irlanda cosa mangiare

Cottage Pie: ricetta e storia del pasticcio di carne inglese

Il Cottage Pie (o Sheperd’s Pie) è una ricetta tradizionale inglese e irlandese che nasce come piatto povero, a base di carne e patate. Si tratta di un piatto tipico assai sostanzioso e molto gustoso, uno dei più buoni che mi sia capitato di assaggiare in viaggio, che si rivela molto semplice anche da preparare a casa. Come spesso succede, anche le ricette più tradizionali sono soggette a diverse varianti. Questa che vi propongo è la mia versione, quella cioè che preparo più spesso.

Ecco dunque la ricetta del Cottage Pie, il tradizionale pasticcio di carne di origine inglese e irlandese.

Ricetta Cottage Pie

Storia del piatto

Cottage Pie o Sheperd’s Pie? In verità si tratta della stessa pietanza, la differenza sta nel tipo di carne utilizzata per la preparazione. La ricetta del Cottage Pie prevede la carne bovina, mentre la seconda viene preparata con carne di agnello. Io sono solita cucinare la prima versione, perchè non mangio carne di agnello. Oltre a questo, la carne di manzo è più semplice da reperire nelle nostre macellerie ed è più economica. Motivo per cui in questo post parlo di ricetta di Cottage Pie e non di Sheperd’s Pie.

Il Cottage Pie nasce nel Regno Unito e in Irlanda verso la fine del XIX secolo e unisce due degli ingredienti più diffusi in quei terriotori: carne di manzo, montone o agnello e patate. Il nome originale, Sheperd’s Pie, significa infatti “Torta del Pastore”. Come tutti i piatti di origine contadina, risulta molto sostanzioso e ricco di sapore, pur unendo due materie prime non particolarmente costose.

La ricetta del Cottage Pie tradizionale è in verità molto semplice: uno strato di carne stufata, coperto da morbido purè di patate. Per renderlo ancora più goloso oggi si usa arricchirlo con del formaggio filante.

Ecco dunque ingredienti e procedimento.

sheperd pie
Cottage pie con carne, patate e formaggio fuso, in un pub di Bath

Ingredienti per 4 persone

500 grammi di macinato di manzo

1 carota

1 cipolla

1 costa di sedano

olio

300 grammi di passata di pomodoro

200 grammi di piselli surgelati (facoltativi)

4 patate di medie dimensioni

latte

burro

150 grammi di formaggio tipo cheddar

patate

Procedimento

Cominciamo dalla carne. Prepariamo un soffritto classico con sedano, carote e cipolla, tagliati sottili. Facciamo appassire il tutto, aggiungiamo la carne e facciamola leggermente rosolare. Versiamo la passata di pomodoro, un bicchiere d’acqua, saliamo. Copriamo e facciamo cuocere un paio d’ore.

Lessiamo i piselli e aggiungiamoli alla carne verso fine cottura.

Lessiamo le patate, in pentola a pressione ci vorrano 12-15 minuti, in pentola normale un po’ di più. Prepariamo quindi il purè con il metodo classico, scaldando il burro e aggiungendo il latte alle patate.

Disponiamo la carne sul fondo di una pirofila, ricopriamo con il purè e cospargiamo infine con il formaggio cheddar tagliato a fette oppure a tocchetti.

Inforniamo per circa 15 minuti a 180 gradi, gli ultimi 3-4 minuti spostiamo in modalità grill in modo che si formi la crosticina.

Consigli e varianti

In alternativa alla carne macinata si può usare lo spezzatino di manzo, per un piatto più sostanzioso. Non è proprio la versione originale ma è certamente un’ottima variante. Lo spezzatino andrà cotto lentamente, per circa tre ore, in modo che la carne risulti morbidissima e si sfilacci.

Per preparare la ricetta del Cottage Pie suggerisco di lasciare il purè grossolano e non troppo liquido. Il piatto deve risultare rustico.

Il cheddar è il formaggio ideale per questa preprazione, se non altro perchè è inglese. In alternativa si può usare un qualsiasi formaggio a pasta morbida, purchè saporito.

Se avete ospiti e volete cucinare la vostra Cottage Pie in anticipo potrete farlo senza problemi. Vi basterà solo assemblarla e conservarla in frigo, per poi cuocerla in forno aggiungendo solo il formaggio.

L’ideale sarebbe servire la Cottage Pie in pirofile monoporzione per non sfaldarla troppo con il taglio. In questo caso il tempo di cottura in forno andrà ridotto.

Cosa si beve con la Cottage Pie? Ovviamente un’ottima pinta di birra. Per un abbinamento perfetto consiglio birre in stile inglese: Stout, Brown Ale, Red Ale. Queste birre non vanno servite fredde di frigorifero, ma a una temperatura tra i 10 e i 14° quindi o da cantina, oppure occorre tirarle fuori dal frigo con un po’ di anticipo. Vi lascio il link delle migliori birre irlandesi da provare.

9 commenti su “Cottage Pie: ricetta e storia del pasticcio di carne inglese”

  1. Proprio un bel piatto robusto, di quelli da mangiare fumanti dopo una giornata nella brughiera. Che voglia di quelle atmosfere di campagna mi hai fatto venire con la descrizione di questo piatto!!

  2. Io amo alla follia questa ricetta. Ammetto di aver sempre sbagliato nome perché la chiamavo Sheperd’s Pie anche se non era di agnello. Pensa che l’ho assaggiata la prima volta a New York nel ristorante di un museo poco conosciuto. Fu amore a primo assaggio e tornata in Italia è diventato un dei miei cavalli di battaglia tanto che per capodanno ormai a casa mia si mangia sempre questo piatto!

  3. Buonissimo lo Shepherd’s Pie. L’ho mangiato tutte le volta che sono stata in Gran Bretagna, ma onestamente non ho mai pensato di cimentarmi nella preparazione casalinga. Ma visto che sembra molto facile, quasi quasi faccio la prova!

  4. Sììì .. grazie! Mi piace provare a cucinare piatti che ho assaggiato all’estero di cui mi sono innamorata. Questo pasticcio di carne l’ho assaggiato in Cornovaglia nel 2013. Che buono!! Non vedo l’ora di provare a farlo!

  5. Dopo aver provato con successo la ricetta dalla New York Cheesecake (un vero successo) proverò anche questa. Adoro sia il cottage pie che lo shepherd pie ma in effetti meglio provare con la carne di manzo perché è più facile da provare. Il purè lo so fare, quindi direi che posso farcela anche questa volta!
    Ottima idea quella di suggerire le birre da abbinare.

  6. Non ho capito bene quale sia la consistenza di questo piatto, ma siccome mi piacciono tutti gli ingredienti, sono quasi certa che potrebbe piacermi. Anzi, ne sono sicura. Amo provare gusti e sapori nuovi.

  7. Ma che bontà! Mi piace cimentarmi in cucina soprattutto con ricette sempre nuove e originali. Devo confessarti che questa mi attira molto voglio provarla!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *