabili (ad esempio quelle per monitorare i voli), altre forse più futili, sta di fatto che sono uno strumento utile (anche) per risparmiare.

In che modo le app ci permettono di viaggiare low cost? Il risparmio economico lo si riesce ad ottenere in tanti modi diversi. Ad esempio, una app che permette di monitorare i voli con un semplice click ci permetterà di controllare spesso in pochissimo tempo, in modo da non perdere la tariffa più conveniente. Stesso discorso per le app per prenotate alloggi: alcuni motori di ricerca ci permettono di confrontare decine di tariffe diverse in pochi secondi.

Ci sono app in cui poter trovare i consigli della gente del posto, che vi permetteranno di scovare locali poco turistici e certamente più economici. Allo stesso modo, leggere qualche recensione vi eviterà di spendere soldi in un ristorante di bassa qualità. Altre app sono in grado di segnalare le wi-fi pubbliche e gratuite più vicine, altre ancora vi guideranno con il percorso migliore da seguire per raggiungere la vostra destinazione, ottimizzando i costi.

Si insomma, le app possono facilitare molto la nostra vita di viaggiatori, prima e dopo la partenza. Ne ho parlato più specificatamente in un altro post: 15 app utilissime per organizzare viaggi.

prenotare volo intercontinentale agosto
La tecnologia ci aiuta con le app per viaggiare

One Comment on “Come viaggiare low cost: 10 trucchi per partire senza spendere una fortuna.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

*Accetto il trattamento dei dati (obbligatorio)