Birrificio di Quero: birre artigianali bellunesi

Il Birrificio di Quero è uno dei migliori locali in provincia di Belluno dove poter gustare dell’ottima birra artigianale.

Situato a circa 15 chilometri dalla città di Feltre, porta di ingresso del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi, è una tappa che vorrei consigliare a chiunque stia pensando ad un viaggio da queste parti.

Frequento il Birrificio di Quero da molti anni ormai, dopo il recente cambio di sede posso dire che si tratta di uno dei miei locali preferiti, in Provincia di Belluno. Cosa c’è di meglio di un’eccellente birra artigianale, accompagnata da un gustoso hamburger o un primo piatto della tradizione veneta? Ecco, dunque, tutto quello che c’è da sapere sul Birrificio di Quero: menù, prezzi, birre e, ovviamente, la mia opinione!

Potrebbe interessarvi anche: Cosa vedere sulle Dolomiti Bellunesi, Piatti tipici bellunesi

Il Birrificio di Quero (Belluno)

Dove si trova

Quero, capoluogo del Comune di Quero Vas, è un piccolo paese di poco più di 1.500 abitanti, situato nella zona meridionale della Provincia di Belluno, molto vicino al confine con quella di Treviso. Si trova a poca distanza dalla città di Feltre (quindi molto vicino alla più nota Fabbrica di Pedavena), a una quarantina di chilometri da Belluno. Più o meno la stessa distanza per arrivarci da Treviso.

L’omonimo birrificio non si trova nel centro del paese. La nuova sede è infatti collocata a lato della Via Feltrina bassa ed è quindi molto semplice da trovare.

Quero non è propriamente una destinazione turistica, ma la vicinanza con Feltre e il Parco Nazionale delle Dolomiti bellunesi rendono giustificata una deviazione da queste parti.

birrificio quero

Il locale

Il Birrificio di Quero nasce nel 2010, dall’idea di due amici che decidono di trasformare una grande passione in una professione. La nuova sede, inaugurata nel 2018, ricorda molto, per ampiezza dei locali e stile di arredamento, i birrifici canadesi. Anche la produzione, come vedremo tra poco, ha subìto influenze nordamericane.

Il locale è molto ampio e spazioso, con un impiego massiccio del legno (per questo mi ricorda il Canada!). C’è anche un’ampia terrazza esterna, perfetta per cenare all’aperto in estate.

Il Birrificio di Quero è un luogo adatto a tutti, dai gruppi di amici alle famiglie, spazioso e luminoso. Si può venire per mangiare o anche solo per degustare una buona birra rigorosamente prodotta in loco.

Se volete mangiare, nel fine settimana e consigliata la prenotazione.

birrificio quero

Le birre

Chiunque vada alla ricerca di birrifici non può che essere amante della materia prima, la birra! Il Birrificio di Quero ne produce circa una quindicina (ci sono le birre stagionali che non sempre sono disponibili). Le spine sono venti, perché vi sono anche alternative internazionali (come ad esempio la New Castle, una delle mie birre preferite, ma quando vengo qui preferisco sempre qualcosa di loro produzione).

L’offerta è quindi ampia e variegata, si va dalle classiche Pils alle Stout, passando per le IPA (India Pale Ale) alle bock.

La mia preferita è la Schievenin, una Bock rosso intenso da sei gradi. È il genere di birra per cui io vado matta, dolce e corposa. La birra bock nasce in Germania (in bassa Sassonia per la precisione) in epoca medioevale e fu prodotta per lungo tempo dai monaci tedeschi. Oggi ne esistono diverse varianti. Una delle più diffuse è la Doppelbock, che assume una maggiore gradazione.

La Dopplebock del Birrificio di Quero è la Albert Spaggiari, davvero buonissima. Ha otto gradi però, io di solito me ne concedo una piccola dopo aver finito di mangiare (al posto del dessert!).

La IPA è la classica birra amara, molto diffusa in Nordamerica (impossibile non trovarne almeno due-tre tipologie nei birrifici del Canada o degli USA). A Quero ne producono due: la Super Citra (Special IPA, molto acida) e la Donald Trump (American IPA). Io non amo particolarmente le IPA, sono troppo amare per i miei gusti, ma Alberto le adora quindi non perdo comunque l’occasione di assaggiarle!

A queste si aggiunge la Dog’s Bridge, un’American Pale Ale dal retrogusto sempre amarognolo.

La collezione del Birrificio di Quero è arricchita anche da: Birra di Quero (Helles), Dolomiele (con miele, io la adoro!), una classica Weisse beer, Passerella (Summer Ale piuttosto aspra), Erwin Rommel (Imperial Pils), Auzat (Blanche), Tornado (al peperoncino), Rolling Stout, Whisky Barrel (Strong Ale da dieci gradi), Santa Maria (alla canapa), Buon Compleanno (Pils).

Tutte le birre sono disponibili nel bicchiere da 0,2 (a 2€) e da 0,4 (a 3.50 €). Oppure in caraffa.

Alcune di queste si possono acquistare in bottiglia, da portare a casa.

birrificio quero
Le venti spine di birra del birrificio di Quero

Il menù

Non solo birre, al Birrificio di Quero si viene anche per mangiare. Il menù è ampio e variegato, impossibile non trovare qualcosa che soddisfi il proprio palato. Primi piatti (provate il risotto alla birra), secondi (ottimo lo stinco, il tipico schiz (formaggio bellunese), i wurstel di produzione locale), stuzzichini e ottimi panini (impareggiabile l’hamburger!).

C’è anche il menù bambini con piatti dai 5 ai 7€.

hamburger quero
Hamburger e patatine