Travel Dreams 2020: i viaggi fatti e quelli che vorrei fare

Anche quest’anno è arrivato dicembre, il momento di tirare le somme. Sarò sincera, per me il calendario rimane ancora quello scolastico. È a settembre che mi sembra di ripartire, con il lavoro, con la dieta, con i buoni propositi. È a settembre che comincio a pianificare i viaggi per l’anno successivo. L’anno solare, però, termina con dicembre e non si può fare bilanci con quattro mesi di anticipo. Soprattutto se si parla di viaggi. Cosa mi ha regalato questo 2019? Cosa (spero) mi porterà il 2020? Lo racconto qui, nel consueto appuntamento con i Travel Dreams di fine anno.

2019: Un anno in viaggi

Riassunto delle puntate precedenti. Nel dicembre 2018 parlavo di due viaggi importanti da fare, uno a Pasqua e uno, come sempre, in agosto. Senza specificare la meta. Sognavo New York in primavera, oppure la Cornovaglia, oppure ancora l’Olanda. Parlavo poi di alcune mete da weekend (Amsterdam, Edimburgo, Cracovia). Per il grande viaggio di agosto sognavo l’Alaska, le Hawaii, la Norvegia e l’Islanda. Oppure ancora un on the road lungo la costa orientale degli USA.

Se mi avete seguito qui o altrove saprete già che qualche cosa l’ho realizzata, mentre altre (la maggior parte a dire il vero) è rimasta ancora nel cassetto.

A dirle tutta, nel momento in cui scrivevo quel post, avevo già per le mani un biglietto aereo, quello che sognavo da tanti anni e che mi ha regalato emozioni che mai avrei pensato di vivere in prima persona. Adesso ci arrivo, vado con ordine. Ovviamente, per pura scaramanzia, non mi andava di parlarne con così tanto anticipo.

Parto subito da una considerazione: pochi ma buoni! Nel 2019 sono partita meno del previsto, tre volte soltanto in un anno. Però, cari amici lettori, che viaggi sono stati!

A Pasqua sono partita per una settimana intera, cosa assai insolita per me perché non riesco mai ad avere una settimana di ferie in quel periodo. Con il 25 aprile di mezzo però questa volta ci sono riuscita. Abbiamo pensato tanto a dove andare perché l’occasione era molto ghiotta: 7 giorni a fine aprile si prestano davvero a tantissime mete.

Avendo già in programma un viaggio molto impegnativo in agosto, da un punto di vista economico non potevamo esagerare troppo. Siamo quindi partiti per un on the road nell’Inghilterra sud-occidentale, attraversando quindi Devon, Dorset, Somerset e Cornovaglia. Era una regione che desideravo vedere da tempo e la scelta si è rivelata davvero azzeccata. L’Inghilterra rurale non è ancora molto gettonata dai turisti italiani ma è davvero molto bella.

Natura selvaggia, l’oceano, una costa affascinante, colline verdissime, brughiera e strade che regalano panorami indimenticabili. Ottimo cibo e birre strepitose. Ho festeggiato i miei 35 anni con una degustazione di gin inglesi a Bath!

inghilterra sud itinerario

Chapel Beach, in Cornovaglia

inghilterra sud itinerario

Stonehenge, Regno Unito

inghilterra sud itinerario

Lizard Point, Cornovaglia

inghilterra sud itinerario

Durdle Door – Devon

inghilterra sud itinerario

A passeggio nell’Exmoor National Park. Regno Unito

Poi è arrivato agosto ed è lì che il grande sogno si è realizzato: l’Alaska. Che posso dire al riguardo? È stato il viaggio più strabiliante della mia vita, non mi ero mai emozionata così tanto. Balene, orche, orsi, alci, caribù, salmoni che risalgono, stoici, anche le acque più agitate. Taiga, tundra, fiordi, ghiaccio, foreste, l’inside passage verso il Canada. Ho pianto di fronte allo sgretolarsi di un ghiacciaio.

Ho vissuto l’Alaska in maniera “comoda”, spostandomi in auto e dormendo in alloggi confortevoli, seppur alcune volte molto spartani (il budget in Alaska è l’unico vero problema!). Ho persino fatto una crociera, la prima della mia vita. Non è stato uno di quei viaggi avventurosi in mezzo al nulla con la tendina sulle spalle, ma per me è stato ugualmente epico.

È stato un viaggio molto impegnativo, sia nell’organizzazione che nei costi, devo essere sincera. Però ne è valsa la pena. Abbiamo cominciato a pianificarlo a novembre del 2018, quando cioè abbiamo acquistato i voli, approfittando di un’offerta che davvero non potevamo lasciarci scappare. Da lì è stato un susseguirsi di studio, prenotazioni e organizzazione dell’itinerario. Quando finalmente sono partita non ci volevo credere.

glacier

Kenai Fjord, Alaska

alaska itinerario

Lo spettacolare paesaggio di Hope, Alaska

denali national park

Veduta del Denali National Park, Alaska

alaska itinerario

In treno, lungo la White Pass e Yukon Railway

crociera_tramonto

Tramonto in Alaska, dalla nave

L’autunno è stato lungo e persino un po’ noioso. Non ci giro troppo intorno: il viaggio in Alaska si è rivelato davvero molto costoso e abbiamo dovuto segregare la carta di credito per un po’.

Con dicembre è arrivato anche l’ultimo viaggio per questo 2019: la consueta trasferta a Barcellona per trascorrere il Natale con mia sorella e le mie nipotine, che ormai vedo davvero poco. Sono rimasta otto giorni e ce la siamo goduta alla grande. Del resto, il capoluogo catalano offre sempre molti spunti e risorse, anche per chi, come me, ci va praticamente ogni anno.

Travel dreams 2020

Veniamo ora al capitolo più succoso: dove mi porterà il 2020, ormai alle porte? Sapete che non lo so? Questa volta non si tratta di scaramanzia ma di smarrimento totale. Allo stato attuale non ho alcun biglietto prenotato per il prossimo anno e questa cosa mi crea un forte disagio. Non abbiamo ancora un progetto stabilito o un’idea precisa su cosa fare.

Ho ovviamente alcuni desideri. Vorrei tornare in Canada, lo ammetto. Questo paese mi manca terribilmente. Vorrei però esplorare alcune zone che ancora non ho mai visto ma i voli sono al momento ancora molto costosi e se non esce qualche offerta dovrò per forza “ripiegare” su qualcos’altro.

Mi piacerebbe anche tornare negli Stati Uniti. In cima alla lista ci sono lo Yellowstone National Park, il Colorado, il nord e sud Dakota. Ma anche un on the road tra Maine e New Hampshire sarebbe davvero una bellissima opzione.

Vogliamo sognare in grande? Le Hawaii sarebbero davvero la realizzazione di un altro grande desiderio, ma per il 2020 abbiamo accantonato la cosa per una mera questione di costi (ci dobbiamo ridimensionare dopo il viaggio di quest’anno). Però mai dire mai, conosco qualcuno che è riuscito a scovare offerte davvero strepitose.

In assenza di tariffe per noi accettabili, ci sono sempre alcune opzioni a corto raggio, anche per il viaggione estivo, che sono sicura si rivelerebbero altrettanto entusiasmanti: Scozia, Isole Far Oer, Islanda. Vedremo, tutto dipende dalle offerte che riusciremo a trovare.

travel dreams 2019

Le Hawaii restano ancora un grandissimo Travel Dreams

travel dreams 2019

Mi piacerebbe moltissimo visitare lo Yellowstone National Park

Il 2020 ci regalerà qualche ponte e weekend lungo. Dove mi piacerebbe andare? Da anni sogno Mosca e San Pietroburgo, ma anche qualche capitale del Nord, che ancora non ho avuto l’occasione di visitare. Oppure, giusto per mantenere una certa coerenza, mi piacerebbe tantissimo vedere Marrakech.

Se i viaggi che ho fatto in questo 2019 vi ispirano vi lascio anche qualche post dedicato:

Itinerario di viaggio in Alaska

Quanto costa un viaggio in Alaska

Inghilterra del sud: itinerario di viaggio in sette giorni

Voi avete già qualche programma di viaggio per il 2020? Vi va di raccontarmelo con un commento?