Il Colosseo all’interno: biglietti, orari, visite guidate

Visitare il Colosseo di Roma è una di quelle esperienze da travel bucket list, cioè da fare almeno una volta nella vita. E non sono solo io a pensarlo. Oltre a me, ci sono anche i sette milioni e mezzo di persone che nel 2019 hanno visitato il Colosseo al suo interno. Parliamo infatti del parco archeologico più gettonato in Italia.

Il Colosseo è un’opera straordinaria che lascia senza fiato non appena la si scorge da lontano, ma è al suo interno che lo spettacolo diventa davvero grandioso.

Ho avuto la possibilità di visitare l’interno del Colosseo due volte. L’ultima proprio durante questa strana estate 2020, quando cioè Roma si è ritrovata sguarnita di turisti extra-europei. La prima, pèer la cronaca, molti anni fa, in gita di quarta superiore. Ecco, dunque, la mia guida per visitare il Colosseo al suo interno: dove acquistare i biglietti, gli orari di apertura, come e dove richiedere una visita guidata.

Visitare l’interno del Colosseo

La costruzione

Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco dal 1980, annoverato tra le Nuove sette meraviglie del mondo, il Colosseo attrae ogni anno viaggiatori provenienti da ogni parte del mondo, che non esitano ad attraversare il globo per arrivare sino a Roma.

Il Colosseo è una delle proprietà extraterritoriali della Santa Sede.

La storia del Colosseo è nota a molti penso, ma un breve ripasso non fa mai male. Fu l’Imperatore Vespasiano a richiederne la costruzione, nel 72 d.C. Nei primi sette anni di lavori furono eretti i primi due piani, nel 79 Vespasiano morì, riuscendo quindi a vedere soltanto questi.

Fu quindi Tito ad ereditare il progetto. Fece quindi aggiungere il terzo e quarto piano, completando ed inaugurando l’anfiteatro nell’80.

I famosi sotterranei furono però aggiunti successivamente, da Domiziano (il secondo figlio di Vespasiano). I sotterranei, realizzati in muratura, ebbero un ruolo fondamentale per la realizzazione degli spettacoli. Qui stavano gladiatori, condannati a morte ed animali, nell’attesa della “messa in scena”.

Il Colosseo fu utilizzato per gli spettacoli per circa cinque secoli, siano al VI secolo d.C. quando cadde definitivamente in disuso.

colosseo interno

Corridoi interni al Colosseo

A cosa serviva il Colosseo

Lo scopo del Colosseo, il motivo per cui fu fatto costruire, era quello di allietare i cittadini romani con spettacoli che, al giorno d’oggi, farebbero invece accapponare la pelle. I gladiatori, che combattevano tra loro o contro animali inferociti, erano osannati dal pubblico come veri e propri eroi.

Sebbene, in verità, i gladiatori non fossero quasi mai persone propriamente rispettabili. Al contrario, erano davvero pochi gli uomini che sceglievano questa professione volontariamente. Nella stragrande maggioranza dei casi i gladiatori erano infatti schiavi o prigionieri di guerra condannati a morte. Oppure ancora, persone con ingenti debiti alle spalle.

Non tutti i cittadini romani potevano assistere agli spettacoli allo stesso modo. I posti a sedere erano infatti ordinati per qualità della vista a seconda del rango.

I combattimenti tra gladiatori terminarono intorno all’anno 430. Successivamente, gli spettacoli vennero organizzati solo con animali, sino al VI secolo d.C.

Come arrivare

A seconda di dove vi trovate potrete raggiungere il Colosseo a piedi o con i mezzi pubblici. La linea di riferimento della Metro è la B, fermata Colosseo.

Gli autobus sono i numeri: 51,75, 81, 85, 87, 118

Infine, il Tram, con linea numero 3.

colosseo interno

Dettaglio di una volta

Orari di apertura al pubblico

Il Parco Archeologico del Colosseo (insieme al Foro Romano, Palatino e Domus Aurea) è aperto al pubblico con orari differenti a seconda della stagione, l’ultimo accesso della giornata è previsto un’ora prima della chiusura:

dal 01/06 al 30/08 10:30 – 19:15

dal 01/09 al 30/09 10:30 – 19:00

dal 01/10 al 24/10 09:30 – 18:30

dal 25/10 al 31/12 08:30 – 16:30

Se intendete visitare il Colosseo nel pomeriggio, dovrete programmare il Foro Romano per il giorno successivo.

Dove acquistare i biglietti

I biglietti si possono acquistare sul sito ufficiale del Parco del Colosseo. Vi sono tre tipologie differenti.

Il biglietto standard costa 16€ a persona (2€ ridotto), dura 24 ore e consente di accedere sia al Colosseo che al Foro Romano – Palatino (un solo ingresso per attrazione).

Il biglietto ridotto ART consente di visitare solo il I ordine del Colosseo, a partire dalle ore 14:00, il Foro Romano e Palatino. Costa € 9,50 a persona (2€ ridotto) ma è disponibile solo fino al 31 agosto.

Possono usufruire del biglietto ridotto i cittadini dell’Unione Europea tra i 18 e i 25 anni. Bambini e ragazzi sotto i 18 anni entrano gratuitamente (ma devono comunque pagare i 2€ per il diritto di prenotazione).

A Roma vi sono diversi tour operator o portali che vendono i biglietti per il Colosseo. Il prezzo sarà un po’ più elevato, perché ovviamente c’è una commissione, ma potrebbero rivelarsi utili qualora sul sito ufficiale risultino esauriti. I tour operator hanno sempre qualche biglietto di scorta.

Nota bene. Nel momento in cui scrivo, quindi settembre 2020, sono ancora in vigore le misure anti-covid. La visita all’interno del Colosseo è consentita solo previa prenotazione online, con indicazione specifica dell’orario. Le biglietterie in loco sono chiuse.

L’ingresso è ovviamente contingentato ad un numero più ristretto di persone (rispetto al normale) e occorre rispettare con precisione l’orario di arrivo. È obbligatorio l’uso di mascherina durante tutta la visita. Il percorso è univoco e non si può tornare indietro.

colosseo interno

La spettacolare visuale del Colosseo al suo interno

La visita all’interno

Vale la pena visitare il Colosseo all’interno? Sicuramente sì. Come già detto, vi sono due tipologie di biglietti. Quella ridotta vi darà la possibilità di passeggiare solamente nel primo ordine, senza quindi avere l’opportunità di ammirare l’anfiteatro in tutta la sua grandezza.

Con il biglietto intero avrete invece l’opportunità di salire al secondo piano ed affacciarvi quindi dagli antichi spalti per avere una panoramica a 360° su tutto il Colosseo. La differenza di prezzo è decisamente giustificata da questa vista.

Ma non solo, salendo al secondo piano avrete l’opportunità di visitare anche la splendida mostra allestita all’interno del Colosseo. I pannelli informativi (anche in lingua inglese), insieme alle teche contenenti svariate tipologie di reperti, vi accompagneranno in una meticolosa ricostruzione storica dell’anfiteatro romano.

La mostra è parte integrante della visita e sarebbe davvero un peccato non poterla vedere. L’esposizione spiega in maniera dettagliata la costruzione del Colosseo e, soprattutto, le sue funzioni nel corso della storia e dei secoli. Gli spettacoli sono descritti molto bene, dalla preparazione alla messa in scena. Avrete quindi capito che il mio consiglio è quello di acquistare il biglietto intero, soprattutto se non vi recate a Roma molto spesso.

Per la visita completa all’interno del Colosseo mettere in conto almeno un’ora e mezza.

Il Colosseo con i bambini

Il grande anfiteatro romano non potrà che incuriosire i piccoli viaggiatori, specie se già grandicelli. Mio figlio, cinque anni, appena arrivati a Roma ha chiesto subito di vedere il Colosseo, come prima cosa (per fortuna il nostro hotel stava proprio a dieci minuti a piedi!). Da lì, il desiderio di visitarlo anche all’interno.

Visitare il Colosseo con i bambini sarà un’esperienza davvero entusiasmante, soprattutto se riuscirete a spiegare loro, in modo accattivante (magari addolcendo i dettagli più cruenti), storia e funzione dell’anfiteatro.

I bambini non potranno che rimanere colpiti dalla grandezza del Colosseo, portateli anche all’interno e farete loro un grande regalo! Troverete anche un bel negozio di souvenir con molti libri dedicati proprio ai più piccoli.

Sconsiglio la visita con il passeggino. C’è un percorso per le sedie a rotelle, ma il passeggino si rivelerebbe, temo, troppo scomodo. All’interno del Colosseo ci sono i bagni (se ne avete bisogno, andateci subito, si trovano all’inizio del percorso guidato e, come già detto, non potrete più tornare indietro).

colosseo interno biglietti

Altro dettaglio dell’interno del Colosseo

Visite guidate

È possibile entrare al Colosso anche con una visita guidata. Questo tipo di esperienza è richiestissima in particolare dai turisti stranieri (americani soprattutto) per avere una lezione completa, ovviamente in lingua. La visita guidata al Colosseo si può comunque richiedere anche in italiano, quasi sempre accompagnata da qualche esperienza extra.

Ad esempio, durante i mesi estivi è possibile prenotare “La Luna sul Colosseo”, per visitare l’anfiteatro in notturna, in un gruppo da massimo 20 persone.

Per gli appassionati di architettura c’è la visita guidata a tema, per approfondire le caratteristiche strutturali e funzionali del Colosseo, anche in questo caso con un piccolo gruppo di visitatori.

Se c’è una cosa che a Roma non mancano sono i tour operator. Agenzie o singole guide turistiche abilitate in grado di rispondere alle più diverse richieste, per offrire esperienze di viaggio uniche e costruite su misura.