muse trento

Cosa vedere al Muse, Museo della Scienza di Trento

Il Muse è il Museo delle Scienze di Trento. Progettato dall’Architetto Renzo Piano (il palazzo), è un eccezionale contenitore di informazioni, per adulti e bambini. Cosa vedere al Muse di Trento? Natura, storia, geologia, cambiamenti climatici, scienze umane. Apri la mente e preparati ad un’esperienza formativa davvero sorprendente. In questa guida ti racconto il Muse di Trento: cosa vedere, come prenotare i biglietti, prezzi.

Ho visitato il Muse di Trento insieme a mio figlio, sei anni appena compiuti. Un’esperienza davvero entusiasmante. Il Muse è un museo adatto a bambini anche più piccoli, ma è forse a partire da questa età che la visita diventa più comprensibile. Ad ogni modo, è stata una giornata veramente grandiosa. Da ripetere, possibilmente fra non troppo tempo.

Dove si trova il Muse

Il Muse è ubicato nel quartiere Le Albere. L’intera area è stata progettata da Renzo Piano, nel contesto di un’importante riqualificazione ambientale (ex stabilimento Michelin). Si tratta di un imponente complesso di palazzi, realizzati con un’ottica di sostenibilità, impiegando in larga misura legno e pietra locale.

Vale la pena fare una passeggiata per il quartiere, prima di visitare il museo, soprattutto se hai uno o più bambini. C’è una grandissima area verde con un parco giochi strepitoso, da non perdere. Consiglio in particolare la carrucola, per volare, letteralmente, tra gli alberi!

Il Muse si trova a circa dieci minuti a piedi dal centro storico di Trento. Per arrivarci, prendi il sottopassaggio che si trova a nord del Museo.

trento muse

Quanto costa entrare al Muse di Trento?

  • Intero € 11 + € 1.50 di prevendita
  • Ridotto studenti e over 65 € 9 + € 1.50 di prevendita
  • Gratis per i minori accompagnati da uno o più adulti

Come prenotare i biglietti per il Muse?

Allo stato attuale è obbligatoria la prenotazione della visita in via anticipata, tramite portale online. È necessario indicare l’orario della visita, che rimane vincolante. Dovrai recarti presso il museo con almeno dieci minuti di anticipo, ma non troppo (noi infatti siamo arrivati ancora prima e ci hanno fatto aspettare un po’).

La permanenza al museo non potrà superare le tre ore.

Per prenotare i biglietti, visita questo sito.

Gli orari di apertura del Muse di Trento sono i seguenti:

  • dal martedì al venerdì, dalle 10:00 alle 18:00
  • sabato, domenica e giorni festivi, dalle 10:00 alle 19:00
muse trento museo

Parcheggio al Muse

Presso il Muse di Trento vi è un parcheggio interrato, riservato ai visitatori, con una tariffa oraria di € 2,00. Nei dintorni vi sono altri parcheggi, tutti con disco orario.

L’unico parcheggio gratuito si trova subito prima del museo, ma è molto piccolo e non ti sarà facile trovare posto, soprattutto se arrivi in tarda mattinata. Ricordati che non si può entrare in auto nel quartiere Le Albere.

Il Muse per i bambini

Il Muse di Trento è il museo perfetto da visitare con i bambini, anche i più piccoli. Non solo contenuti interessanti, ma anche tante attività, laboratori e occasioni di apprendimento diversificate. Il Muse è il luogo perfetto per sperimentare e stimolare la curiosità dei più piccoli.

Ti consiglio di concederti le dovute soste, soprattutto negli spazi dedicati ai bambini. Il MUSE è grande e i più piccoli potrebbero stancarsi, se costretti a stare in piedi per molto tempo. Tre ore, comunque, ci vogliono tutte per vedere l’esposizione completa.

Cosa vedere al Muse di Trento con i bambini? Ecco un elenco di attività strutturare ad hoc:

  • Maxi Ooh, lo spazio dedicato ai più piccoli (0-5 anni) con tante attività dinamiche da fare con i genitori
  • Percorsi di visita studiati appositamente per chi si muove con il passeggino
  • Discovery Room, pensata per i bambini tra i 5 e i 10 anni, offre esperienze sensoriali e tante curiosità
  • Festa di compleanno al Muse, da organizzare in base all’età e alle attività da fare
  • Osservazione delle stelle sotto la cupola del planetario
museo trento

Cosa vedere al Muse di Trento

Cosa vedere al Muse di Trento? Il percorso espositivo si articola su sei piani differenti, ognuno dedicato ad un’area tematica specifica. Ecco le esposizioni.

Il piano sotterraneo è dedicato alla storia della vita: dalla formazione della Terra ai dinosauri. Questo piano è molto ben organizzato ed offre alcune riproduzioni di dinosauri. I bambini ne andranno pazzi! Oltre a questo, troverai una sezione dedicata al DNA umano e la serra tropicale (che noi non abbiamo visitato perché chiusa).

Al piano terra si trovano il Maxi Ooh, il percorso sensoriale dedicato ai bambini più piccoli, e il centro scientifico, dove testare alcuni esperimenti interessanti, legati principalmente alla nostra vita quotidiana

Arrivato al primo piano, preparati ad un altro salto indietro nel tempo, questa volta verso la preistoria. Nello specifico, sono esposti svariati reperti rinvenuti nell’area alpina. Sullo stesso piano, anche la nuovissima Galleria della Sostenibilità, da vedere assolutamente per capire come il nostro pianeta si stia evolvendo e cosa possiamo fare noi per preservarlo.

Il secondo piano è dedicato alla geologia. Troverai quindi fossili e spiegazioni accurate su come si compone il nostro sottosuolo. C’è anche una sezione dedicata alle calamità naturali.

Al terzo piano troverai una ricca esposizione dedicata alle Alpi, alla biodiversità, a come cambia il territorio nel corso delle stagioni.

Il quarto piano è dedicato ai ghiacci ed è una delle sezioni più emozionanti. Potrai scoprire i diversi ambienti naturali ad alta quota, i cambiamenti climatici in atto, le esplorazioni nel corso della storia.

Infine, la terrazza. Situata quindi al quinto piano, offre un piacevole momento di relax all’aria fresca, oltre che una bella vista panoramica sulla Valle dell’Adige.

trento
Piazza Duomo a Trento
forst trento
I tradizionali Canederli, alla Forst di Trento

Dove mangiare

All’interno del Muse di Trento c’è un ristorante, se non hai voglia di fare troppa strada per mangiare qualcosa. La filosofia del locale è molto apprezzabile: prodotti sostenibili e pochissimi imballaggi in plastica. Vi sono menù con ingredienti del territorio, anche per bambini, a prezzi veramente interessanti.

Nel quartiere troverai in alternativa alcuni ristoranti e caffè. Oltre ad una rosticceria/alimentari con prodotti gourmet, rigorosamente del territorio.

Altrimenti, se hai un po’ di tempo, vai in centro città. Ti consiglio, in particolare, i piatti tradizionali proposti alla Forst di Trento, insieme, naturalmente, ad una buona pinta di birra. Da provare le tagliatelle con ragù di selvaggina e i tipici canederli.