canada est o ovest

Canada est o ovest? Consigli per pianificare il viaggio

Canada est o ovest? Sono molti i viaggiatori che, nell’ottica di un futuro viaggio in Canada, si chiedono quale zona sia più interessante da visitare. 

La diatriba più gettonata riguarda spesso i due versanti opposti, quello orientale e quello occidentale. È veramente difficile esprimere un qualche termine di paragone tra i due versanti opposti del Canada, quello orientale e quello occidentale, perché chiaramente entrambi i territori sono immensi e racchiudono una moltitudine incalcolabile di meraviglie naturalistiche e non. S vi state chiedendo cosa sia meglio tra il Canada est e il Canada ovest, sappiate che non c’è una risposta univoca e che entrambe sono regioni meravigliose.

Non posso quindi consigliarvi un viaggio piuttosto che un altro, posso solo provare a darvi qualche indicazione utile per guidarvi nella scelta, comparando i due versanti canadesi con l’ausilio di alcuni comuni denominatori.

Potrebbero interessarvi anche: Canada occidentale: itinerario tra British Columbia ed Alberta, Cosa vedere nel Canada orientale

Canada est od ovest?

jasper national park canada
Veduta del Jasper National Park

Viaggio

Cominciamo dagli aspetti più pratici. Un primo metro di paragone per aiutarvi nella scelta tra Canada orientale ed occidentale riguarda, ovviamente, il viaggio. Ontario e Québec sono collegate con l’Italia anche con voli diretti (in direzione Toronto e Montreal) e richiedono, di conseguenza, un viaggio più breve. Un volo di questo tipo dura circa 8h.

Per raggiungere Vancouver o Calgary dovrete necessariamente effettuare uno scalo, che sia in Europa oppure nello stesso Canada. Personalmente vi consiglio la prima opzione, che risulta più veloce (un volo per Vancouver che parte dall’Europa percorre la rotta polare, più rapida). Mettete in conto un paio d’ore per il primo volo e circa 9 per il secondo, più, ovviamente il tempo per lo scalo.

In via del tutto generale, un volo per il versante occidentale del Canda costa di più rispetto ad uno per Montréal o Toronto.

Costi

Una volta acquistato il biglietto aereo, si può dire che tutte le altre spese saranno più o meno le stesse.

Un hotel a Toronto costa come un hotel a Vancouver, le auto a noleggio hanno all’incirca le stesse tariffe in Québec così come in Alberta, la benzina varia, ma non da un versante all’altro quanto piuttosto da zona a zona. In prossimità delle attrattive di maggior interesse turistico, come ad esempio i parchi nazionali, costa di più. Mangiare nel Canada est costa come nel Canada ovest. In altre parole, mettete in conto più o meno lo stesso budget.

Questo ragionamento non vale se avete in programma di visitare zone più remote e meno turistiche. Ad esempio, Terranova e Labrador, Yukon, Territori del Nordovest. Si tratta di zone poco battute dai viaggiatori, dove le strutture ricettive sono poche e gli spostamenti più difficoltosi. In questo caso i costi di viaggio saranno senz’altro più elevati.

Per maggiori informazioni, questo è il mio post dedicato ai costi di viaggio in Canada.

Mangiare in Canada

Per quanto riguarda la cucina tradizionale, si mangia allo stesso modo da entrambi le parti. Questo perché anche piatti tipici regionali come il poutine (patatine fritte con sugo di carne e formaggio, tipiche del Québec) o la carne affumicata di Montréal sono ormai diffusi in tutto il paese.

Il pesce è tra gli ingredienti più consumati, sia ad est che ad ovest, complice la vicinanza con l’oceano o con qualche lago. Il fish&chips è infatti un piatto preponderante nel paese, la differenza è che magari verrà preparato con pesci diversi. I più diffusi sono comunque tre: merluzzo, salmone ed halibut, il più pregiato. Anche gli hamburger sono i medesimi su entrambi versanti!

Questa è la mia guida su cosa mangiare in Canada.

canada occidentale itinerario
Il fish&chips si mangia in tutto il Canada

Clima

Clima e temperature sono senz’altro due variabili importanti quando si deve decidere la destinazione del prossimo viaggio. Se siete indecisi tra Canada est e ovest, sappiate che non sarà certo il meteo a far abbassare uno dei due piatti della bilancia. Canada occidentale ed orientale si equivalgono, considerate anche le differenze climatiche che sussistono al loro interno. In altre parole, le temperature cambiano più o meno allo stesso modo, sia ad est che ad ovest.

Le differenze maggiori tra un versante e l’altro si riscontrano forse tre le grandi città, nei mesi invernali. Toronto e Montreal in inverno possono essere davvero molto fredde, con temperature che raggiungono anche i -20°, mentre Vancouver raramente scende sotto lo zero.

Detto questo, nei mesi estivi il clima è temperato praticamente ovunque e può fare anche molto caldo, quando splende il sole. Questo direi un po’ dappertutto. Nel mese di agosto ho trovato temperature tra i 25 e i 30 gradi in tutte le grandi città, nei pressi dei grandi laghi dell’Ontario, nella Okanagan Valley (British Columbia) e persino sul fiordo di Saguenay e a Whistler, a 2000 metri.

Le temperature possono scendere ovunque in modo anche repentino, basta una giornata di pioggia. Così è successo, per esempio, ad Ottawa, dove siamo passati da 30 gradi a 20 nel giro di poche ore, e nell’Isola di Vancouver, dove abbiamo trovato freddo e nebbia quando nei giorni precedenti la gente prendeva il sole in costume.

Città

Le città potrebbero forse rappresentare un piccolo spartiacque tra i due versanti canadesi. Ad est ci sono Toronto, Montreal, Ottawa e Québec. Probabilmente le quattro città più interessanti del Canada. Québec è l’unica città cinta da mura di tutto il Nordamerica e conserva ancora oggi l’antico fascino medioevale. È una città molto vivibile e a misura d’uomo che più di tutte ricorda le nostre capitali europee (a me personalmente ha evocato molto Tallinn), sicuramente quella che ho apprezzato di più.

Ottawa è la capitale, cuore politico del paese, dove è proprio il palazzo del Parlamento a costituire il maggior luogo di interesse turistico. Ad Ottawa vi sono molti musei degni di nota ed un canale navigabile patrimonio Unesco. Sicuramente una città da vedere.

Montreal e Toronto sono le grandi metropoli del Canada orientale che effettivamente meritano di essere visitate in egual misura. Toronto è sicuramente più caotica, con i suoi palazzoni che delineano uno skyline avveniristico e suggestivo, e le sue due facce, quella sotterranea e quella sempre alla luce del sole. A Toronto c’è un interessante quartiere post-industriale con moltissimi negozi d’arte, alcuni tra i ristoranti migliori del paese ed un’area verde pazzesca custodita tra i confini delle Toronto Islands.

Montreal, unica città bilingue del paese, è anch’essa una metropoli dal vivace spirito cosmopolita, sebbene presenti un centro storico di maggior interesse. Anche Montreal è una tappa imperdibile in un qualsiasi itinerario di viaggio nel Canada orientale.

Ad est ci sono Vancouver, Victoria e Calgary. Quest’ultima, onestamente, non l’ho visitata. Molti viaggiatori ci arrivano per ripartire poi verso l’Italia, dopo il classico itinerario sulle Rocky Mountains, per evitare di tornare indietro fino a Vancouver (come invece ho fatto io). Vancouver è una città senz’altro affascinante, specie per chi, come me, viene da un paese di pochi abitanti, ma, con tutta sincerità, l’ho trovata un po’ meno interessante. Certo Stanley Park è una perla da non perdere, con i suoi sentieri escursionistici che regalano scorci davvero indimenticabili, ma il downtown è davvero molto, molto distante da un centro storico, per come noi europei siamo abituati ad intenderlo.

Victoria, pur essendo la capitale della British Columbia, è una cittadina di medie dimensioni, graziosa, soprattutto grazie alla bella baia circostante che regala tramonti stupendi, ma non direi che vale propriamente, da sola, un viaggio in Canada. Certo Victoria è un punto strategico per avvistare le balene e questo non può che giocare a suo netto favore.

Diciamo che la maggior parte dei visitatori decide di andare in Canada per altri motivi, ma se sono le città ad interessarvi, forse allora dovreste dirigervi ad est.

montreal downtown
I grattacieli del downtown di Montréal
toronto canada
Lo skyline di Toronto, Ontario
vancouver
Vancouver

Laghi del Canada

Entriamo ora nel cuore della questione. Il Canada è universalmente conosciuto come la terra dei laghi. Piccoli o grandi che siano, sono una delle (tante) meraviglie naturalistiche di questo paese. Però ve lo dico, i laghi che troverete nel Canada orientale non sono gli stessi in cui potrete specchiarvi sul versante occidentale. Quali i più belli? Questa volta sono costretta a darvi una risposta e dico quelli del Canada ovest.

I laghi di Ontario e Québec sono magnifici, intendiamoci. Del resto, nulla in Canada è sostanzialmente “brutto”. Sono laghi enormi, che sembrano mari a dire la verità. Talmente vasti che al loro interno ospitano isole. La maggior parte è balneabile e si trovano spesso spiagge di sabbia bianca che ricordano molto lidi di altre latitudini.

Qualche esempio? Il Lake Huron con la stupenda Manitoulin Island e la Wasaga Beach, il Lake Ontario e le sue mille isole (letteralmente), la stupenda regione dei Muskoka Lakes. Tutti meravigliosi ma lontani anni luce dalle preziosissime gemme che troverete sulle Rocky Mountains, al confine tra British Columbia ed Alberta.

Emerald Lake, Moraine Lake, Lake Louise, Peyto Lake. Questi sono solo alcuni (i più conosciuti direi) tra i meravigliosi laghi che troverete in questa regione. Colori che in vita mia non sono riuscita a vedere altrove. L’acqua, qui, assume tonalità talmente brillanti e intense da sembrare quasi surreali. Per me non c’è storia, se parliamo di laghi il Canada occidentale batte di gran lunga quello orientale.

canada occidentale itinerario
Moraine Lake, Banff National Park
muskoka lales ontario

Natura e paesaggi

Natura può voler dire tutto e niente ed è difficile fare un confronto tra Canada est ed ovest su questo aspetto. Eppure è anche la tematiche che più interessa i viaggiatori. I due versanti canadesi sono effettivamente molto diversi tra loro, ma è davvero complicato stabilire quale sia il più bello.

Il Canada occidentale si presenta con paesaggi più selvaggi, questo è certo. La Rocky Mountains sono le regine incontrastate della regione. Parliamo quindi di un ambiente montano. Banff National Park, Jasper National Park, Yoho, Kootenay, Mt. Robson sono i parchi nazionali più visitati, tutti incastonati tra le suggestive vette delle Montagne Rocciose. Questa è zona prediletta per gli escursionisti di tutto il mondo, che vengono da queste parte per dedicarsi anche al trekking più estremo. Vi sono, ovviamente, anche sentieri molto più semplici.

Nell’isola di Vancouver il paesaggio cambia radicalmente. La Pacific Rim National Reserve è un concentrato pazzesco di spiagge e foresta pluviale, mentre nello Strathcona Provincial Park incontrerete boschi, cascate, laghi cristallini e sentieri escursionisti per tutti i gusti.

Nel Canada orientale incontrerete altrettante perle naturalistiche: l’Algonquin Provincial Park, il Mont-Tremblant, la Mauricie, Jacques-Cartier, il fiordo di Saguenay, il paesaggio aspro e selvatico della Gaspésie. Qui ovviamente il paesaggio non sarà, diciamo così, alpino, ma più collinare. Questo, ovviamente, non vuol dire che non vi siano percorsi altrettanto suggestivi e meno panoramici. Il Canada orientale a me ha dato l’idea di essere meno selvaggio, forse perché le distanze sono più brevi, i centri abitati sono di più e più grandi ed è difficile incappare in strade poco trafficate o in mezzo (quasi al nulla). Cosa che invece, nel Canada occidentale, mi è capitato più volte.

lake louise banff
Lake Louise, Banff National Park
bruce peninsula canada
Veduta del Bruce Peninsula National Park

Conclusione: Canada est od ovest?

Abbiamo parlato di costi, di cibo, di clima, di città e di natura. Ora è arrivato il momento di tirare le somme: Canada orientale od occidentale? La verità è che non esiste una risposta definitiva, credo. Molti viaggiatori affermano che il versante ovest sia quello che meglio rappresenti il Canada autentico, quello cioè fatto di natura selvaggia, spazi sconfinati, cime innevate e laghi che sembrano smeraldi. In un certo senso questo è vero, è l’impressione che ho avuto anch’io, ma alla fine cosa è più autentico di che cosa?

Il Canada, come penso tutti i paesi di questo pianeta, è un territorio composto da mille sfaccettature diverse, ognuna delle quali ugualmente importante e rappresentativa. Perché una metropoli vivace e multiculturale dovrebbe essere meno “simbolica” del laghetto in cima alla montagna? Forse perché è quello che più siamo abituati vedere, quando si parla di Canada.

Con questo post ho voluto mettere sul piatto alcuni aspetti che normalmente influenzano le decisioni di chi è interessato a visitare il Canada, ma non riesco davvero a dirvi “andate nel Canada ovest piuttosto che ad est” perché per me sono stati tre viaggi meravigliosi, in egual misura. La risposta più semplice a questa domanda dovrebbe essere, banalmente: andate da entrambe le parti!

12 commenti su “Canada est o ovest? Consigli per pianificare il viaggio”

  1. Io non sono mai stata in Canada e quindi entrambe le regioni mi affascinano. Certo, i paesaggi naturali suscitano più fascino in me dele città ma, alla fine, credo che una visita nelle città sia comunque molto interessante

  2. Ho sempre pensato al Canada come ad un luogo dove andare assolutamente per immergersi nella natura. Le foto che hai postato mi fanno pensare di averci visto giusto. Questo post è molto molto utile per avere una panoramica per poter scegliere da che parte andare. Considerando le distanze, non è una scelta banale in vista di un tour.

  3. Non si può dire quale parte del Canada sia più bella proprio per la loro diversità. Io se dovessi scegliere andrei sulla costa orientale perché le Rocky Mountains sono spettacolari e perché lì penso ci siano percorsi da trekking più panoramici. Però devo dire che Montreal e il Quebec mi hanno sempre affascinato per motivi legati più alla loro storia e perché protagonisti dei romanzi della Reichs.

  4. Che meraviglia è un paese che mi affascina moltissimo! ci sono stati l’estate scorsa dei miei cugini e si sono divertiti motlissimo! grazie per gli ottimi consigli io adoro gli spazi selvaggi ma che le metropoli quindi c’è tutto cio che mi piace!

  5. Non essendo mai stata in Canada, non posso esprimere un’opinione, ma mi sento di dire che mi piacerebbe tutto il paese! Est o ovest immagino che sia tutto bellissimo. Se proprio dovessi scegliere allora forse baserei la mia scelta esclusivamente sul fattore linguistico, orientandomi sulla British Columbia perché si parla inglese 😉

  6. che viaggio magnifico!! Il Canada Orientale doveva essere la mia meta nel 2013, ma poi sono finita in India, perchè costava meno. Nulla di poetico nella mia scelta, ma solo un problema di portafoglio.
    Entrambi “i canada” mi sembrano magnifici, poi la natura, insomma un posto davvero magico dove la natura prevale su tutto.
    Che poi in Canada ci sono anche stata, per un paio di giorni tra le Niagara Falls e Toronto, un assaggio per farmi innamorare.

  7. Sempre utili i tuoi articoli!
    Io non sono ancora stata in nessuna delle due zone ma dalla tue descrizione l’idea che mi ero fatta era giusta!
    A me ispira moltissimo la parte occidentale perché preferisco la natura alle città ma ho il timore che sia un po’ troppo da escursioni e passeggiate a piedi, cose per cui io sono davvero negata!
    Per visitare i parchi serve essere degli sportivi o sono adatti anche a dei pantofolai come me?

  8. Ho visitato solamente la zona est molti anni fa, quasi 10, e sogno da tempo di tornare e fare un lungo otr partendo da Toronto ed arrivare ad ovest… chissa magari presto lp farò!

  9. Dormire in uno chalet immerso nel bosco, cucinarsi sul barbeque una bistecca di bisonte, soggiornare in una cabane a sucre, sono tutte esperienze che ci rimarranno per sempre impresse nella memoria, che hanno contribuito a rendere il nostro viaggio in Canada davvero unico! Il livello medio delle sistemazioni canadesi e davvero alto: ci siamo quasi sempre trovati benissimo, incontrando proprietari accoglienti e disponibili e spendendo il giusto, senza picchi esagerati, forse anche grazie al periodo di bassa stagione, ovvero l autunno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *