campo imperatore abruzzo

Campo Imperatore: cosa fare e come arrivare nell’altopiano abruzzese

Campo Imperatore è uno degli altopiani più vasti d’Italia. Collocato nel cuore del Massiccio del Gran Sasso, è un luogo dal fascino ruvido e selvaggio.

Campo Imperatore si trova in Provincia dell’Aquila, all’interno dei confini del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. Per chi ama l’escursionismo, il silenzio e i luoghi dal fascino senza tempo è certamente il luogo ideale dove trascorrere qualche giorno. Io me ne sono innamorata, sono sincera.

In questo blog post vi racconto Campo Imperatore, lo spettacolare altopiano abruzzese, con qualche consiglio utile per organizzare la vostra visita.

Potrebbe interessarvi anche: 10 luoghi da vedere in Abruzzo

Visitare Campo Imperatore, in Abruzzo

abruzzo cosa vedere

La mia esperienza a Campo Imperatore

Come ho già avuto modo di raccontare più volte sui miei canali social, tra me e l’Abruzzo è stato amore a prima vista. In questo strano 2020 mi sono ritrovata a viaggiare in Italia per la prima volta, dopo moltissimi anni. Raggiungere in auto Campo Imperatore è stata una delle esperienze più belle ed emozionanti.

Quella strada sinuosa che sale attraverso lande desolate, circondata dalle vette del Gran Sasso, mi ha fatta sentire di nuovo in Nord America. Con la differenza che l’Abruzzo è molto più caloroso ed autentico (e la cucina migliore!). I panorami, però, non hanno nulla da invidiare a quelli visti in Canada o negli USA.

Lo sapevate che a Campo Imperatore hanno girato molti film con Bud Spencer e Terence Hill?! Il famoso alpinista Fosco Marini lo definì “Il piccolo Tibet d’Italia”.

Campo Imperatore è terra di pastori. Lo è stata per secoli ma lo è ancora oggi. È una destinazione abbastanza conosciuta, ciononostante ho incontrato davvero poca gente. Ed era agosto. I giorni trascorsi in questa zona sono stati i più belli del nostro viaggio in Italia.

Dove si trova e come arrivare

L’altopiano di Campo Imperatore di trova in provincia dell’Aquila, ad una quota di 1.800 metri. È una nota stazione sciistica ma è anche una meta assai conosciuta tra gli amanti dell’escursionismo e della mountain bike. A Campo Imperatore si trovano anche un celebre osservatorio astronomico, un giardino botanico e il famoso Albergo di Campo Imperatore. Dove venne venne imprigionato Mussolini, nel 1943.

Come arrivare a Campo Imperatore? Vi sono due vie di accesso. La prima, che consiglio soprattutto in estate, è di guidare la propria auto. La strada che parte dall’Aquila è davvero straordinaria, vi regalerà panorami di incomparabile bellezza. Ci sono un po’ di tornanti ma si sopportano (a me generalmente danno molto fastidio).

In alternativa potete prendere la Funivia del Gran Sasso, che parte da Fonte Cerreto (a non molta distanza dall’Aquila) e porta sino all’albergo di Campo Imperatore. Questa seconda opzione è particolare indicata per la stagione invernale, anche perché l’albergo si trova vicino agli impianti sciistici.

Dove dormire e quanto rimanere

Difficile stabilire quanto tempo occorra per visitare Campo Imperatore. Dipende molto dalle esigenze di viaggio. Chi ci va per sciare potrebbe fermarsi per un’intera settimana, volendo. Noi siamo rimasti in zona per quattro giorni, sebbene non abbiamo dedicato tutto il tempo al grande altopiano abruzzese. Direi che almeno due notti vadano messe in programma.

La zona è ricca di strutture ricettive, dai rifugi (ideali ovviamente per chi desidera dedicarsi alle escursioni di più giorni), ai classici alberghi. Ma vi sono anche tanti bed&breakfast.

Molto famoso è l’albergo diffuso di Santo Stefano di Sessanio, uno dei comuni più vicini per raggiungere l’altopiano e sicuramente uno dei più caratteristici.

Noi abbiamo scelto di dormire vicino L’Aquila, più che altro per avere una più ampia possibilità di scelta per mangiare la sera (in questo post vi suggerisco cinque ristoranti dove mangiare all’Aquila). Abbiamo dormito in un bel b&b, La Nuova Dimora, con camere molto pulite e comode, gestito una famiglia simpatica e cordiale.

Sentieri di Campo Imperatore (facili)

Vi propongo due facili sentieri a Campo Imperatore, adatti a tutta la famiglia. Perfetti anche per i piccoli esploratori e per le persone che non hanno molta dimestichezza con la camminata in montagna. Sono due percorsi ideali per esplorare il meraviglioso altopiano abruzzese e godere di splendide vedute.

Consiglio scarpe da trekking con una buona aderenza (soprattutto per il secondo sentiero, verso il Vado di Corno), abbigliamento comodo, una buona scorta d’acqua e crema solare per i mesi estivi.

Entrambi i sentieri sono adatti anche ai bambini che camminano bene. Non sono però agibili con il passeggino. Consiglio caldamente zaini o marsupi porta bebè.

campo imperatore abruzzo
Panorama dal sentiero che parte dal Lago di Racollo
campo imperatore
I ruderi di Santa Maria del Monte

Lago di Racollo – Santa Maria del Monte

Il primo sentiero di Campo Imperatore che vi raccomando è un percorso facile, di media lunghezza, che vi regalerà pace, silenzio e panorami surreali. È un itinerario a piedi che dura circa 3 ore andata e ritorno, con pochissimo dislivello.

Attenzione, non vi sono zone d’ombra lungo questo percorso. In estate fa molto caldo, portate con voi una buona scorta di acqua (almeno un litro e mezzo a persona, c’è una fontana nei pressi del vicino rifugio). Non dimenticate la protezione solare, alta, mi raccomando!

Si parte dal piccolo lago di Racollo, si oltrepassa l’omonimo rifugio e si prosegue lungo il percorso sterrato, abbastanza visibile. Il terreno è un continuo saliscendi tra morbide dune dorate, nel silenzio più totale. Non è un percorso molto battuto, incontrerete probabilmente poche persone.

I ruderi di Santa Maria del Monte sono visibili sin dall’inizio del percorso, raggiungeteli per godere di un panorama unico, a 360°, sull’altopiano di Campo Imperatore.

Il sentiero arriva sino al Lago di Passaneta, dove troverete un piccolo rifugio usato ancora oggi in estate dai pastori locali. Un buon punto per fare una sosta e rilassarsi prima di tornare indietro.

Il Rifugio Racollo offre un piccolo campeggio e una cucina casalinga. Obbligatoria la prenotazione.

Campo Imperatore – Vado di Corno

Questo secondo sentiero parte dal pianoro di Campo Imperatore e conduce verso le cime del Gran Sasso. Dovete superare il Laghetto Pietranzoni (bellissimo perché vi si specchia proprio il Corno Grande) e guidare in direzione dell’Osservatorio Astronomico per circa 3.5 chilometri. Sino a quando non vedrete una piccola deviazione sulla destra.

Troverete un parcheggio. Da qui parte il sentiero che porta a Vado di Corno, il valico che collega il Gran Sasso con la Valle del Vomano. Già in questo primo tratto il panorama è da togliere il fiato.

Superato Vado di Corno, vi si aprirà una vista incredule sulla valle circostante. Per raggiungere il punto panoramico occorre percorre un sentiero leggermente esposto, quindi prestate la dovuta attenzione.

Per andare e tornare ci vorranno circa tre ore, con passo tranquillo.

gran sasso abruzzo
Panorama dal Vado di Corno

Osservatorio astronomico di Campo Imperatore

L’osservatorio astronomico è un luogo magico, solo a vederlo dall’esterno. Collocato ad un’altitudine di 2200 metri, è ancora oggi in piena attività per la ricerca e la divulgazione scientifica. Il telescopio, costruito in Russia e in dotazione in Abruzzo dal 1997, è largo 108 centimetri.

In tempi normali (le disposizioni anti-Covid sono ancora in vigore nel momento in cui scrivo questo post) si può visitare l’osservatorio astronomico di Campo Imperatore con una visita guidata.

Rocca Calascio

Rocca Calascio è uno dei castelli più belli del mondo, secondo National Geographic. Sicuramente uno dei luoghi più belli da vedere in Abruzzo. Si trova a una trentina di chilometri da Campo Imperatore e merita sicuramente una deviazione.

Il Castello di Rocca Calascio si trova sulla cima di un borgo medioevale, da cui si può ammirare quella che in molti ritengono la veduta più suggestiva su Campo Imperatore.

Per maggiori informazioni questa è la mia guida per visitare Rocca Calascio.

rocca calascio abruzzo
Rocca Calascio

Giardino Botanico

Concludo questa mia guida di Campo Imperatore con lo splendido Giardino Botanico. Qui avrete l’opportunità di vedere e conoscere tutte le piante presenti nell’area, anche le più particolari. Lo spazio espositivo si suddivide in tre aree differenti.

Nel giardino delle piante officinali crescono rigogliose tutte quelle piante che vengono comunemente utilizzate dall’uomo. Piante medicinali o impiegate per uso alimentare. Il giardino del piccolo parco è una sorta di “Campo Imperatore in miniatura”. Ovvero una ricostruzione di tutti gli ambienti naturali presenti nel territorio.

La selva dei frati, il terzo settore del giardino, è dedicata in modo particolare alla vegetazione tipica del querceto.

L’ingresso al giardino botanico è gratuito, ma è aperto solo nei mesi estivi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *