canada curiosità

Canada: curiosità e fatti che forse non conoscete

Curiosità sul Canada. Il Canada è conosciuto in tutto il mondo per moltissime cose: i grandi spazi aperti ed incontaminati, i parchi nazionali, le città cosmopolite, gli orsi e le marmotte, lo sciroppo d’acero.

Il Canada, ovviamente, non è solo questo, vi sono tante altre curiosità che forse ancora non sapete e che, ne sono certa, un pochino vi lasceranno di stucco. In questo post un po’ insolito vorrei parlarv i proprio di questi aspetti più insoliti.

Ecco dunque alcune curiosità sul Canada che forse ancora non conoscete!

La bandiera del Canada è una delle più conosciute al mondo, ma quanti di voi ne conoscono la storia? La prima cosa da dire al riguardo è che essa è relativamente giovane. Fu istituita infatti solo nel 1965. Prima di allora la bandiera era la Union Flag britannica.

Fu l’allora primo ministro Lester Pearsons a proporre per la prima volta una bandiera che fosse solo e soltanto canadese. Non fu propriamente una passeggiata però: fu instituito un comitato parlamentare composto dai rappresentati di partiti diversi, seguito da un’accesa e lunga discussione.

La versione definitiva della bandiera canadese, quella cioè con la foglia d’acero a undici punte, fu proclamata dalla Regina Elisabetta II il 15 febbraio 1965. Giorno che oggi (e dal 1995) viene festeggiato come “Giorno nazionale della bandiera”.

canada flag
La bandiera del Canada

Un altro fatto curioso riguardo il Canada è che si tratta di una monarchia. Vi strapperei un sorriso penso se vi raccontassi di quante persone rimangano sorprese da questo. Il Canada è parte del Commonwealth britannico, pertanto il capo di stato è la Regina Elisabetta II.

In sua rappresentanza agisce normalmente il Governatore generale del Canada, nominato dalla stessa sovrana, su suggerimento del primo ministro canadese.

Il sistema politico del Canada è comunque parlamentare. Il primo ministro è, di norma, il capo del partito politico che vince le elezioni.

Altra piccola curiosità sul Canada riguarda le lingue ufficiali. Queste sono due: l’inglese e il francese. Tutti i documenti ufficiali del paese sono redatti in entrambi gli idiomi.

Più della metà dei cittadini canadesi è di madrelingua inglese, mentre solo il 20% francese. La lingua francese in verità è parlata quasi esclusivamente in Québec, dove è piuttosto difficile che ti si rivolgano in inglese (sebbene in molti lo parlino, ma non tutti Mi è capitato in alcuni piccoli paesi di interfacciarmi con persone che parlavano solo francese).

L’unica città del Canada ufficialmente bilingue è Montréal.

Quella tra i due paesi è la frontiera più lunga del mondo, con i suoi oltre 8.000 chilometri. Una curiosità che forse non sapete è che il 75% dei canadesi vive stabilmente a poco più di 300 chilometri dal confine. Dove in effetti si collocano anche le più grandi città del paese.

In questo altro post, vi spiego come attraversare il confine Canada-USA in auto.

Uno dei due sport nazionali del Canada è il Lacrosse (insieme all’hockey su ghiaccio). Una disciplina davvero poco conosciuta da noi italiani. Si gioca su prato, con la presenza di due squadre da 10 giocatori o 12 giocatrici. Viene utilizzata una sorta di racchetta con retino, con la quale si lancia una palla verso la porta avversaria.

Le auto canadesi solitamente non sono dotate di disco orario, nemmeno quelle a noleggio. Questo perché i parcheggi ad orario sono basati essenzialmente sulla fiducia. Se il limite massimo di sosta consentito sono 2 ore si suppone che tu tenga la macchina parcheggiata per 2 ore non di più. Una curiosità che in Italia, probabilmente, non avrebbe tutto questo successo.

In alcuni supermercati ho visto grosse ceste piene di frutta disponibile gratuitamente per i bambini. Un ottimo modo per incentivare una sana alimentazione sin dall’infanzia. Un meccanismo che funziona, ovviamente, se nessuno si carica la borsa di frutti per mangiarseli a casa. Sicuramente una cosa piuttosto curiosa, mai visto nulla di simile in Italia.

canada market
Frutta gratuita per i bambini, in un supermercato del Canada

I Canadesi amano cenare molto presto, ho visto persone sedute a tavola già alle 17:30-18 (quando noi pensavamo fosse ancora troppo presto per l’aperitivo). Motivo per cui i ristoranti tendono a chiudere ben prima che faccia buio, normalmente intorno alle 20. Ne ho visti davvero pochi servire la cena dopo quell’ora.

Questo ovviamente non vale per città come Toronto, Montréal e Vancouver, dove si riesce a trovare da mangiare praticamente 24 ore su 24.

Il consumo di alcolici in Canada è ben regolamentato anche se la giurisdizione varia a seconda della provincia. In generale possiamo dire che in Canada è vietato consumare bevande alcoliche all’aperto, sono permesse infatti solo nelle case private o nei locali dotati di regolare licenza.

L’età minima per acquistare alcolici in Canada è di 18 o 19 anni (sempre a seconda delle provincie). Sono molto su questo e chiedono i documenti quasi sempre, anche agli adulti.

Non troverete alcolici al supermercato, dovrete recarvi negli appositi negozi, chiamati Liquor Stores. Per noi italiani questa è una cosa curiosa, dato che siamo abitati a comprare vino, birra e superalcolici direttamente mentre facciamo la spesa.

birrifici canada
In Canada per ordinare un alcolico bisogna avere almeno 18 anni

In Canada i prezzi esposti sia nei negozi che nei ristoranti sono sempre tasse escluse. Noi italiani siamo abituati a vedere il prezzo finito ovunque e quando paghiamo sappiamo già a che cosa andremo incontro.

In Canada invece non è così e la cosa curiosa è che anche in presenza di offerte speciali il prezzo non è mai quello finito. Per esempio, se un prodotto è in offerta a 2$ (prezzo invitante sul cartellino), alla fine lo pagherai comunque intorno ai 2,30 dollari! L’ammontare della tasse varia dal 5 al 15% a seconda della provincia.

Più che una curiosità sul Canada la definirei una prassi cui anche voi dovrete abituarvi. Per noi italiani è una cosa un po’ strana, ma in Canada la mancia si lascia sempre, tranne che nei locali dove non viene effettuato il servizio al tavolo, come ad esempio nelle catene di fast food.

Anche in quel caso, troverete sempre un barattolo per la mancia, che potrete lasciare o meno. Se invece venite serviti dal personale, non avrete scelta. Il minimo è il 10% dell’importo totale. In alcuni locali la percentuale più bassa è il 15%, oppure potete specificare un importo preciso.

Quali sono, secondo voi, i simboli del Canada? La foglia d’acero? L’alce? L’orso? Un albero? Ebbene, l’insegna che vedrete più spesso in questo paese non ha nulla a che vedere né con la bandiera, né con la flora e la fauna.

Di cosa si tratta? Sto parlando naturalmente dell’inconfondibile scritta rossa di Tim Hortons, la catena fast food in assoluto più diffusa di tutto il Canada. Pensate che vi sono oltre 3000 ristoranti in tutto il paese. Da Tim Hortons si bevono caffè, frappuccini e milkshake e si mangiano ciambelle, muffins, torte ma anche panini di vario genere. I prezzi sono bassi e la wi-fi è gratis. Evviva Tim Hortons!



viaggio canada quanto costa
Merenda economica da Tim Hortons

Un’altra curiosità sul Canada è che le case sono quasi sempre prefabbricate. Sono bellissime intendiamoci, tutte casette singole con giardino, patio e barbecue. Da film. Ma di mattoni e fondamenta, neanche l’ombra. Escludendo naturalmente i palazzoni delle grandi città.

I Canadesi amano molto il campeggio, abitudine assai comprensibile, considerate le bellezze naturalistiche del paese. C’è da dire, però, che i Canadesi amano anche la comodità e per loro il campeggio significa solo una cosa: caravan grandi come corriere.

I camper canadesi sono veramente enormi e dotati di ogni comfort. Molto spesso i camper trainano un’auto, per permettere ai proprietari di muoversi con più agilità una volta arrivati a destinazione.

Un’altra curiosità sul Canada che forse in pochi sanno è che questo paese è strettamente correlato con la tragedia del Titanic. Tra tutti i corpi recuperati in seguito all’affondamento del transatlantico, 201 vennero portati ad Halifax, capoluogo della Nuova Scozia, e qui sepolti. Qui si trova infatti un interessante museo marittimo che ripercorre i tragici eventi accaduti quella notte, con un’esposizione di reperti dell’epoca.

8 commenti su “Canada: curiosità e fatti che forse non conoscete”

  1. Articolo molto interessante e curioso; bellissima l’idea della frutta gratis e la storia dei parcheggi sulla fiducia poi…beh, quella di certo in Italia non sarebbe praticabile!

  2. Mi piace molto l’idea della frutta gratis ed essendo molto affascinata dalla storia del Titanic sicuramente visiterei il museo. Per i ristoranti io non ho problemi, mangio volentieri anche intorno alle 18.30/19 : più tempo per digerire! 😀

  3. Oddio, ho letto i primi 4 punti e pensavo: mi sono sbagliata, sto leggendo le curiosità non del Canada, ma della Nuova Zelanda! Ahaha e poi dopo ho trovato tante cose in comune con gli USA. Insomma, non sono mai stata in Canada ma mi sembra una giusta via di mezzo tra USA, Australia e NZ…mi sa che mi piacerebbe molto, con tutte le sue stranezze!! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *