Dove dormire a Barcellona: le zone migliori

Qual è la zona migliore dove dormire a Barcellona? Questa è una delle domande che amici e parenti mi pongono più di frequente, sapendo che mi reco spesso nel capoluogo catalano. Ebbene, quella dell’alloggio non è una scelta semplice da compiere, quando si tratta di organizzare un viaggio a Barcellona (ma anche in altre grandi città europee, a dire il vero), perché i quartieri sono tanti l’offerta di hotel, ostelli e appartamenti è davvero molto vasta.

Quando si tratta di decidere dove dormire a Barcellona il dubbio riguarda più che altro la zona. Tutti vogliono spendere poco, alloggiare in quartieri centrali, preferibilmente non troppo rumorosi (a Barcellona?!) e sicuri. Più che dormire a lato de Las Ramblas (cosa che personalmente sconsiglio a tutti) il mio suggerimento è quello di optare per i quartieri di Barcellona più dislocati, residenziali, meno costosi ma ben collegati con la metro, che nel capoluogo catalano funziona benissimo ed ha prezzi del tutto sostenibili.

Fatta questa piccola premessa, ecco la mia piccola guida con i quartieri migliori dove dormire a Barcellona.

barcellona cosa vedere in 3 giorni

Dove dormire a Barcellona: i quartieri migliori

Poble Sec

Comincio dal quartiere di Barcellona che più di ogni altro consiglio per cercare alloggio in città. Poble Sec è un quartiere residenziale molto vicino al centro (circa 15 minuti a piedi da Plaza Catalunya, per capirsi) poco frequentato dai turisti. Relativamente tranquillo (ma non per questo noioso) offre soluzioni per dormire a prezzi concorrenziali. Mia sorella vive proprio qui, lo conosco bene e per questo lo sponsorizzo volentieri.

Poble Sec si sviluppa intorno a Parallel, una delle vie più trafficate di Barcellona, è molto ben servita dai mezzi pubblici (due fermate della metro, Parallel e Poble Sec) e si trova a poca distanza dal Montjuic, uno dei luoghi più belli del capoluogo catalano.

Una delle vie più carine del quartiere è Carrer de Blai, ricca di locali e ristoranti, vivace ma assolutamente sicura (io ci vado spesso con mio figlio e le mie nipotine). Segnalo anche il Marcato di Sant Antoni, molto bello per acquistare qualche prodotto tipico.

barcellona vista dall'alto

Il Montjuic, nei pressi del quartiere Poble Sec

Gràcia

Il secondo quartiere che vorrei consigliare per trovare alloggio a Barcellona è Gràcia, una sorta di piccolo paese all’interno della metropoli (il quartiere è infatti stato annesso alla città solo nel XIX secolo, prima era un comune a sé stante). Gràcia è una zona residenziale, con molte piazze, vicoli e negozi di artigianato locale. Qui la gente sembra condurre davvero una “vita di quartiere” tanto da sentirsi quasi in un piccolo paese, invece che in un grande centro urbano.

Il quartiere di Gràcia si trova nella parte alta della città, comincia infatti dall’estremità settentrionale di Passeig de Gràcia, una delle arterie principali della città che ospita, tra le altre cose, Casa Battlò e Casa Milà, i due celebri capolavori di architettura di Gaudì.

Amo molto il quartiere di Gràcia, se dovessi prenotare un hotel a Barcellona sceglierei senz’altro questa zona, una delle migliori a mio avviso per alloggiare in città. Il quartiere è molto ben collegato dai mezzi pubblici ma è anche molto vicino ad alcune delle attrattive di maggior interesse turistico di Barcellona: il Parc Guell, la Sagrada Familia, Casa Vincent e, appunto, Passeig de Gràcia. A seconda di dove sarà posizionato il vostro alloggio, il centro si raggiungerà mediamente in mezz’ora a piedi.

parc guell barcellona

Parc Guell, raggiungibile facilmente dal quartiere di Gràcia

Eixample

La zona dell’Eixample è la migliore per chi desidera dormire nel centro di Barcellona, restando però un po’ al di fuori del caos dei quartieri più centrali. I prezzi saranno un po’ più alti rispetto alle zone appena citate, in particolare perché qui si trovano tanti luxury hotel (che comunque per molti rappresentano l’opzione ideale).

Eixample è tagliato da Passeig De Gràcia, da qui si può raggiungere il centro con una piacevole e breve passeggiata. La zona è ricca di negozi e ristoranti per tutte le tasche ed esigenze. Si tratta in effetti dell’area più popolata di Barcellona. Qui troverete la massima concentrazione di modernismo catalano avendo a disposizione, nello stesso quartiere, la Sagrada Familia, Casa Milà e Casa Battlò.

Se intendete dormire nel quartiere dell’Eixample il mio consiglio è quello di cercare una sistemazione che non sia troppo distante dalle fermate della metro (Passeig de Gràcia, Diagonal, Universitat, Urquinaona).

cosa vedere a barcellona in tre giorni

La Pedrera si trova nella zona Eixample

Barceloneta

Chiudo la mia lista con le zone migliori dove dormire a Barcellona con uno dei miei quartieri preferiti: la Barceloneta. Parliamo dell’area che sta davanti al mare, che include una lunga lingua di sabbia soffice, molto amata dai turisti che visitano Barcellona in particolare nel periodo estivo. Va detto però che non è la soluzione più economica per cercare alloggio in città: hotel e appartamenti non costano poco. Cosa piuttosto ovvia, dato che si tratta di una zona molto turistica.

La Barceloneta però resta una delle zone migliori per restare vicino al centro senza perdere la tradizionale vita di quartiere tipica delle zone più periferiche. Troverete tanti ristoranti di pesce, anche economici (ecco la mia guida su dove mangiare a Barcellona spendendo poco, vedrete subito che molti locali che ho citato sono proprio alla Barceloneta).

Durante i mesi estivi la Barceloneta è ovviamente molto più affollata, rumorosa e vivace. Forse per questo anche più richiesta.

In questo quartiere si trova per altro l’hotel più famoso di Barcellona, il W, conosciuto anche come il Vela (per l’inconfondibile sagoma che svetta sul profilo della costa). I prezzi non sono propriamente popolari.

cosa vedere a barcellona in tre giorni

La Barceloneta, sullo sfondo l’hotel W

Alloggiare a Barcellona: le zone che sconsiglio

Dopo avervi elencato quelle che secondo me sono le zone migliori di Barcellona per cercare un alloggio, vorrei darvi qualche ulteriore dritta su quelli che, sempre a mio parere, sono i quartieri che invece dovreste evitare. Per diversi motivi, ovviamente.

La maggior parte dei turisti che arriva a Barcellona tende a preferire la zona de Las Ramblas. A mio avviso non c’è scelta peggiore. Alberghi, ostelli e ristoranti sono molto costosi e non sempre compensano con qualità le ingenti tariffe. La via poi è affollatissima e molto, molto rumorosa. Non è nemmeno una delle zone più belle della città, quindi io andrei decisamente altrove.

Born e Barrio Gotico sono i due quartieri di Barcellona che preferisco ma, con tutta sincerità, non li consiglio per dormire. Sono costosi, molto affollati e rumorosi.

Il Raval è l’unica zona che preferisco non consigliare per una questione di sicurezza. Negli ultimi anni questo quartiere di Barcellona ha subito un’intensa riqualificazione e visitarlo di giorno non comporta alcun rischio, anzi. Qui trova sede il museo di Arte Contemporanea che vale la pena vedere. La sera però la situazione è leggermente diversa, motivo per cui per dormire sceglierei un’altra zona.