gargano

Cosa vedere nel Gargano, dalle spiagge all’entroterra.

Il Gargano, comunemente chiamato “lo sperone d’Italia”, è quel piccolo promontorio montuoso situato nel nord della Puglia, in provincia di Foggia. Non solo spiagge, il Gargano è ricco di cose da vedere, tra natura, borghi e mare.

Io sono stata nel Gargano due volte. La prima, da bambina, con i miei genitori. Di questo viaggio conservo solo le foto e pochi ricordi (avevo solo cinque anni). La seconda, nel 2020, per una parte delle mie vacanze estive. Il Gargano è un territorio forse meno conosciuto, rispetto il vicino Salento, ma non per questo è privo di luoghi di interesse da visitare.

Potrebbero interessarvi anche: Itinerario on the road in Italia, Vacanze al mare in Italia: mete economiche

Il Gargano è una destinazione assai gettonata soprattutto per le vacanze estive. Sebbene, come già detto, sia meno richiesta del Salento, è comunque una zona che in estate diventa molto affollata e costosa. Le spiagge sono davvero gremite, in alcune zone diventa persino difficile trovare uno spazio per posare l’asciugamano.

Per la stessa ragione, è molto difficile trovare alloggio, se non prenotando con largo anticipo. Le zone più richieste sono quelle di Peschici, Vieste, Rodi Garganico. In agosto le tariffe sono particolarmente elevate.

Se ne avete la possibilità, scegliete di visitare il Gargano nei mesi di giugno o di settembre.

Direttamente collegata al paragrafo precedente, è la questione su dove dormire nel Gargano. Io mi sono ritrovata in una situazione un po’ anomala, perché ho organizzato il mio viaggio con pochi giorni di anticipo. Ed era agosto.

Non sono riuscita a trovare quasi nulla che fosse disponibile, in prossimità della costa. Le poche soluzioni rimaste, avevano tariffe esorbitanti (non meno di 250€ a notte). Per questo il mio consiglio è quello di organizzare il vostro soggiorno nel Gargano con un po’ di anticipo.

Alla fine, ho prenotato un hotel a San Giovanni Rotondo. Se volete fare vita da spiaggia non è oggettivamente la soluzione più comoda. Ci vogliono almeno 40 minuti per raggiungere la costa. Se invece preferite girare ed esplorare la zona, può andare bene. I prezzi sono piuttosto contenuti.

Una guida con i luoghi di maggior interesse da vedere nel Gargano non può cominciare che dalle spiagge. La prima cosa da dire al riguardo è che le più belle si trovano lungo la costa meridionale. Qui potrete ammirare i meravigliosi faraglioni di roccia bianca, che hanno reso il Gargano tanto famoso. Le spiagge su questo versante sono piccole cale di ciottoli o sabbia, incastonate tra le rocce. Il mare è blu, limpido e bellissimo.

Sono indubbiamente stupende, ma più difficili da raggiungere e, soprattutto, considerate le piccole dimensioni si riempiono già di primo mattino. Un suggerimento è quello di dedicare una giornata ad una gita in barca, che vi conduca lungo tutta la costa, vicino alle grotte. Ci sono molto agenzie, che propongono partenze diversificate anche per il luogo di partenza. Consigliata la prenotazione con un paio di giorni di anticipo.

La costa settentrionale del Gargano è invece caratterizzata da ampie spiagge sabbiose, attrezzate, facilmente accessibili. Per contro, il mare è indubbiamente meno bello. Questo è anche il lato più frequentato dalle famiglie con bambini piccoli, dato che il fondale degrada molto più dolcemente.

Quello che segue non è ovviamente un elenco esaustivo con tutte le spiagge del Gargano, sono solo alcuni consigli personali. Per informazioni più dettagliate potete consultare il portale turistico di Vieste.

Baia della Zagare

La spiaggia più famosa del Gargano è probabilmente Baia delle Zagare, situata nel tratto di costa tra Pugnochiuso e Mattinata. Delimitata da due imponenti faraglioni di falesia (l’arco di Diomede è uno dei più fotografati di tutta la costa), è una piccola lingua sabbiosa davvero spettacolare.

Il mare è blu intenso, limpido e cristallino. Il consiglio è quello di arrivarci al mattino presto. Folla a parte, la spiaggia diventa ombrosa già a metà pomeriggio, per via della costa a strapiombo. Ci si può arrivare via mare (affittando un gommone o partecipando a un tour in barca), scendendo direttamente dall’omonimo resort, oppure a piedi, attraverso i sentieri che scendono dalla strada principale.

Baia di San Felice

Restiamo sempre tra le spiagge del Gargano situate sulla costa meridionale. La Baia di San Felice è una piccola spiaggia ubicata nei pressi dell’omonimo arco naturale. Si può raggiungere dalla vicina struttura alberghiera oppure in barca.

san felice gargano
L’Arco di San Felice
vignanotica gargano
La spiaggia di Vignanotica, sulla costa meridionale del Gargano

Baia di Vignanotica

Altrettanto bella è la spiaggia di Vignanotica, che si raggiunge percorrendo un sentiero di strada sterrata, direttamente dalla strada principale. Anche in questo caso a fare da cornice c’è la suggestiva parete di falesia bianca che cade a picco sul mare.

Mare pulitissimo e fitta vegetazione concorrono a creare uno scenario davvero incantevole.

Baia di San Nicola

Questa spiaggia si trova a poca distanza da Peschici, siamo quindi sul versante settentrionale della costa del Gargano. È una lunga lingua di sabbia fine, incastonata tra due grandi speroni di roccia. Noi ci siamo stati nel pomeriggio, il tramonto che si può ammirare da qui è davvero sublime.

Ci si arriva dopo una breve discesa a piedi, il parcheggio è a pagamento ma non è grandissimo. Sicuramente è una baia da preferire, rispetto alla troppo affollata spiaggia di Peschici.

san nicola gargano
La spiaggia di San Nicola

Spiaggia di Rodi Garganico

Tra tutte le località balneari da vedere sul Gargano, quella di Rodi Garganico è forse la meno rinomata. Sicuramente meno suggestiva rispetto le vicine Vieste e Peschici, Rodi Garganico è molto frequentata dalle famiglie.

La spiaggia è grande e attrezzata (quantomeno nel tratto adiacente il paese) e, sebbene il mare non sia limpido e cristallino come sul versante meridionale, l’acqua è pulita. Ci sono molti servizi ed è vicina al centra del paese.

Rodi Garganico è anche leggermente più economica rispetto Peschici e Vieste.

La riserva naturale Foresta Umbra è un luogo incantevole, che vi consiglio di inserire nel vostro itinerario nel Gargano. Quantomeno per prendervi una pausa dalla folla che riempie le spiagge, oltre che dalla calura estiva. La Foresta umbra, che si trova nella parte interna del Gargano, gode infatti di molte zone ombreggiate, dovute alla fitta vegetazione che la contraddistingue.

Le sue preziose faggete sono Patrimonio Unesco dal 2017. Altra caratteristica peculiare della Foresta Umbra sono le dimensioni fuori scala dei suoi alberi, un fenomeno denominato come “macrosomatismo”. Ci troviamo, tra l’altro, nella più grande foresta di latifoglie sul territorio italiano.

Noi abbiamo trascorso qui più di mezza giornata (acquistando un eccellente panino preparato con ingredienti del territorio), dedicandoci al sentiero didattico che circumnaviga il lago artificiale. Un posto perfetto anche per i bambini.

foresta umbra
La Foresta Umbra, nel cuore del Gargano

San Giovanni Rotondo è una delle mete più importanti in Italia per il turismo religioso. Come forse saprete, qui si trovano le spoglie di San Pio di Pietralcina. I luoghi di maggior interesse sono infatti il convento di Santa Maria delle Grazie, l’ospedale Casa Sollievo e il nuovo santuario di San Pio.

San Giovanni Rotondo presenta anche un grazioso centro storico, costituito dalle tradizionali case pugliesi in pietra bianca, ricco di ristoranti tipici. Noi abbiamo quasi sempre cenato qui, l’offerta è di ottima qualità.

Peschici è, insieme a Vieste, la località più caratteristica da vedere sul Gargano. Si trova sulla costa settentrionale, vista dalla spiaggia subito sottostante è un bellissimo agglomerato di case bianche, arroccate su uno sperone di roccia a picco sul mare. Indubbiamente un paesaggio da cartolina.

Il centro storico è meraviglioso. Un continuo intrecciarsi di vicoli, piazzette, botteghe di artigianato locale, ristoranti. Da qui si gode di una splendida vista sulla baia sottostante.

Peschici è anche molto affollata, in estate. Muoversi tra le vie del centro può risultare difficoltoso ed è indispensabile prenotare al ristorante.

Ciò che di Peschici non mi è proprio piaciuto però è la spiaggia. Questo lo devo dire. Affollata (in un modo che non avevo mai visto prima, non sono riuscita a trovare posto per poggiare un asciugamano), sporca, con un mare quasi peggiore rispetto all’alto Adriatico. Ce ne siamo andati praticamente subito.

peschici
Tramonto a Peschici

Vieste si colloca invece sul versante meridionale del Gargano, in una posizione più fortunata, rispetto a Peschici, per mare e costa. Assai caratteristico, il centro storico di origine medioevale, arroccato anch’esso su un promontorio roccioso. Veramente splendidi, i punti panoramici della città.

Gli edifici di maggior interesse storico di Vieste sono la cattedrale e il castello, entrambi di origine medioevale. Il simbolo di Vieste rimane però punta San Francesco, la piccola penisola rocciosa che sembra quasi sospesa sull’acqua.

Anche Vieste in estate diventa molto affollata. Qui si trovano moltissime strutture ricettive, anche di lusso, da prenotare ovviamente con largo anticipo.

vieste gargano
Cosa vedere nel Gargano: Vieste

Monte Sant’Angelo è un’altra meta da vedere nel Gargano. Oltre ad essere il centro abitato più elevato della zona (843 metri), è un luogo importantissimo per il turismo religioso. Qui si trova il Santuario di San Michele Arcangelo, che attira ogni anno migliaia di pellegrini. Il santuario risale al VI secolo e fu costruito in seguito alle apparizioni dell’Arcangelo, che sarebbero avvenute in una grotta vicina.

Monte Sant’Angelo è inoltre Patrimonio Unesco (il santuario) ed è ubicato in una posizione straordinariamente panoramica. Da qui si possono ammirare il Golfo di Manfredonia e il Tavoliere.

Riservate un pomeriggio intero per visitare il santuario, passeggiare tra gli stretti vicoli, ammirare il Castello normanno-svevo e le tipiche costruzioni in stile pugliese.

monte sant'angelo gargano
Monte Dant’Angelo, uno dei borghi da visitare nel Gargano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *