Thailandia fai da te: quanto costa e consigli utili

Thailandia fai da te: quanto costa? Da dove cominciare? La verità è che organizzare un viaggio con questa modalità nella famigerata (e meravigliosa) terra del sorriso non è poi così diverso dal farlo in un’altra destinazione. Anzi. La Thailandia è un paese molto amato anche dai viaggiatori zaino in spalla che partono con il solo biglietto aereo per le mani, decidendo tutto il resto sul momento. Se invece il vostro desiderio è quello di pianificare in anticipo il vostro itinerario di viaggio e di farlo in totale autonomia, questa guida potrebbe esservi utile, spero. Ecco dunque i miei consigli per organizzare un viaggio in fai da te in Thailandia, con un approfondimento sui costi.

Organizzare viaggi da sola è la mia più grande passione. Questo non vuol dire che abbia qualcosa contro le agenzie, anzi. Lo faccio più che altro per divertimento. Però lo dico sempre: ci vuole tempo e bisogna sapere dove cercare, altrimenti, rivolgetevi ad un professionista! Detto questo, organizzare un viaggio fai da te in Thailandia non è affatto difficile e può rivelarsi davvero molto economico. Se non vi siete ancora cimentati con questo tipo di organizzazione forse dovreste cominciare da una meta più vicina, magari per un weekend in Europa per cui prenotare solo volo+hotel, giusto per fare un po’ di allenamento.

Ad ogni modo, questi sono i miei consigli.

Thailandia fai da te

Consigli utili per organizzare il viaggio

  1. Pianificare l’itinerario

Prima di effettuare una qualsiasi prenotazione (eccezione fatta, forse, per il volo intercontinentale dato che per forza di cose dovrete arrivare a Bangkok) sarà necessario come prima cosa avere un’idea di dove andare. Certo perché la Thailandia è molto vasta e quasi nessuno si limita a visitarne la sola capitale. La maggior parte dei viaggiatori europei si dirige al nord per visitare il famigerato Triangolo d’Oro per poi magari spostarsi verso una zona di mare: Pattaya, le isole del Golfo oppure la costa delle Andamane. Nulla vi vieta, ovviamente, di esplorare qualche zona più selvaggia o meno turistica, facendo sempre attenzione a due variabili fondamentali: la sicurezza e le condizioni climatiche.

Informatevi bene prima di organizzare il vostro itinerario, mi raccomando, perché non c’è niente di peggio del partire sprovveduti per imbattersi poi in situazioni spiacevoli!

Come costruire un itinerario fai da te in Thailandia? Il sito della Farnesina è il punto da cui partire per verificare la questione sicurezza. Acquistate una guida completa e magari cercate qualche itinerario online, ne troverete a bizzeffe, specie sui travel blog. Se avete informazioni specifiche contattate direttamente il blogger (io ad esempio rispondo sempre molto volentieri a chi mi chiede qualche cosa via mail) oppure provate a chiedere nel forum di Tripadvisor.

thailandia fai da te

Spiaggia nell’isola di Koh Tao

  1. I voli

L’organizzazione del vostro viaggio in Thailandia fai da te dovrà cominciare dal volo. Il mio braccio destro è e rimarrà sempre skyscanner, motore di ricerca affidabile che vi permetterà di monitorare le vostre tratte di interesse con molti mesi di anticipo. Si perché la regola numero è sempre quella di prenotare il prima possibile, specie se viaggiate in alta stagione. Skyscanner però è solo un motore di ricerca, non potrete acquistare il vostro biglietto direttamente lì. Il portale vi rimanderà al sito di prenotazione, sia esso quello della compagnia aerea oppure quello di un’agenzia online (expedia, lastminute, ecc).

In entrambi i casi si tratta di siti attendibili e sicuri. Io preferisco sempre acquistare sul sito della compagnia, giusto per avere un filo diretto in caso di necessità, ma mi dicono in tanti che anche le agenzie online siano altrettanto efficienti.

Per quanto riguarda la Thailandia, vi sono voli diretti per Bangkok solo da Milano (solitamente anche piuttosto cari). L’alternativa è quella di fare uno scalo, spezzando il viaggio a metà e spendendo un po’ meno. Vi sono offerte anche a meno di 500€, vi basterà cominciare la ricerca con largo anticipo.

Ho volutamente usato il termine “voli” al plurale perché il vostro viaggio in Thailandia fai da te includerà quasi sicuramente almeno un volo interno. La procedura è praticamente la stessa che abbiamo già citato per acquistare il biglietto intercontinentale. Le due compagnie principali con cui spostarsi all’interno del paese sono Air Asia (molto economica) e Bangkok Air. Potete controllare anche sui rispettivi siti internet le tariffe dei biglietti.

  1. Altri trasporti

Una terza variabile che dovrete controllare per il vostro viaggio in Thailandia fai da te sono i trasporti accessori. Molti viaggiatori, ad esempio, invece che con l’aereo, preferiscono spostarsi con mezzi alternativi quali treni ed autobus. Entrambi consentono di affrontare anche lunghe tratte a prezzi assai convenienti ma con tempistiche ovviamente più lunghe. Fino a qualche anno fa erano i mezzi preferiti dai viaggiatori low budget, perché in effetti consentivano di risparmiare parecchio. Oggi, con le compagnie aeree super low cost e il sempre minor tempo a disposizione per viaggiare, quasi tutti preferiscono l’aereo.

Io stessa da Bangkok a Koh Samui ho preferito l’aereo, il biglietto costava poco di più del treno, ma con quest’ultimo avrei impiegato 12 ore (più nave) per arrivare a destinazione. Mentre invece per raggiungere l’antica capitale Ayhuttaya ho preso il treno, ma erano solo 80 km.

Prendere il treno in Thailandia è semplicissimo, fidatevi. È esattamente la stessa cosa che prenderlo in Italia. Si va in stazione, si compra un biglietto (“One ticket for…” lo capiscono tutti!) e si guarda dal tabellone ora e binario. In alternativa, potete visitare il sito delle ferrovie thailandesi per verificare in anticipo gli orari ed acquistare online il biglietto. Semplicissimo.

Lompraya è invece la compagnia di catamarani ad alta velocità che serve le isole del Golfo e la costa delle Andamane. Una barca di questo tipo la dovrete prendere se intendete spostarvi fra più isole. Lompraya fornisce anche un servizio combinato di bus+barca per chi desidera partire direttamente da Bangkok senza prendere l’aereo. La tratta in bus è ovviamente lunga ma le corse sono notturne. Nel momento in cui scrivo, un biglietto combinato da Bangkok a Koh Samui costa € 40 a persona, decisamente poco!

  1. Auto

Per il mio viaggio fai da te in Thailandia ho preferito non noleggiare un’auto, contrariamente a come faccio di solito. All’epoca mi fu sconsigliato per diversi motivi. In primis perché trovarsi in alcune zone rurali da soli può rivelarsi poco sicuro, in secondo luogo perché i trasporti pubblici funzionano bene e sono economici. Ho preferito dunque questa seconda opzione.

  1. Alloggio

Molti viaggiatori che si muovono in Thailandia preferiscono scegliere gli alloggi di giorno in giorno, se invece voi avete necessità diverse e desiderate prenotare in anticipo, sappiate che anche questo step del vostro viaggio in Thailandia fai da te non sarà poi così complicato. Diverse sono le opzioni disponibili, a cominciare proprio dal tipo di alloggio. In Thailandia si trova veramente di tutto, dall’ostello per giovani viaggiatori ai resort 5 stelle per gli ospiti più esigenti. Le vie di mezzo sono, ovviamente, infinite.

Come prenotare un alloggio in Thailandia online? Nulla di più facile, a mio avviso. I siti per questo genere di prenotazioni sono veramente tantissimi: booking, hotels, airbnb (se cercate appartamenti), trivago (per valutare il prezzo migliore), expedia. La cosa più impegnativa sarà controllare le condizioni di cancellazione, ma normalmente sono indicate in modo chiaro.

Io normalmente quando devo prenotare un hotel online scelgo in base a questi fattori: prezzo, posizione, servizi inclusi (colazione, wi-fi, parcheggio, ecc), recensioni.

thailandia fai da te

Il nostro bungalow a Koh Tao

  1. Documenti

Sembra abbastanza scontato, ma ve lo ricordo. Prima di partire per la Thailandia dovrete ovviamente dotarvi di passaporto. Il governo locale pretende una validità residua di almeno 6 mesi dal momento del vostro arrivo. Se non lo avete fatene richiesta con anticipo. È necessario prenotare online l’appuntamento e i tempi di attesa possono essere anche abbastanza lunghi. Non è invece necessario premunirsi di visto di ingresso, sempre ovviamente che il vostro viaggio sia a solo scopo turistico e che non duri più di 30 giorni. Quando arriverete in aeroporto il timbro che apporteranno sul vostro passaporto varrà da visto turistico. In Thailandia è obbligatorio avere sempre con sé il passaporto originale.

  1. Assicurazione sanitaria

Un altro step da affrontare per organizzare il vostro viaggio fai da te in Thailandia sarà quello dell’acquisto di un’assicurazione sanitaria. La qualità del servizio pubblico non è così male, ma le strutture private sono di gran lunga superiori e, ovviamente, costose. Una polizza che copra le spese sanitarie sostenute in loco ed un eventuale rientro anticipato è sempre una buona precauzione.

  1. Escursioni

Se desiderate effettuare un’escursione guidata di qualsiasi tipo avrete due opzioni: prenotarle in anticipo dall’Italia oppure rivolgervi ad un’agenzia locale una volta arrivati a destinazione. Io ho preferito questa seconda opzione, i prezzi sono più bassi e nelle località particolarmente turistiche gli uffici che propongono servizi di questo tipo sono veramente tanti.

Thailandia fai da te

Quanto costa

Veniamo ora ad un aspetto che sono certa interesserà a molti: quanto si spende per un viaggio fai da te in Thailandia? La risposta è: poco, anzi, pochissimo. Per quanto mi riguarda è stato uno dei viaggi più economici che abbia fatto. Ovviamente se si viaggia in un certo modo. Se non siete abituati a muovervi da soli, se desiderate una guida esperta, trasferimenti privati e alloggi di alta categoria, allora ovviamente spenderete molto, per non dire moltissimo.

Un viaggio fai da te in Thailandia non costa molto per una semplice ragione: il costo della vita lì è decisamente molto più basso che non in Italia. Perciò, se trovate una tariffa aerea conveniente, il grosso della spesa è fatto. Sapete quanto mi sono costati 20 giorni in Thailandia in fai da te: 1.500€ tutto compreso, con alloggi parecchio confortevoli. Siete curiosi di conoscere qualche dettaglio in più?

  • Volo. Il biglietto areo a/r da Venezia a Bangkok, con Qatar Airways e scalo a Doha io l’ho pagato 600€, prenotandolo nel mese di marzo per partire in agosto. Si può fare di meglio comunque, molto meglio. So che si possono trovare offerte anche a poco più di 400€. Come fare per accaparrarsi il prezzo migliore? Semplice, monitorando costantemente. Se avete già deciso che la vostra prossima metà sarà la Thailandia, cominciate prima possibile a controllare i voli, anche ogni giorno. Per quanto riguarda invece il volo interno Bangkok – Koh Samui, questo mi è costato circa 150€, con la Bangkok Airways. In effetti è una tratta costosa, i voli per Phuket o per Chiang Mai si trovano anche a 50€ a persona, con Air Asia.

thailandia fai da te

In volo sopra Koh Samui, con la Bangkok Air

  • Catamarani. I prezzi per gli spostamenti in catamarano tra le isole della Thailandia non sono poi così economici, se rapportati al costo dei mezzi pubblici locali. Cosa abbastanza logica del resto, se consideriamo che si tratta di un servizio prettamente turistico. Per farvi un esempio, da Koh Samui a Koh Tao sono circa 35€ a persona, andata e ritorno. Visitate il sito della Lomprayah per avere un’idea precisa della tratta che vi interessa, potete anche prenotare online.

  • Alloggi. Quanto costa dormire in Thailandia, prenotando in fai da te? Anche pochissimo, volendo. Se vi accontentate di un ostello o di un alloggio modesto anche 20€ a notte. In generale possiamo dire che alberghi e guest house costano mediamente meno che in Europa anche se, come è ovvio, i grandi alberghi di lusso hanno tariffe piuttosto elevate. La via di mezzo, a mio avviso, è sempre una buona idea. Io ho prenotato in hotel belli e confortevoli, con circa 60€ per la camera doppia, con colazione inclusa.

  • Spese in loco. Per un europeo la Thailandia è davvero un paese conveniente. Mangiare, spostarsi e divertirsi costa davvero poco, se paragonato alle nostre abitudini (tutt’altra storia, invece, se il confronto viene fatto con lo stipendio medio nazionale). Vi sono ovviamente servizi palesemente riservati ai turisti, ma esclusi quelli spenderete davvero poco. Un pasto completo tradizionale può costare anche pochi euro, così come una consumazione al bar. Ricordo che a Bangkok volli concedermi il lusso di un cocktail sulla terrazza panoramica di un hotel del centro: 30€ per due Gin&Tonic. Dopo ho cenato con 2€!

  • Assicurazione. Quanto costa una polizza assicurativa per un viaggio fai da te in Thailandia? Il prezzo per il pacchetto completo si aggira attorno ai 70€ a persona, comprensivi di rimborso spese mediche illimitato, smarrimento bagaglio e cancellazione. Mi rendo conto che possa sembrare una cifra discreta, se comparata al resto delle spese, ma a mio modesto parere, quando si tratta di assicurazioni è sempre meglio non andare al risparmio.

thailandia fai da te

Questa zuppa di noodles e carne è costata circa 80 centesimi