toronto

Toronto: cosa vedere nella metropoli canadese

Cosa vedere a Toronto? Ci troviamo in Ontario, Toronto è la prima città del Canada per numero di abitanti (quasi sei milioni, considerata l’intera area urbana). Una città assolutamente da visitare, nel contesto di un più ampio viaggio nel Canada orientale. In questa guida vi racconto Toronto: cosa vedere, dove si trova, clima e un po’ di storia. Unitamente a qualche consiglio utile per inserirla in itinerario.

Ho visitato Toronto durante il mio primo viaggio in Canada, un itinerario abbastanza classico tra Ontario e Québec. Toronto è una città che affascina soprattutto per la sua impronta multiculturale. Si stima infatti che oltre il 30% dei residenti non sia di origine canadese. Qui si parlano, pensate, quasi 150 lingue diverse. Cosa mi ha colpita di Toronto? La sua frenesia, i grandi palazzoni, ma anche l’ordine e il rigore di alcune zone.

Potrebbero interessarvi anche: Cosa vedere nel Canada Orientale, I Parchi del Canada Orientale

toronto
Lo Skyline di Toronto

Toronto era abitata già nel XVII secolo dai nativi seneca. Gli inglesi arrivarono alla fine del XVII secolo, quando fu fondata la città di York. Il 27 aprile 1813 fu una data estremamente importante per la città: Toronto fu invasa dalle truppe americane, che la distrussero quasi completamente. La battaglia di York durò circa una settimana, al termine della quale le truppe canadesi ebbero la meglio su quelle americane.

Toronto venne ufficialmente istituita nel 1834, nel momento in cui York venne ribattezzata con questo nuovo nome (il cui significato è riconducibile a “luogo di raccolta”).

Toronto conobbe il suo primo momento di gloria negli anni Venti del XX secolo, dovuto in larga parte ai grandi giacimenti d’oro, argento e uranio nei dintorni della città.

Toronto è oggi una delle città più importanti del Nord America, probabilmente la città canadese più conosciuta nel resto del mondo, oltre ad essere la più grande, per numero di abitanti.

Cominciamo dal principio: dove si trova Toronto? Ci troviamo nella provincia candese dell’Ontario. Toronto è situata a sud, a breve distanza dal confine con gli Stati Uniti. Il viaggiatore italiano che desidera visitare Toronto troverà facilmente voli diretti da Milano, Roma e Venezia.

Toronto è collocata a circa 540 chilometri dalla città di Montréal, con cui è collegata anche da treni diretti. Il viaggio dura circa cinque ore. Più o meno la stessa distanza necessaria per raggiungere Ottawa, la capitale del Canada.

Toronto è la città più comoda per visitare le Cascate del Niagara dal lato canadese.

Molti viaggiatori inseriscono la città di Toronto come tappa di un itinerario di viaggio che abbraccia Canada e Stati Uniti. Questo in virtù soprattutto della sua vicinanza alle cascate del Niagara. In molti ci arrivano da Boston e New York o Chicago.

Non sono propriamente città comodissime per raggiungere Toronto, perché le distanze sono ragguardevoli, ma nel contesto di un viaggio on the road di lunga durata, si può fare.

A questo proposito, potete dare una letta alla mia guida su come attraversare il confine Canada-Stati Uniti in auto.

cascate niagara lato canadese
Le vicine Cascate del Niagara

Clima e temperature di Toronto variano molto a seconda della stagione. L’estate è indubbiamente il periodo migliore per visitare la metropoli canadese, quando il clima è più caldo. Nei mesi estivi le temperature possono salire anche intorno ai 30°C. Lo posso confermare per esperienza diretta, avendo visitato Toronto nel mese di agosto (ed era effettivamente molto, molto caldo).

Gli inverni sono gelidi, la temperatura media resta sempre sotto lo zero, per raggiungere picchi di anche – 25°C. Per questo i cittadini di Toronto si rifugiano nella città sotterranea, The Path, di cui parleremo più avanti.

La primavera è sempre una stagione incerta per viaggiare in Canada. Nevicate improvvise e disgelo non sono l’ideale per le attività all’aperto e nei parchi (anche in quelli nei dintorni di Toronto) sono ancora difficilmente praticabili.

Toronto è una città molto grande, con importanti musei e tanti eventi sempre in programma. Di cose da fare e vedere ce ne sono per almeno una settimana. Ritengo comunque che le città non siano la parte migliore di un viaggio in Canada, che, a mio avviso, dovrebbe essere dedicato in misura maggiore alla natura e ai grandi parchi.

Visitare Toronto in un giorno è possibile, in molti lo fanno. Un lasso di tempo così risicato consente comunque di vedere la CNN Tower, fare una passeggiata nel pittoresco Distillery District, comprare qualcosa di tipico al St. Lawrence Market. Oltre ovviamente a fare quattro passi nei sotterranei.

Con due o tre giorni a disposizione ci sarà anche il tempo di vedere qualche museo e raggiungere le Toronto Islands.

Io sono arrivata a Toronto con il treno. Muoversi in auto in città può rivelarsi piuttosto disagevole e i parcheggi non costano poco (se pernottate in centro mettete in conto almeno una ventina di dollari al giorno per il posto auto, che raramente è incluso nel prezzo della camera).

La rete di trasporto pubblico di Toronto è efficiente e compre buona parte dell’area urbana e non della città, la soluzione ideale per visitare il capoluogo dell’Ontario. Esiste una sola azienda che controlla i trasporti, la Toronto Transit Commission (TTC), che gestisce autobus, metropolitana e tram.

È possibile acquistare le corse singole, che costano 3,25 dollari, ma se prevedete di effettuare più viaggi nella stessa giornata vi conviene comprare il pass giornaliero a 12,50 dollari. Oppure potrete valutare i “tokens” che sono blocchi di più corse (3-7) acquistate insieme, che ovviamente costano meno. I bambini viaggiano gratis fino ai 12 anni.

Se invece intendete rimanere in città più giorni potrete valutare l’acquisto della Presto Card (6 dollari) che consente di risparmiare sulle singole corse. Oppure ancora, c’è l’abbonamento settimanale a circa 44 dollari.

Biglietti, pass e Presto Card possono essere acquistati presso le macchinette automatiche nelle stazioni della metro e nei negozi Drug Mart.

Se siete appena arrivati a Toronto sappiate che il centro città è collegato con l’aeroporto in modo diretto dal treno Union Pearson Express, che conduce direttamente alla stazione centrale al costo di 12 dollari per tratta. C’è un treno ogni 15 minuti, dalle 5:30 del mattino all’1:30 di notte. Un taxi per il centro città costa intorno ai 60 dollari, da tenere quindi in considerazione se arrivate di notte o se siete quattro.

Per maggiori informazioni, per visionare mappa e orari potete consultare il sito TTC Toronto.

toronto canada
toronto
In posa a Toronto!

Inutile girarci troppo intorno: dormire nel downtown è piuttosto costoso. Noi non siamo riusciti a trovare hotel a meno di 180/200€ a notte (parcheggio escluso, nel mese di agosto). Per visitare Toronto con poche ore di tempo a disposizione l’idea di prenotare un albergo nel centro città può sembrare la più pratica, ma io vorrei invece suggerirvi una seconda opzione: dormire in periferia e raggiungere il downtown con i mezzi pubblici.

Noi abbiamo alloggiato ad Oakville (anche per essere più comodi, il giorno successivo per raggiungere le Cascate del Niagara in giornata) presso il Sandman Hotel. Ci siamo poi spostati con il comodissimo treno che in circa mezz’ora ci ha portati nel centro di Toronto ad un costo di 12 dollari canadesi a persona (bambini gratis sotto i 12 anni).

Toronto è una città estremamente diversa, rispetto a quanto siamo abituati a vedere in Europa. Come già detto, ha un’anima profondamente multiculturale, è un polo commerciale e finanziario di primaria importanza, una città vivace, sotto molteplici punti di vista.

Toronto è suddivisa in sei distretti: Old Toronto, East York, Etobicoke, Scarborough, North York e York. . Subito sotto il downtown c’è Path, la parte sotterranea della città. È una metropoli anch’essa, considerato il fatto che la rete di collegamenti è lunga 30 chilometri.

Ho visitato Toronto nel corso del mio primo viaggio in Canada e ne sono rimasta affascinata, non posso negarlo. Per me che vivo in un piccolo paese, queste grandi metropoli hanno sempre un effetto molto particolare. Quelli che seguono sono i luoghi di maggior interesse turistico di Toronto, che vi consiglio di vedere.

CN Tower

La CN Tower è il simbolo di Toronto. La vista che avrete da qui non la troverete da nessun’altra parte.

Se siete amanti delle città viste dall’alto la CN Tower dovrà essere la prima tra le tante cose da vedere a Toronto. La CN Tower è l’edificio che più caratterizza lo skyline di Toronto e, vi assicuro, lascia senza fiato per quanto è alta. L’ascensore è pazzesco: interamente panoramico, vi permetterà di risalire gli oltre 500 metri della torre ammirando l’intera città.

Il prezzo purtroppo è salato, la salita costa 36$ ma se volete raggiungere lo SkyPod, ovvero il piano più alto di osservazione, ne dovrete sborsare 48. Al vostro arrivo troverete enormi vetrate che vi consentiranno di ammirare l’intera Toronto.

La CN Tower ospita anche un ristorante che, come potrete immaginare, non è propriamente economico. Un vantaggio però c’è: non pagherete il costo dell’ascensore. Se siete amanti del brivido e non temete l’altezza potrete, volendo, provare un’esperienza davvero unica, la Edge Walk. Si tratta di una passeggiata un po’ estrema, a bordo del cornicione, sorretti da un’imbracatura di sicurezza. Solo per veri intrepidi, la sottoscritta trema solo guardando le foto scattate da altri.

toronto cnn tower
La CNN Tower, simbolo di Toronto

Nathan Philips Square

Ecco se c’è una cosa che certamente non dovete aspettarvi di trovare a Toronto è una piazza in stile europeo, magari con una bella basilica da visitare e con pittoreschi caffè che ne fanno da cornice. A Toronto non c’è nulla del genere, ma quanto di più simile potrete trovare è forse la Nathan Philips Square, che inserisco tra le cose da vedere a Toronto.

Qualora doveste improvvisamente perdere il senso dell’orientamento, a Nathan Philips Square lo ritroverete in un battibaleno grazie all’imponente installazione “TORONTO” posta nel centro della piazza (letteralmente, si tratta di enormi lettere luminose, che ho personalmente visto tinte di bianco rosso e verde, trovandomi lì a pochi giorni dal devastante terremoto in Centro Italia del 2016).

Nathan Philips Square è uno dei principali punti d’incontro di Toronto. In estate ospita spesso concerti, manifestazioni e capita frequentemente di imbattersi in spettacoli di artisti di strada. In inverno si trasforma invece in una grande pista di pattinaggio su ghiaccio. Nella Nathan Philips Square (che per la cronaca è stato sindaco della città alla fine degli anni ’50) trova sede anche il municipio, due grossi palazzoni con al centro una strana struttura a forma di disco (perdonatemi ma io di architettura capisco ben poco).

toronto
Nathan Philips Square, nel downtown di Toronto

St. Lawrence Market

Io amo molto i mercati. Un mercato è un luogo di interesse storico/culturale di primaria importanza, per alcuni aspetti lo è più di un museo. In un mercato potete incontrare la gente del posto scoprendone magari le abitudini, conoscere i prodotti enogastronomici locali, imparare qualcosa sulla cucina tradizionale, assaggiarla, capire qualcosa in più sul costo della vita del luogo che state visitando.

Situato nello storico quartiere di Old York, il St. Lawrence Market ha aperto i battenti per la prima volta nel lontano 1845. Da allora ospita una cinquantina di bancarelle che ogni giorno propongono quanto di meglio si possa trovare (e provare) tra la gastronomia locale: carne, pesce freschissimo, prodotti da forno, frutta e verdura, dolci, formaggi. C’è praticamente di tutto ed è possibile anche pranzare in loco. Un’esplosione di sapori e colori pazzesca. Al piano di sopra trova sede la Market Gallery dove vengono allestite mostre temporanee di artisti locali. L’ingresso è gratuito quindi approfittatene!

Cosa vedere a Toronto
Cosa vedere a Toronto: il ST. Lawrence Market (foto di Wladyslaw, Commons Wikipedia)

Distillery District

Questa è la parte della città che ho amato di più. I grattacieli sono belli, ci fanno sentire tutti un po’ più cinematografici, ma, diciamoci la verità, dopo un po’ annoiano. Abbandoniamo quindi i grandi palazzoni ed immergiamoci tra i mattoni rossi, quelli delle vecchie fabbriche costruite oltre 200 anni fa situate in questa zona di Old York (ricordiamoci che ci troviamo pur sempre in Nord America, dove un palazzo, se edificato due secoli or sono, viene considerato quasi preistorico). Gli edifici oggi sono stati quasi interamente riqualificati ed ospitano ristoranti alla moda, locali, gallerie d’arte e negozi di prestigio.

Al Distillery District si passeggia, ci si guarda intorno, ammirando il più vasto agglomerato di edifici vittoriani di tutto il Nord America. Indovinate perché si chiama Distillery District? Ovviamente perché qui trova sede la Gooderham and Worst, fino a non molto tempo fa la distilleria più grande del mondo, il cui edificio è diventato uno dei più caratteristici di tutta Toronto. Un giretto da queste parti fatelo perché tra tutte le cose da vedere a Toronto questo distretto è tra i più interessanti.

toronto-distillery
Il Distillery District

Toronto Islands

Le Toronto Islands si trovano a circa un quarto d’ora di traghetto dalla città. Io vi consiglio di passare qui almeno un pomeriggio, non solo perché avrete una delle migliori viste possibili sulla città di Toronto, ma anche perché potrete rilassarvi o divertirvi con molte attività ricreative.

Le isole sono collegate tra loro da ponti ed è quindi possibile passeggiare in tutta tranquillità tra l’una e l’altra. Nelle Toronto Islands troverete davvero di tutto: parchi attrezzati con aree da picnic, spiagge (alcune delle quali balneabili in estate), ristoranti, campi da baseball, da calcio, da tennis e da pallavolo. Se l’idea vi piace potrete anche noleggiare una bici per muovervi più velocemente.

Come arrivare alle Toronto Islands. Dovrete necessariamente prendere il traghetto. Il molo per le partenze è situato tra Bay Street e Yonge Street e ve ne accorgerete subito dalla fila di persone in coda per il biglietto. Il costo della traversata andata e ritorno è di circa 8$ dollari con riduzioni previste per bambini, studenti ed anziani. Sotto i 2 anni i bambini viaggiano gratis.

toronto cosa vedere
Le Toronto Islands

Royal Ontario Museum

Il Royal Ontario Museum, da vedere assolutamente a Toronto, colpisce in primo luogo per la sua inusuale architettura. L’edificio è un pittoresco connubio tra architettura tradizionale (la prima costruzione risale al 1914) e una modernissima facciata appuntita in cristallo, aggiunta solo nel 2007.

Struttura a parte, il Royal Ontario Museum di Toronto è la più grande esposizione permanente del Canada, la quinta di tutto il Nord America ed è uno dei più importanti musei di storia naturale del mondo. Davvero una tappa da inserire nel vostro itinerario a Toronto.

Sono oltre 6 milioni gli oggetti custoditi nel Royal Ontario Museum, suddivisi in 40 gallerie. Ci vuole quasi una giornata per visitare tutto il museo.

Fort York

Quello di Fort York è il sito storico più importante da vedere a Toronto. Oltre a costituire uno dei primi insediamenti della città, include diversi edifici che, durante la guerra anglo-americana del XIX secolo, erano attrezzati per scopi militari. Tra questi sono inclusi due fortini, terrapieni ed altri edifici storici.

Una prima versione del forte fu distrutta nel 1813, durante la battaglia di York.

Casa Loma

Casa Loma è uno dei simboli della città di Toronto. Chiamata anche “casa sulla collina”, è una grande villa in stile vittoriano realizzata all’inizio del XX secolo per volontà di Henry Pellat, un ricco finanziere. Uno dei pochi castelli esistenti in Nordamerica. La villa è oggi un imponente museo, dove è possibile ammirare la moltitudine di stanze, riportare allo splendore originale.

Il parco esterno è davvero incantevole. Casa Loma si raggiunge con i Baldwin steps, una scalinata abbastanza ripida immersa nella natura.

toronto-casa-loma
Casa Loma a Toronto

401 Richmond

Gli appassionati di arte non dovranno perdersi una visita al 401 Richmond, una delle gallerie d’arte più importanti di Toronto. Anzi, all’interno di questo vecchio magazzino interamente ristrutturato, le gallerie d’arte sono 130. L’accesso oltretutto è gratuito.

Le opere esposte sono tutte di epoca contemporanea, realizzate con le tecniche e i materiali più disparati.

Path

Come già anticipato, Path è la versione sotterranea di Toronto. Collegata alla superficie esterna tramite diversi punti di accesso (ma badate bene di ricordare da dove siete scesi), è praticamente un enorme centro commerciale sotterraneo. Il più grande al mondo, stando al Guinness dei Primati.

Path è una zona interamente pedonale, la cui costruzione ebbe inizio nei primi anni del XX secolo. Nella Toronto sotterranea troverete veramente di tutto: negozi, banche, farmacie. Si stima che ogni giorno circa 200.000 persone scendano nei sotterranei di Toronto.

Cosa vedere nei dintorni di Toronto

La maggior parte dei viaggiatori che sceglie il Canada come destinazione, opta per un viaggio itinerante. Considerando quindi che Toronto non sarà la vostra unica meta, ecco alcuni consigli su cosa vedere nei dintorni del capoluogo dell’Ontario.

Cominciando, ovviamente dalle Cascate del Niagara. Come già detto, Toronto è la città più comoda per raggiungerle e visitarle dal lato canadese. Volendo, lo si può fare anche in giornata, muovendosi con la propria auto o con il trasporto pubblico. Per maggiori informazioni, questa è la mia guida per visitare le Cascate del Niagara, proprio partendo da Toronto.

Quello delle Thousand Islands è un parco nazionale assai curioso. Molto diverso da ciò che ci si immagina di trovare in Canada. Il Lake Ontario costituisce il confine naturale con gli Stati Uniti. Al suo interno, centinaia di piccole isole, quasi tutte private, dove alcuni fortunati hanno scelto persino di abitare. Una gita in barca da queste parti è un’esperienza di viaggio che vorrei consigliare.

La zona dei Muskoka Lakes è un luogo di villeggiatura molto amato proprio dai cittadini di Toronto che desiderano fuggire dal caos metropolitano. Splendidi laghi, tanti sentieri naturalistici, piccole cittadine dal fascino bucolico. A sole due ore di auto da Toronto.

A nord di Toronto si estende la Bruce Peninsula, una splendida riserva naturalistica che si affaccia sul Lake Huron. Se siete alla ricerca di luoghi poco battuti e desiderate immergervi totalmente nella natura, vi consiglio di raggiungere Tobermory. Da qui partono i traghetti per Manitoulin Island, un piccolo paradiso dove vi sentirete lontani da tutto e da tutti.

manitoulin island
Manitoulin Island
muskoka lakes
Muskoka Lakes

30 commenti su “Toronto: cosa vedere nella metropoli canadese”

  1. Io sono cone te, città solo mordi e fuggi! Sono anche io molto piu per parchi e natura! Questo itinerario mi piace moltissimo, soprattutto perche è un giro per la città senza musei (che pur avendo studiato e amando l arte dopo un po mi annoiano) e perché hai inserito un market che sono tra i miei posti preferiti nelle grandi metropoli…è li che si assapora la vita vera della città! Bellissimo!

  2. ladiesarebaking

    Assolutamente d’accordo sul fatto di inserire il mercato! Se c’è una cosa che amo quando visito una città è viverne la cultura…immedesimarmi, per quanto possibile in poco tempo, nella loro vita di tutti i giorni, per provare a scoprire almeno in parte cosa significhi vivere lì! E il mercato mi sembra davvero un’ ottima scelta, senza contare che da brava foodblogger assaggerei tutto 😂

  3. Questo itinerario mi piace molto. Anch’io quando viaggio, scelgo sempre almeno una città da visitare ma poi voglio anche immergermi nella natura e tranquillità. I quartieri che hai citato sono sicuramente belli ed interessanti da scoprire, ma vuoi mettere i colori e profumi del mercato per una food blogger? 🙂

  4. patataingiacca

    Non so se perché fosse inverno o perché venivamo da Montreal (città che amo) ma per me Toronto è stata una mega delusione 😭😭😭

      1. Hai già risposto alla domanda che ti volevo fare, allora te ne facio un’altra. Vorrei andare in Canada in autunno, per fotografare i bei colori autunnali, secondo te meglio inizio ottobre o inizio novembre? Grazie e complimenti per il post

  5. Anche noi abbiniamo sempre le città alla natura e se dobbiamo essere sinceri preferiamo gli itinerari naturali a quelli urbani. Toronto in ogni caso è una città che mi affascina e che spero prima o poi di vedere. Dove avete alloggiato per curiosità?

    1. Fuori città, in zona aeroporto. In centro gli alberghi sono costosissimi e ci è convenuto di più prendere il treno. Il giorno dopo dovevamo poi andare verso le Niagara Falls e ci era comunque più comodo.

  6. Concordo con te, anch’io se dovessi visitare quelle zone sceglierei di dedicare meno tempo alle città e di più a parchi e luoghi naturali! Credo che una giornata per Toronto sia stata sufficiente!

  7. Costosa la salita sulla CN Tower 🙁 Preferirei farmi un giro nelle isolette in mezzo al verde ed in ogni caso con tutti i parchi che ci sono da vedere in Canada un giorno dedicato a Toronto mi sembra più che sufficiente!

  8. Mi hai fatto tornare in mente dei bei ricordi 😍 Sono stata a Toronto 5 anni fa e l’ho amata. Certo, avevo come guide d’eccezione alcune cugine canadesi, che mi hanno fatto conoscere e vivere la città fino in fondo.
    Io ho visto la Nathan Phillips Square senza scritta gigante; ah l’edificio “antico” che si vede nella foto dell’articolo è il municipio vecchio, che si contrappone alla particolarità di quello nuovo lì di fianco.

  9. Non so se Toronto potrebbe essere la città adatta a me!
    Ho visto, anche grazie a te, tanti splendidi scorci e città del Canada e questa non mi attira particolarmente!
    Adoro invece Quebec City… *_*

  10. Non sono mai stata in Canada ma credo che almeno una giornata la dedicherei a Toronto, soprattutto per il Distillery District e per le Toronto Islands. A volte, e sono d’accordo come te, meno città e più paesaggi! 🙂

  11. Pingback: Canada orientale: itinerario di viaggio con bambini – the DAZ box

  12. Pingback: Da Toronto alle Cascate del Niagara: come visitare il lato canadese in giornata – the DAZ box

  13. Pingback: Montreal: cosa vedere in 2 giorni. – the DAZ box

  14. Pingback: Cosa vedere nel Canada orientale: 15 luoghi da non perdere, secondo me. – the DAZ box

  15. Ciao Daniela, alloggiavate fouri città giusto? Andavate con la vostra auto in centro città? Dove parcheggiavate? che costi hanno in media i parcheggi? Grazie Gianni

  16. Pingback: Canada orientale: itinerari consigliati per 2/3 settimane di viaggio – the DAZ box

  17. Ho amato Toronto sopratutto la sua Path, mi entusiasmava il fatto che fosse una duplice città!! Una a livello terra e una sotterranea! Ho fatto quasi tutte /3 su 5) le cose da te suggerite… dovrò tornare per continuare !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *