sydney australia

Cosa vedere a Sydney: guida di viaggio

Sydney è una citta stupenda da visitare, per un viaggiatore italiano. Incastonata in una splendida baia, gode di un clima mite e un downtown ricco di luoghi di interesse.

Alcuni di questi, sono diventate delle vere e proprie icone!

Con i suoi 4.5 milioni di abitanti, Sydney è la città più grande d’Australia, benché non ne sia capitale. È una città che davvero sorprende: lo skyline che si riflette sulle acque della baia, l’inconfondibile sagoma dell’Opera House, i parchi cittadini, così verdi e ben tenuti, le meravigliose spiagge.

Cosa vedere Sydney? In questa guida vi racconto quelli che secondo me sono i luoghi di maggior interesse della città.

Potrebbero interessarvi anche: Itinerario in Australia di 3 settimane, Quanto costa un viaggio in Australia

Cosa vedere a Sydney

sydney opera house

Quando andare

Come forse già saprete, le stagioni in Australia meridionale sono ribaltate rispetto alle nostre. Ciò significa che i mesi estivi a Sydney sono dicembre, gennaio e febbraio. La città si trova in una zona dell’Australia che gode di un clima mite, anche in inverno.

A Sydney troverete un inverno piuttosto temperato. Io ci sono stata in agosto, di giorno le temperature arrivavano anche a 20°, per poi scendere ovviamente verso sera. Non è mai particolarmente freddo a Sydney, in inverno.

L’estate è calda e soleggiata ed è chiaramente la stagione migliore per fare vita da spiaggia!

Per maggiori informazioni, date una letta alla mia guida sul clima australiano.

Trasporto pubblico

Il Kingsford Smith Inernational Airport si trova a solo 10 chilometri dal centro di Sydney. Per raggiungere il downtown vi consiglio di prendere l’Airport Link, un treno diretto che parte ogni dieci minuti, ad un costo di 17,90 Dollari a tratta (sì, non è proprio economico, ma i prezzi di Sydney sono abbastanza elevati, in generale!).

Altre alternative sono i bus di linea (molto più lenti) o i taxi (molto più costosi!).

Il trasporto pubblico di Sydney è efficiente e capillare. Vi sono 8 linee di metropolitana che in verità scorre in larga misura in superficie. Oltre a queste, vi sono gli autobus, che raggiungono le zone più periferiche della città, come ad esempio le spiagge. In aggiunta, i traghetti, che si spostano lungo la baia di Sydney, partendo da Circular Quay.

Per viaggiare a bordo dei mezzi pubblici di Sydney dovrete acquistare la Opal Card, una carta da ricaricare a seconda dei viaggi che avete in programma di fare (sistema identico a quello previsto a Melbourne).

Sydney Harbour

Difficile pensare ad una città sul mare che non sia bella. Lo sono tutte, di norma. Sydney però non si affaccia semplicemente “sul mare”. Sydney si estende lungo una delle baie più belle che mi sia capitato di vedere: il Sydney Harbour.

Si tratta di un porto naturale, lungo circa 20 chilometri, delimitato da due promontori, il North e il South Head. Nel mezzo, un lungo susseguirsi di baie, spiagge, insenature, isole e, naturalmente, il cuore pulsante di Sydney: il Circular Quay.

10 cose da vedere a Sydney

Sydney Opera House

La celebre Opera House non è semplicemente la prima cosa da vedere a Sydney. Si tratta del monumento più rappresentativo di tutta l’Australia, un luogo iconico, per i viaggiatori di tutto il mondo. Patrimonio Unesco, è stata progettata dall’architetto danese Utzon, che si ispirò a vele bianche gonfiate dalla brezza marina. Un paragone azzeccatissimo, considerata la posizione geografica.

La Sydney Opera House include cinque sale, dove vengono rappresentati balletti, concerti ed opere teatrali. È possibile consultare la programmazione e prenotare i biglietti direttamente sul sito ufficiale.

La Sydney Opera House è bellissima anche solo se ammirata dall’esterno (anche si notte). Volendo, si può prenotare una visita guidata.

sydney opera house
Eccomi mentre ammiro l’Opera House di Sydney

Sydney Harbour Bridge

Il secondo luogo iconico di Sydney è l’Harbour Bridge, il grande ponte che collega il Central Business District alla zona nord della città. Il mio consiglio è quello di attraversarlo a piedi, rimarrete incantanti dallo splendido panorama su tutta la baia di Sydney.

Quando arrivate dall’altro capo, in direzione North Sydney, prendete il tempo necessario per godere della vista spettacolare. In quella zona ci sono un sacco di ristoranti orientali, davvero ottimi!

Royal Botanic Gardens

I Royal Botanic Gardens sono il polmone verde di Sydney. Assolutamente da vedere, ma non solo. Qui vi sono svariati sentieri panoramici da percorrere, troverete le indicazioni nell’area antistante l’Opera House. Il modo migliore per evadere dal caos cittadino ed ammirare alcune tra le più belle vedute sulla baia.

The Rocks

The Rocks è il quartiere storico di Sydney. L’aera dove i coloni europei cominciarono la costruzione della città. Si trova proprio ai piedi dell’Harbour Bridge ed è un quartiere davvero da scoprire. A cominciare dal Cadmans Cottage, la casa più vecchia della città (risale al 1840 ed è visitabile anche all’interno).

Un’eccellente museo da vedere in zona è il Rocks Discovery Museum, che racconta l’evoluzione del quartiere e della vita dei suoi abitanti.

The Rocks è un quartiere davvero caratteristico, il bello sta proprio nel passeggiare osservando l’architettura. Nel fine settimana si tiene il Rock Market, un mercato dedicato ad artigiani e artisti locali che qui espongono (e vendono) i loro prodotti.

sydney harbour bridge
Sydney Harbour Bridge
sydney gardens
I Botanics Gardens di Sydney
the rocks sydney
Scorcio di The Rocks

Museum of Contemporary Arts

Il Museo di Arte Contemporanea di Sydney si trova nel Circular Quay ed è interamente dedicato ad opere d’arte contemporanee, sia di artisti australiani che internazionali. È l’esposizione più importante di tutta l’Australia, in questo ambito.

Si trova ubicata in uno splendido edificio in stile Art Déco e, oltre all’esposizione stessa, offre la possibilità di acquistare importanti pubblicazioni d’arte e di assaggiare piatti ricercati nel cafè adiacente.

Darling Harbour

Darling Harbour è forse la zona più viva di Sydney, assolutamente da vedere. È una delle tante baie della città, in questo caso si tratta di quella più centrale.

La zona è stata interamente riqualificata negli anni ’80 ed oggi ospita moltissimi locali e ristoranti, ma anche musei e attrazioni di vario genere. È un luogo sempre molto affollato, è bellissimo anche solo per farci una passeggiata.

Da qui partono i battelli che effettuano il giro panoramico nella baia, ma si trovano anche l’Australian National Maritime Museum, uno stupendo giardino cinese, il museo delle cere, l’acquario e lo zoo della città.

Darling Harbour mi è piaciuto particolarmente di sera, per ammirare le luci della città che si specchiano sull’acqua.

Art Gallery of New South Wales

L’Art Gallery of NSW è una delle collezioni d’arte più importanti d’Australia. Se intendete visitare Sydney, inseritela nel vostro programma di viaggio, è un’occasione eccezionale per conoscere arte e cultura aborigene.

L’esposizione include una vasta collezione di opere che raccontano i cambiamenti sociali e culturali nella storia australiana, a cominciare dalla sezione dedicata all’arte aborigena. L’Art Gallery of NSW include anche un’ampia ala dedicata all’arte contemporanea, sia australiana che internazionale, oltre che alla più recente esposizione dedicata ad opere asiatiche.

Nella sezione Western Art sono custoditi alcuni capolavori di artisti italiani ed europei, tra cui alcune opere di Van Gogh, Canaletto, Picasso e Monet.

L’ingresso è gratuito.

Hyde Park

In questa mia guida con i luoghi di maggior interesse di Sydney inserisco ben due parchi. Le aree verdi della città mi hanno davvero colpita, soprattutto per l’ordine e la pulizia. Credo di non aver visto una sola carta gettata a terra!

Ad ogni modo, Hyde Park è il parco più antico di tutta l’Australia. Occupa un’area di circa 16 ettari ed è diviso in due parti da Park Street. Il monumento più famoso all’interno del parco è la fontana Archibald, progettata dal francese Sicard. Un’opera di indubbio interesse artistico, che include diverse statue in stile classico.

Se state cercando una piccola oasi di tranquillità, qui si trovano anche i Nayoga Gardens, piccoli giardini giapponesi dove potrete passeggiare tra piante di bambù, azalee e splendidi laghetti.

Hyde Park è molto frequentato dai cittadini di Sydney che qui vengono a fare jogging o per la pausa pranzo.

Bondi Beach

Bondi Beach è la spiaggia più celebre di Sydney. Molto frequentata anche dai cittadini locali (sopratutto surfisti), è un luogo da vedere assolutamente.

Consiglio in modo particolare la passeggiata panoramica che dalla piscina di Bondi Iceberg porta fino a Coogee. Sono circa sei chilometri, tutti sul bordo di splendide scogliere. Se vi trovate da queste parti in estate, troverete numerosi posti dove fare il bagno.

Bondi Beach è circondata da uno splendido lungomare con tantissimi locali, ristoranti ed alberghi. Fermatevi almeno a bere una birra, con vista sull’oceano!

bondi beach sydney

Giro della baia in traghetto

Una delle esperienze più belle da fare a Sydney è probabilmente il giro in traghetto lungo la baia della città. Vi sono molte agenzie turistiche che propongono gite di qualche ora, sebbene il modo più economico sia quello di affidarsi al sistema Sydney Ferries, ovvero i traghetti pubblici.

I traghetti si muovono tra le diverse zone della città e sono delle vere e proprie gite panoramiche, ad un costo più basso rispetto a quello delle agenzie turistiche. Prendete quello per Manly, un bel sobborgo di Sydney molto apprezzato per le belle spiagge!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *